Monologo di Scout in Il buio oltre la siepe

Monologo di Scout in Il buio oltre la siepe

Monologo di Scout in Il buio oltre la siepe

Una famosissima pellicola tratta dal romanzo di Harper Lee

monologo di Scout in Il buio oltre la siepe, 1962, Robert Mulligan, Harper Lee, Mary Badham, Scout
Una scena di Il buio oltre la siepe che ha come protagonista Mary Badham nel ruolo di Scout
Sei qui: Home » Monologo di Scout in Il buio oltre la siepe

Avete mai sentito il monologo di Scout, la figlia di Atticus Finch nel film Il buio oltre la siepe? Si tratta di una pellicola tratta dall’omonimo romanzo di Harper Lee, pubblicato nel 1960. Il buio oltre la siepe è una pellicola diretta nel 1962 da Robert Mulligan, che ha vinto ben tre premi Oscar. Ad interpretare Jean Louise Finch, detta “Scout” è Mary Badham, Gregory Peck veste invece i panni dell’avvocato Atticus Finch. Phillip Alford è Jeremy “Jem” Atticus Finch, mentre Robert Duvall ha il ruolo di Arthur “Boo” Radley.

Nell’Alabama del 1932 l’avvocato Atticus Finch fa una vita tranquilla nella cittadina di Maycomb, e si occupa dei suoi figli Jem e Scout. Lo aiuta nelle faccende di casa la domestica nera Calpurnia. I bimbi sono infatti orfani della madre che è morta di infarto quando loro erano ancora piccoli. I bambini sono curiosi e si interessano in particolare al loro vicino di casa, Arthur “Boo” Radley.

Boo è un malato di mente che vive da anni rinchiuso in quella che viene chiamata “la casa maledetta”. I bambini non sono mai riusciti a vedere l’uomo e hanno spesso tentato di avvicinarsi alla casa. Dopo questa prestazione vi parlo del monologo di Scout in Il buio oltre la siepe.

Lo stupendo monologo della piccola Scout in Il buio oltre la siepe

I vicini portano da mangiare quando muore qualcuno, portano dei fiori quando qualcuno è ammalato, e altre piccole cose in altre occasioni. Boo era anche lui un nostro vicino, e ci aveva dato due pupazzi fatti col sapone, un orologio rotto con la catena, un coltello… e le nostre vite. Una volta Atticus mi aveva detto: “Non riuscirai mai a capire una persona se non cerchi di metterti nei suoi panni, se non cerchi di vedere le cose dal suo punto di vista”.

Ebbene, io quella notte capii quello che voleva dire. Adesso che il buio non ci faceva più paura, avremmo potuto oltrepassare la siepe che ci divideva dalla casa dei Radley, e guardare la città e le cose dalla loro veranda. Accadde tutto in una notte, la notte più lunga, più terribile… e insieme la più bella di tutta la mia vita”

L’altro monologo di Scout in Il buio oltre la siepe

C’è anche un altro monologo di Scout in Il buio oltre la siepe nell’incipit del film. Lei questa volta però lo è da adulta ed è la voce narrante.

Maycomb era una piccola vecchia città, anche nel 1932, quando io cominciavo appena a conoscerla. Ci faceva un gran caldo. I colletti inamidati degli uomini erano già flosci alle nove del mattino, i signori facevano il bagno prima di pranzo e lo rifacevano dopo il sonnellino delle tre. E la sera erano ridotti come pasticcini umidi di sudore e infarinati di talco.

Le giornate erano lunghe 24 ore ma sembravano molto più lunghe. Nessuno aveva fretta perché non c’era dove andare e niente da comprare, e soprattutto non c’era danaro per comprarlo, malgrado qualcuno avesse detto che la contea di Maycomb non avesse nulla da temere, tranne il timore stesso. Quell’estate io avevo sei anni.

Altre curiosità su Il buio oltre la siepe

Vi è piaciuto il monologo di Scout in Il buio oltre la siepe? Dopo aver letto il monologo di Scout in Il buio oltre la siepe, potete leggere anche questi interessanti pezzi sul film o altri famosi monologhi:

Infine vi ricordo che, per rimanere sempre aggiornati sulle ultime notizie riguardanti film, serie TV, musica e cartoni animati, potete seguire il blog sui social. Non sono solo film ha un canale Telegram e pagine su Facebook, Instagram e Twitter.

Vi è piaciuto questo articolo sulle rivelazioni sul monologo di Scout in Il buio oltre la siepe? Trovate articoli simili nella sezione del blog non son solo film dedicata alle curiosità.

Luca Miglietta

Libro – sponsorizzato

Pubblicato da Luca Miglietta

Luca Miglietta, classe 1988, nato a Torino, appassionato di cinema e di tutto il mondo che lo circonda. Cresciuto fin da piccolo con la passione per il grande schermo guardando saghe come Ritorno al Futuro, Star Wars ed Indiana Jones. Difficile dire quale sia il mio film preferito in assoluto, perché generalmente non mi affeziono a un singolo film a parte quelli sopracitati che sono legati alla mia infanzia. Se dovessi però dirne qualcuno penserei a: Blade Runner, Terminator o Apocalypse Now. Non amo solamente il cinema, ma anche la letteratura e la fotografia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.