Crea sito

40 anni fa moriva Ian Curtis

40 anni fa moriva Ian Curtis

Il cantante dei Joy Division ci ha lasciato la notte tra il 17 e il  18 maggio 1980

40 anni fa moriva Ian Curtis
Ian Curtis in una foto di repertorio

40 anni fa moriva Ian Curtis, un giorno prima dell’inizio del primo tour negli Stati Uniti. Per onorare la sua memoria i suoi ex compagni nei Joy Division, Bernard Sumner e Stephen Morris, parteciperanno a un evento livestream, sulla piattaforma streaming United We Stream. In occasione dell’inizio della settimana di sensibilizzazione sulla salute mentale nel Regno Unito, si commemorerà Ian Curtis. L’evento si svolgerà dalle 21:00 alle 23:00, non solo sul sito web di United We Stream, ma anche sulla pagina Facebook.

L’evento viene presentato come “una serata speciale di musica, poesia e conversazione” e raccoglierà fondi per l’organizzazione benefica per la salute mentale Manchester Mind e il centro di musicoterapia di Nordoff Robins. Il live streaming sarà ospitato dal festival musicale Manchester Headstock e dal DJ e scrittore Dave Haslam.

40 anni fa moriva Ian Curtis, una serie di eventi per ricordarlo e raccogliere fondi, da devolvere in beneficenza per diverse associazioni

Si racconteranno aneddoti sui Joy Division e ci saranno molte interviste oltre a quelle ai sui ex compagni Bernard Sumner e Stephen Morris, ora membri dei New Order. Interverranno infatti anche in livestream Brandon Flower, leader dei The Killers, che racconterà come i Joy Division abbiano influenzato il suo gruppo, i Kodaline, gli Elbow, Mark Lanegan e molti altri artisti. Parteciperanno anche l’attrice Maxine Peake e Mark Reeder.

Anche l’ex bassista del gruppo, Peter Hook, ha organizzato un evento speciale per ricordare l’amico e collega Ian Curtis. A partire dalle 13:00 italiane e per 24 ore, infatti, sarà disponibile sui canali YouTube e Facebook dei Joy Division e su quelli di Peter Hook & The Light il concerto tenuto nel 2015 da Peter Hook e la sua band alla Christ Church di Macclesfield, in cui era stata riproposta l’intera discografia dei Joy Division. Si tratta della città natale di Ian Curtis. Anche questa iniziativa ha scopo benefico, sarà infatti possibile effettuare donazioni a favore della Epilepsy Society.

L.M..