Fissare la vostra immagine riflessa in uno specchio

Fissare la vostra immagine riflessa in uno specchio

Fissare la vostra immagine riflessa in uno specchio che effetti provoca

L’affasciante esperimento dello psicologo Giovanni Caputo

Fissare la vostra immagine riflessa in uno specchio che effetti provoca. The Undoing - Le verità non dette, Matilda De Angelis, specchio, bagno
Una scena di The Undoing – Le verità non dette che ha come protagonista Matilda De Angelis
Sei qui: Home » Fissare la vostra immagine riflessa in uno specchio

Avete mai provato a fissare la vostra immagine riflessa in uno specchio per alcuni minuti? Giovanni Caputo, psicologo dell’università di Urbino, ha dimostrato tramite un esperimento che può essere un’esperienza davvero particolare. Lo specchio nella storia e nella cultura popolare ha sempre avuto un notevole fascino esoterico e magico, alcuni lo ritenevano persino una sorta di un portale tra due diverse dimensioni o mondi, la filmografia è piena di esempi di questo genere.

Pensate ad esempio al film Il signore del male di John Carpenter e alla scena in cui Kelly apre un varco, attraverso uno specchio, che permette al principe delle tenebre di abbandonare la prigionia nella dimensione alternativa e fare ritorno sulla Terra. Il tema dello specchio poi sarà ricorrente in altre parti di questa famosa pellicola horror. In altri casi gli specchi servivano a scovare eventuali vampiri nelle vicinanze perché questi esseri hanno qualche problemino con questo oggetto. Un esempio di questo genere di film è Dracula di Bram Stoker di Francis Ford Coppola. Emblematica è la scena in cui Keanu Reeves si sta rasando e vediamo la mano di Dracula poggiarsi sulla spalla. La mano del vampiro però non appare riflessa nello specchio.

Gli specchi inoltre spesso sono magici, pensate alla fiaba Biancaneve e i sette nani dei fratelli Grimm. Un fiaba che ha ispirato prima l’omonimo film d’animazione della Disney, poi numerosi film come ad esempio Biancaneve e il cacciatore. Potrei citarvi moltissimi altri tipi di specchi presenti nel folclore popolare, nei romanzi, nei film o nelle serie tv, ma tutti hanno in comune il fatto di essere degli oggetti piuttosto affascinanti. Tutti inoltre in casa abbiamo degli specchi che usiamo quotidianamente per innumerevoli scopi.

Fissare la vostra immagine riflessa in uno specchio può avere effetti sulla vostra mente

Fissare la vostra immagine riflessa in uno specchio cosa può provocare? Giovanni Caputo voleva dimostrare che fissare intensamente il proprio volto per un lasso di tempo prolungato, può portare ad uno stato di forte alterazione psichica. Questo accade perché la nostra mente è strutturata in modo tale da riconoscere immediatamente i volti umani. Pensate ad esempio alla alla pareidolia che ci fa vedere volti nelle nuvole, nelle conformazioni rocciose o nella vegetazione.

Non vi è mai capitato? Quanti di voi hanno provato a distinguere volti nelle nuvole sdraiati su un prato? La nostra mente è programmata per vedere volti probabilmente per un fattore difensivo atavico come spiegano gli scienziati. Cosa accade se questa capacità viene iper stimolata? Se provate a fissare la vostra immagine riflessa in uno specchio cosa può accadere?

Accade qualcosa di molto curioso che fa andare in una sorta di corto circuito la nostra percezione di questa immagine. Questo perché il sistema di interpretazione visiva del cervello non è fatto per avere stimoli monotoni prolungati. Se si supera un certo limite, tenderà a rielaborare la realtà creando nuove immagini. La nostra mente è davvero complessa e talvolta indecifrabile!

Fissare la vostra immagine riflessa in uno specchio. I Simpson, Homer Simpson, capelli, specchio
Una scena dei Simpson che ha come protagonista Homer

L’esperimento di Fissare la vostra immagine riflessa in uno specchio

Caputo effettuò questo esperimento su cinquanta volontari. Ai volontari per non influenzare i risultati attesi lo psicologo disse che si trattava di un’esperienza meditativa e introspettiva. I partecipanti all’esperimento si posizionarono a circa quaranta centimetri dallo specchio. Avevano inoltre come unica fonte d’illuminazione una lampada fioca posta alle loro spalle.

I risultati furono sorprendenti perché dopo solo pochi minuti i volontari riferirono di aver visto il proprio volto distorcersi assumendo espressioni innaturali. Espressioni che potevano essere grottesche o caricaturali, a volte persino inquietanti e quasi maligne. Trascorso altro tempo i partecipanti cominciarono ad avere delle vere e proprie allucinazioni. Nello specchio comparvero infatti animali, parenti deceduti e addirittura creature fantastiche.

La resistenza dei volontari davanti allo specchio

Il tempo di resistenza media dei volontari in queste condizioni era stato di circa dieci minuti prima che in loro prendesse il sopravvento l’agitazione e l’inquietudine. Pochi anni dopo Caputo condusse un esperimento molto simile, che questa volta prevedeva di fissare negli occhi un’altra persona. Il risultato ebbe effetti altrettanto inquietanti. Ne parlo in questo articolo: Fissare negli occhi qualcuno può avere effetti incredibili.

Questa singolare ricerca dello psicologo continua ad andare avanti anche in altre parti del mondo ed è tuttora in fase di perfezionamento. Chissà se avremo ulteriori dati sul fissare la vostra immagine riflessa in uno specchio. Avete mai provato a fissare la vostra immagine riflessa per alcuni minuti? Cosa ne pensate dei risultati di questo esperimento? Un esperimento che in ogni caso ha dimostrato per l’ennesima volta il fascino della psiche umana!

Infine vi ricordo che, per rimanere sempre aggiornati sulle ultime notizie riguardanti film, serie TV, musica e cartoni animati, potete seguire il blog sui social. Non sono solo film ha un canale Telegram e pagine su Facebook, Instagram e Twitter.

Vi è piaciuto questo articolo sul fissare la vostra immagine riflessa in uno specchio? Trovate articoli simili nella sezione del blog non son solo film dedicata alle curiosità.

Luca Miglietta

Specchio da parete – sponsorizzato

Pubblicato da Luca Miglietta

Luca Miglietta, classe 1988, nato a Torino, appassionato di cinema e di tutto il mondo che lo circonda. Cresciuto fin da piccolo con la passione per il grande schermo guardando saghe come Ritorno al Futuro, Star Wars ed Indiana Jones. Difficile dire quale sia il mio film preferito in assoluto, perché generalmente non mi affeziono a un singolo film a parte quelli sopracitati che sono legati alla mia infanzia. Se dovessi però dirne qualcuno penserei a: Blade Runner, Terminator o Apocalypse Now. Non amo solamente il cinema, ma anche la letteratura e la fotografia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.