Monologo di Delios in 300

Monologo di Delios in 300

Monologo di Delios in 300

Lo sentite nell’incipit del film di Zack Snyder

Monologo di Delios in 300, 2007, Zack Snyder, David Wenham, Delios
Una scena di 300 che ha come protagonista David Wenham nel ruolo di Delios
Sei qui: Home » Monologo di Delios in 300

Avete mai sentito il monologo di Delios in 300? Si tratta di una pellicola diretta nel 2007 da Zack Snyder. 300 è l’adattamento cinematografico dell’omonima opera a fumetti scritta e disegnata da Frank Miller, con la collaborazione di Lynn Varley ai colori. La graphic novel si ispirava a sua volta a L’eroe di Sparta, un film semi-storico diretto nel 1962 da Rudolph Maté, che parla della battaglia delle Termopili, svoltasi nel 480 a.C. 300 è stato girato con la tecnica del chroma key per riprodurre le immagini dell’originale fumetto.

Sentite il monologo di Delios nell’incipit di 300. Lui fa da voce narrante ed è interpretato dall’attore David Wenham. L’attore nel film divide lo schermo con Gerard Butler, Lena Headey, Dominic West, Vincent Regan, Michael Fassbender, Tom Wisdom, Andrew Pleavin, Andrew Tiernan e Rodrigo Santoro. Delios è un soldato spartano, che nella pellicola narra la vita di Leonida, dalla sua dura gioventù alla sua ascesa al trono di Sparta.

Tutto ha inizio quando dei messaggeri persiani si presentano a Sparta, chiedendo la loro sottomissione al re Serse. Leonida e i suoi soldati uccidono i messaggeri persiani scaraventandoli in un pozzo come risposta alla richiesta. Ora non mi dilungherò oltre e vi parlerò nelle prossime righe del monologo di Delios in 300.

Monologo di Delios in 300, 2007, Zack Snyder, Gerard Butler, Re Leonida
Una scena di 300 che ha come protagonista Gerard Butler nel ruolo di Re Leonida

Il bellissimo monologo di Delios nell’incipit di 300

Ecco tutto il monologo di Delios nell’incipit di 300:

Quando il bambino nacque, come tutti gli Spartani fu esaminato: fosse stato piccolo, o gracile, o malato, o deforme, sarebbe stato scartato. Quando fu in grado di reggersi in piedi ricevette il battesimo del fuoco al combattimento. Gli insegnarono a non indietreggiare mai, a non arrendersi mai. Gli insegnarono che la morte sul campo di battaglia al servizio di Sparta era la gloria più grande che la vita avrebbe potuto offrirgli. All’età di sette anni, secondo le usanze di Sparta, il ragazzo fu strappato dalle braccia della madre e scaraventato in un mondo di violenza.

Forgiato da trecento anni di una società guerriera, quella di Sparta, in grado di creare i migliori soldati che il mondo abbia mai conosciuto. L’Agoghé, come viene chiamata, costringe il ragazzo a combattere, lo riduce alla fame, lo costringe a rubare, e se necessario a uccidere. Con verghe e fruste il ragazzo fu punito, addestrato a non mostrare dolore, né pietà. Costantemente messo alla prova, gettato nella foresta, lasciato a misurare ingegno e volontà contro la furia della natura. Era la sua iniziazione, affrontare la foresta.

Da lì sarebbe tornato alla sua gente, da Spartano… o non sarebbe tornato affatto. Il lupo comincia a girare intorno al ragazzo, artigli di acciaio nero, pelo scuro come notte, occhi rossi di fuoco, gioielli dalle cave dell’inferno. Il lupo gigante annusa… assapora il profumo del pasto imminente. Non è la paura a governarlo, ma solo una cresciuta percezione delle cose, l’aria fredda nei polmoni, i pini piegati dal vento della notte che incombe… Le sue mani sono ferme, la sua forma… perfetta.

Altre curiosità sul film

Vi è piaciuto il monologo di Delios in 300? Dopo aver letto il monologo di Delios in 300, potete leggere anche questi interessanti pezzi sull’attore:

Infine vi ricordo che, per rimanere sempre aggiornati sulle ultime notizie riguardanti film, serie TV, musica e cartoni animati, potete seguire il blog sui social. Non sono solo film ha un canale Telegram e pagine su Facebook, Instagram e Twitter.

Vi è piaciuto questo articolo sul monologo di Delios in 300? Trovate articoli simili nella sezione del blog non son solo film dedicata alle curiosità.

Luca Miglietta

Fumetto 300 di Frank Miller – sponsorizzato

Pubblicato da Luca Miglietta

Luca Miglietta, classe 1988, nato a Torino, appassionato di cinema e di tutto il mondo che lo circonda. Cresciuto fin da piccolo con la passione per il grande schermo guardando saghe come Ritorno al Futuro, Star Wars ed Indiana Jones. Difficile dire quale sia il mio film preferito in assoluto, perché generalmente non mi affeziono a un singolo film a parte quelli sopracitati che sono legati alla mia infanzia. Se dovessi però dirne qualcuno penserei a: Blade Runner, Terminator o Apocalypse Now. Non amo solamente il cinema, ma anche la letteratura e la fotografia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.