Crea sito

Il cinema catastrofico di Roland Emmerich

Il cinema catastrofico di Roland Emmerich

Quante situazioni ricorrenti nei suoi film! Ne ho descritte alcune in questo articolo

Il cinema catastrofico di Roland Emmerich
Una scena di Stargate che ha come protagonisti Kurt Russell e James Spader

Conoscete il cinema catastrofico di Roland Emmerich? Avete visto qualche sua pellicola? Roland Emmerich può essere considerato a tutti gli effetti uno dei registi più catastrofici della storia del cinema con le sue apocalissi, i suoi cataclismi e il rischio costante che l’umanità possa essere spazzata via.

Emmerich dopo tutto è sempre stato bravo confezionare film spettacolari infarciti di moltissimi ed efficacissimi effetti speciali, che spesso, ma non sempre, fanno da padrone rispetto alla trama.
Per citarne alcuni basti pensare a Stargate, Independence Day, The Day After Tomorrow, 2012 o Godzilla, in tutti questi cinque film il mondo e la vita umana rischiano di essere disintegrati.

In Stargate una potentissima bomba nucleare aliena rischia di estinguere la razza umana, in Indipendence Day, The Day After Tomorrow e 2012 le città vengono rase al suolo, in Godzilla un mostro e i suoi eventuali cuccioli rischiamo di porre fine all’umanità. In tutti e cinque i film solo i pochi e abili superstiti riescono a sconfiggere o limitare il mostro, gli alieni o i cataclismi naturali di turno.

Independence Day, Bill Pullman
Una scena di Independence Day che ha come protagonista Bill Pullman

Nel cinema catastrofico di Roland Emmerich l’umanità è sempre in costante pericolo

Inoltre se proprio vogliamo essere cattivi si possono notare numerosissimi tratti in comune presenti nei suoi sopracitati film, eccetto in Stargate che viene ambientato su di un altro pianeta. Partiamo dal fatto curioso che New York deve essere assolutamente distrutta o devastata, quasi il regista avesse conto in sospeso con la Grande Mela

Altro elemento che evidentemente per contratto deve essere per forza presente nei suoi lungometraggi, prendendo in esame questa volta Indipendence Day, The Day After Tomorrow e 2012 è il fatto che il Presidente degli Stati Uniti o qualche suo famigliare devono morire: muore la moglie del presidente in  Indipendence Day e muore il presidente degli USA sia in The Day After Tomorrow che in 2012.

Il cinema catastrofico di Roland Emmerich
Una scena di Independence Day che ha come protagonisti Jeff Goldblum e Will Smith
Anche i protagonisti dei sui film si assomigliano sempre

Altro elemento essenziale dei suoi film è il fatto che il protagonista è normalmente uno scienziato, eccetto in 2012 nel quale è un romanziere, e che è l’unico che comprende prima di tutti ciò che sta accadendo. Questi però non viene mai creduto da nessuno, altrimenti il lungometraggio durerebbe troppo poco!

Ma non temete, quando alla fine la situazione è quasi irrimediabile, l’impavido protagonista salva sempre le sorti dell’umanità. Da non dimenticare la situazione sentimentale del protagonista, sempre divorziato o quasi, questo perché in Godzilla è stato solamente mollato dalla sua ex. Ovviamente alla fine del film torneranno tutti felici e contenti! Un classico.

Avete notato anche voi queste elementi ricorrenti nel cinema catastrofico di Roland Emmerich? Caratteristiche che sia chiaro accomunano anche altri registi, così come campita spesso che i cineasti siano soliti a rappresentare situazioni spesso ricorrenti nei propri film.

Se vi è piaciuto questo articolo sul cinema catastrofico di Roland Emmerich, condividetelo sui social.

Luca Miglietta

Non son solo film non è una testata giornalistica registrata, ma un blog indipendente sul mondo del cinema, delle serie tv, della musica e dell’intrattenimento in generale. E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti presenti sul blog non son solo film non autorizzata espressamente dall’autore. Copyright © 2012 - 2021 non son solo film a cura di Luca Miglietta. Buona lettura e permanenza sul sito.