Frankenstein Junior frasi e citazioni

Frankenstein Junior frasi e citazioni

Frankenstein Junior frasi e citazioni

Un film del 1974, che ha come attori principali Gene Wilder, Peter Boyle, Marty Feldman, Cloris Leachman, Teri Garr e Gene Hackman

Frankenstein Junior frasi e citazioni, 1974, Mel Brooks, Gene Wilder, Marty Feldman, Teri Garr
Una scena del film di Mel Brooks che ah come protagonisti Gene Wilder, Marty Feldman e Teri Garr – Frankenstein Junior frasi e citazioni
Sei qui: Home » Frankenstein Junior frasi e citazioni

Frankenstein Junior frasi e citazioni. Seguono ora alcune frasi e citazioni tratte dalla pellicola di Mel Brooks. Solo una breve introduzione a cui, nella seconda parte dell’articolo, seguiranno anche i dialoghi da non perdere. La seconda sezione è infatti più completa ed esaustiva.

Frankenstein Junior frasi

1 Dott. Frederick von Frankenstein (Gene Wilder) – Frankenstein Junior frasi

Benone. Dato che la lezione aveva in programma una dimostrazione di quella differenza, possiamo procedere. Il signor Hilltop, qui presente, con cui non ho mai lavorato, e a cui non ho dato precedenti istruzioni, ha gentilmente offerto i suoi servigi per la dimostrazione di questo pomeriggio. Signor Hilltop, per favore, salti giù dal lettino e si metta in piedi lì davanti. Un salto niente male. Signor Hilltop! Vuole alzare il ginocchio sinistro, prego? Avete appena visto l’effetto di un impulso nervoso volontario.

Comincia con uno stimolo proveniente dalla corteccia cerebrale, passa attraverso la base del cervello ed arriva ai muscoli interessati. Signor Hilltop, può abbassare il ginocchio. I movimenti riflessi sono invece quelli che non dipendono dalla volontà, ma sono effettuati tramite collegamenti tra il sistema nervoso periferico e il sistema nervoso centrale. Brutto, sporco, lurido figlio di puttana! Noi non siamo coscienti di questi impulsi, né abbiamo la volontà che essi compiano la contrazione dei nostri muscoli, eppure, come avete visto, funzionano da soli.

Ma se invece noi blocchiamo questi impulsi, semplicemente applicando una pressione, il che può essere fatto con una qualsiasi morsa di metallo, sul rigonfiamento alla base del nervo posteriore per, diciamo, cinque o sei secondi… Brutto bastardo incestuoso e porco! Come vedete, ogni comunicazione è interrotta. Non basta la nostra meccanica perfetta. In mancanza di questo continuo arrivo di impulsi motori noi crolleremmo, come un pezzo di stoffa bagnata!

2 Dott. Frederick von Frankenstein (Gene Wilder) – Frankenstein Junior frasi

Ehi, ragazzo. Siamo in Transilvania?

Molto piacere, io sono il dottor Fronkonsteen. Questa è la mia assistente. Inga, posso presentarle Frau Blücher. Ma che cos’hanno?

Non sono un Frankenstein. Io, non sono un Frankenstein, sono un Fronkonsteen. Non dite balle! Non ho creduto mai al destino! E non lo griderò… Bene, va bene hai vinto, hai vinto, mi arrendo, griderò, griderò, il destino, il destino, il destino! Il destino, il destino è quel che è, non c’è scampo più per me! Il destino è quel che è, non c’è scampo più… per me! Oh…

Morto da tre anni. Buon Dio! Morto da due anni, morto da sei mesi. Morto di giornata.

Così è qui che mio nonno lavorava.

È vivo. È vivo, è vivo, vivo! Lasciate fare a me. Ciao caro, adesso ti libererò.

Mi domando chi sarà mai a quest’ora.

Se ne è andato. Andato! Dobbiamo assolutamente trovarlo, dobbiamo trovarlo prima che uccida qualcuno! Che cosa ho fatto? Oh, Dio del cielo, che cosa ho fatto?

Giù! Presto, il sedativo! Dagli il sedativo! Si è addormentato!

3 Dott. Frederick von Frankenstein (Gene Wilder) – Frankenstein Junior frasi

Fatemi uscire. Fatemi uscire. Tiratemi subito fuori di qui. Ma che diavolo vi succede? Stavo scherzando! Possibile che non capite quando uno scherza? Ah ah ah. Miseria schifosa, tiratemi fuori di qui! Aprite se non volete che vi schiacci la testa. Mamma!

Ehilà, bellissimo. Sei veramente un gran bel ragazzo, lo sai? La gente ride di te, la gente ti odia, ma perché ti odia? Solo perché è invidiosa! Guardate che amore di viso, e che sorriso simpatico. Vuoi che alluda alla tua forza fisica adesso? Tu vuoi che io decanti la potenza dei tuoi muscoli? Tu hai diritto al tuo posto nell’olimpo degli dei, tu sei un dio! E ascoltami bene: tu non sei cattivo, tu sei buono!

Sei così caro e buono, sei l’angelo della casa, sei tu l’amore di mamma e io voglio che il mondo sappia, una volta per tutte e senza nessun dubbio che noi lo amiamo. Io ti voglio insegnare, ti farò vedere come si cammina, si parla, ci si muove, si ragiona. Uniti, tu ed io daremo il più grandioso, essenziale contributo alla scienza dalla creazione del fuoco!

Stimati colleghi scienziati… ziati… E neurochirurghi. Signore, signori. Alcune settimane fa, dopo essermi basato in molti anni di professione su tradizioni conservatrici e sulla realtà scientifica, come chiunque di voi, ho iniziato un esperimento di… io stesso esito a menzionarlo, di rianimazione di tessuti morti.

4 Dott. Frederick von Frankenstein (Gene Wilder) – Frankenstein Junior frasi

Ciò che ho da offrirvi potrebbe rappresentare la chiave dell’immortalità. Signore e signori, lasciate che vi presenti, per il vostro piacere intellettuale e filosofico… la creatura!

Restate ai vostri posti! Restate ai vostri posti, vi prego! Non siamo bambini, siamo scienziati. Vi assicuro che non c’è nulla da temere. Per primo vorrei proporre alla vostra attenzione un’interessante dimostrazione delle principali funzioni neuro cerebrali, moto e coordinazione. Cammina, tacco e punta!

Signore e signori, finora avete visto la creatura esercitare la semplice meccanica dell’attività motoria, ma per ciò che state per vedere dobbiamo entrare in silenzio nel regno del puro genio.

Signore e signori, madames et monsieurs, Damen und Herren, da ciò che era una volta una massa di tessuti privi di vita, vi presento ora un colto, sofisticato, dandy di città. Luci!

Hai viaggiato tutto il giorno, devi essere molto stanca. Lascia che paghi l’autista.

Non lo toccate! Vuole farcela da solo. Forza! Coraggio! Dai! Puoi farcela! Ti prego, creatura mia!

Presto, reggetelo! Tutti i preparativi per il trasferimento sono stati fatti?

È la sola cosa che può salvarlo ora.

5 Inga (Teri Garr) – Frankenstein Junior frasi

Oh, dottore, ho paura.

Oh, Gruss Gott. Lei venire in fieno con me, prego mi montare subito, io tanto aspettare. Dai, dai, fare anche tu…

Beh, io assisto dottor Frankenstein in laboratorio, facciamo discussioni intellettuali, insomma. Ce ne stavamo facendo proprio una stupenda mentre lei stava arrivando qui.

Oh! Guardate, lui ritorna. È la musica, continuate a suonare per favore, è la musica, è la musica che lui fa tornare qui! Coraggio, vieni! vieni, forza, che ce la fai! forza, forza che ce la fai! vieni, coraggio che ce la fai, ce la fai, ah, dai!

Oh mio Dio, sono i paesani. No! Mancano solo sette secondi, vi prego!

6 Igor (Marty Feldman) – Frankenstein Junior frasi

Oh, è certamente Inga. Herr Rosenthal ha detto che lei avrebbe avuto bisogno di un’assistente di laboratorio.

Ahi, la testa ho perso, e la testa e il cuor… te… e te… ta ta ta ta… ah!

Il dottore ha detto di farli andare per quindici minuti, né un secondo di più, né uno di meno.

7 Frau Blücher (Cloris Leachman) – Frankenstein Junior frasi

Io sono Frau Blücher.

Oh, Victor! Victor! Ce l’abbiamo fatta! Adesso ti libero. Ti piacerebbe meine Scuchckopf? Volevano farti male, ma io ti aiuterò invece.

Ora non lo prenderete più! È libero, mi sentite? Libero!

8 Elizabeth (Madeline Kahn) – Frankenstein Junior frasi

D’accordo, il mio numero fortunato è sempre stato il sette. Su, vieni qui, mio focoso mostro.

Probabilmente è in qualche casa vicina, niente di cui preoccuparsi. Ma dove vai? Voi maschi siete tutti uguali, sette, otto, in fretta, in fretta e poi di corsa dagli amici a parlare e a vantarsi. È meglio che tieni la bocca chiusa. Oh, credo di amarlo. Oh!

8 Altri personaggi – Frankenstein Junior frasi

Io ama mia bella fiorellina, fiorellina, fiorellina, io ama mia bella fiorellina, fiorelli… (Helga)

Illustri colleghi, signore und signori. Stasera ho il piacere und privilege di voi presentare un uomo cui sua famiglia una volta ha avuto grande fama und grande infamia. Und ora posso voi presentare Doktor Baron Friedrick von Frankenstein. (Presentatore)

Pensate: un cervello morto riportato in vita. Guardate, notate, niente sangue, soltanto qualche sutura… attacca l’interruttore principale. (Victor Frankenstein)

Frankenstein Junior, 1974, Mel Brooks, Gene Wilder, Frederick von Frankenstein, stetoscopio, medico, scienziato
Una scena del film di Mel Brooks che ah come protagonista Gene Wilder – Frankenstein Junior frasi e citazioni

I dialoghi – Frankenstein Junior frasi e citazioni

Dr. Frankenstein: Se osserviamo la base di un cervello che è stato appena prelevato da un cranio, si può in effetti vedere ben poco del mesencefalo. Tuttavia, come ho dimostrato nella mia lezione della settimana scorsa, se si distaccano delicatamente le parti inferiori dei lobi temporali, si può vedere la parte superiore della radice del cervello. Questa cosiddetta base del cervello è composta dal mesencefalo, da una protuberanza tondeggiante chiamata ponte di Varolio, e da un gambo che si assottiglia verso il basso, chiamato midollo allungato, il quale fuoriesce dal cranio attraverso il foro occipitale, e naturalmente diviene il midollo spinale. Ci sono domande prima che prosegua?
Studente: Io avrei una domanda, dottor Frankenstein.
Dr. Frankenstein: Si legge Fronkonsteen.
Studente: Come, prego?
Dr. Frankenstein: Il mio nome si pronuncia Fronkonsteen.
Studente: Ma lei non è il nipote del famoso dottor Victor Frankenstein della Transilvania che andava nei cimiteri, disseppelliva cadaveri sotterrati da poco e trasformava organi morti in…
Dr. Frankenstein: Sì! Sì! Sì! Lo sanno tutti che cosa faceva. Ma io preferisco essere ricordato per il mio piccolo contributo alla scienza, e non per la mia accidentale discendenza da un famoso… coglione.

Subito dopo – Frankenstein Junior frasi

Dr. Frankenstein: Ora, se non le spiace, vuol tornare alla sua domanda?
Studente: Beh, Professore, non sono sicuro di aver capito la differenza tra impulsi nervosi riflessi e volontari.

Subito dopo – Frankenstein Junior frasi

Dr. Frankenstein: … che qualsiasi pur anche minima lesione della radice del nervo è sempre grave, perché una volta che la fibra del nervo è recisa non vi è alcun modo, in cielo oppure in terra, di ricreare in essa la vita. Nessun’altra domanda, prima di andar via?
Studente: Ah, dottor Frankenstein… Fronkonsteen…
Dr. Frankenstein: Sì?
Studente: Non è forse esatto allora che Darwin conservò alcuni pezzi di vermicelli in una scatoletta, e che per chissà quale causa straordinaria essi cominciarono effettivamente a muoversi con movimenti volontari?
Dr. Frankenstein: Sta parlando di vermi o di spaghetti?
Studente: Ma di vermi, Professore.
Dr. Frankenstein: Sì, mi sembra di aver letto qualcosa in proposito, quando ero studente. Ma tenga presente che un verme, con pochissime eccezioni, non è un essere umano.
Studente: Ma non è stato quello alla base di tutti gli esperimenti di suo nonno? La rianimazione di tessuti inanimati?
Dr. Frankenstein: Mio nonno, vede, non era affatto sano di mente.

Subito dopo – Frankenstein Junior frasi

Studente: Ma essendo un Fronkonsteen, lei non è neppure un po’ curioso di sapere… L’idea di poter riportare in vita ciò che una volta era morto non l’affascina?
Dr. Frankenstein: Lei sta soltanto parlando delle deliranti sciocchezze di un individuo che era pazzo. Ciò che è morto, è morto.
Studente: Ma pensi ai recenti trapianti di cuori e reni!
Dr. Frankenstein: Cuori e reni sono soltanto dei giocattoli! Io parlo del sistema nervoso centrale!
Studente: Ma scusi, allora lei…
Dr. Frankenstein: Io sono uno scienziato, non un filosofo! C’è più probabilità di rianimare questo bisturi che riparare un sistema nervoso spezzato!
Studente: Ma lei dimentica il lavoro di suo nonno.
Dr. Frankenstein: Il lavoro che ha fatto mio nonno è solo cacca! La morte a me non interessa! La sola cosa che riguarda me è la conservazione della vita! Adesso la lezione è terminata.

Subito dopo – Frankenstein Junior frasi

Herr Falkstein: Doktor Frankenstein?
Dr. Frankenstein: Sono Fronkonsteen.
Herr Falkstein: Mi chiamo Gerhard Rosenthal. Ho viaggiato più di cinquemila miglia per portare il testamento di suo grande e famoso nonno, il barone Victor von Frankenstein.

Dopo – Frankenstein Junior frasi

Elizabeth: Oh, mio caro tesoro. Oh, mio dolce amore. Conterò le ore che tu sei via.
Dr. Frankenstein: Oh tesoro adorato, anch’io.
Elizabeth: No, non sulle labbra.
Dr. Frankenstein: Cosa?
Elizabeth: Vado a quel party di Nanna e Nicky più tardi, non voglio avere sbaffi di rossetto.
Dr. Frankenstein: Oh.
Elizabeth: Capisci vero?
Dr. Frankenstein: Ma certo.
Capostazione: In carrozza!
Elizabeth: Oh Dio!
Dr. Frankenstein: Beh, credo che ci siamo.
Elizabeth: Freddy, tesoro… Oh, come faccio a dire in due minuti quello che mi ci è voluto tutta una vita a comprendere?
Dr. Frankenstein: Perché non provi?
Elizabeth: D’accordo. Sei tutto maschio, sono tua, fai ciò che vuoi di me, che altro posso dire?
Dr. Frankenstein: Mio dolce amore…
Elizabeth: I capelli! Vengo adesso dal parrucchiere.
Dr. Frankenstein: Scusa, scusa.

Subito dopo – Frankenstein Junior frasi

Elizabeth: Spero che ti piacciano le nozze all’antica.
Dr. Frankenstein: Preferisco le notti di nozze all’antica.
Elizabeth: Ah, sei incorreggibile.
Dr. Frankenstein: Vorrebbe dire che mi ami?
Elizabeth: Ci puoi scommettere le mutandine.
Dr. Frankenstein: Oh, mio unico amore…
Elizabeth: Taffetà, caro.
Dr. Frankenstein: Taffetà, tesorino.
Elizabeth: No, il vestito. È di taffetà, si sgualcisce.
Dr. Frankenstein: Oh.
Capostazione: In carrozza!
Elizabeth: Lo odio quell’uomo orribile. Beh, vai via, prima che perda ogni controllo di me stessa… Ah le unghie. Ah…
Dr. Frankenstein: Scusami! A presto cara.
Elizabeth: A presto Freddy.
Dr. Frankenstein: Tesoro…
Elizabeth: Oh…

Dopo – Frankenstein Junior frasi

Igor: Doktor Frankenstein?
Dr. Frankenstein: Fronkonsteen!
Igor: Vuol prendermi in giro?
Dr. Frankenstein: No, si pronuncia Fronkonsteen.
Igor: Allora dice anche Fredreick.
Dr. Frankenstein: No Frederick.
Igor: Beh perché non è Fredreick Fronkonsteen?
Dr. Frankenstein: Non lo è, è Frederick Fronkonsteen.
Igor: Capisco.
Dr. Frankenstein Tu devi essere Igor.
Igor: No, si pronuncia Aigor.
Dr. Frankenstein: Ma mi hanno detto che era Igor.
Igor: Beh, avevano torto, non le pare?
Dr. Frankenstein: Eh… Ma ti ha mandato Herr Rosenthal, non è vero?
Igor: Sì. Mio nonno, vede, lavorava per suo nonno una volta.

Subito dopo – Frankenstein Junior frasi

Igor: Naturalmente il compenso adesso è triplo.
Dr. Frankenstein: Naturalmente, naturalmente. Sono certo che andremo molto d’accordo. Oh scusa, io… ah… non voglio metterti in imbarazzo ma sono un chirurgo di una certa bravura, potrei forse aiutarti con quella gobba.
Igor: Quale gobba?
Dr. Frankenstein: Si va?
Igor: Lasci fare a me, padrone.
Dr. Frankenstein: Oh, grazie infinite.
Igor: Segua i miei passi, si aiuti con questo. Penso che starà più comodo se sale di dietro.

Dopo – Frankenstein Junior frasi

Inga: Certe volte io molta paura di lampi.
Dr. Frankenstein: È una scarica atmosferica, nient’altro, niente di cui impaurirsi.
Inga: Lupu ulula.
Dr. Frankenstein: Lupo ululà?
Igor: Là!
Dr. Frankenstein: Cosa?
Igor: Lupu ululà e castellu ululì!
Dr. Frankenstein: Ma come diavolo parli?
Igor: È lei che ha cominciato.
Dr. Frankenstein: No, non è vero.
Igor: Non insisto, è lei il padrone. Bene, eccululà. Casa! Lupu ululà… … castellu ululì!

Dopo – Frankenstein Junior frasi

Dr. Frankenstein: Mai visti due così.
Inga credendo parli del suo seno: Oh grazie dottore!
Dr. Frankenstein: Eh? Non c’è di che.

Dopo – Frankenstein Junior frasi

Frau Blücher: La scorterò di sopra al suo appartamento, Herr Doktor. La prego, voglia seguirmi.
Dr. Frankenstein: Aigor, vuoi portare il bagaglio appena hai finito, per piacere?
Igor: Sì padrone!

Dopo – Frankenstein Junior frasi

Frau Blücher: Mi segua, la prego. Stia vicino alle candele! Questa scala è pericolosa. Questa è la sua stanza da letto. Era la stanza di suo nonno Viktor.
Dr. Frankenstein: Ah sì. Bene sembra ci siano parecchi libri.
Frau Blücher: È qui che Viktor… che il barone aveva la sua biblioteca medica.
Dr. Frankenstein: E dov’è la biblioteca privata del barone?
Frau Blücher: Non so di cosa parli, signore.
Dr. Frankenstein: Beh… questi libri sono molto generici li ha qualsiasi medico nel suo studio.
Frau Blücher: Questa è l’unica biblioteca di cui io sappia, dottor Frankenstone.

Subito dopo – Frankenstein Junior frasi

Frau Blücher: Il dottore gradisce un brandy prima di ritirarsi?
Dr. Frankenstein: No, grazie.
Frau Blücher: Una buona camomilla, può darsi?
Dr. Frankenstein: No, grazie mille comunque, no grazie.
Frau Blücher: Orzata con latte?
Dr. Frankenstein: Niente! Grazie. Sono alquanto stanco.
Frau Blücher: Allora io dico buonanotte.
Dr. Frankenstein: Buonanotte!
Frau Blücher: Buonanotte, caro! Buonanotte Herr Doktor.
Dr. Frankenstein: Buonanotte Frau Blücher!

Dopo – Frankenstein Junior frasi

Inga: Doktor Fronkonsteen, si svegli, la prego.
Dr. Frankenstein: Cosa c’è?
Inga: Stava facendo sogno brutto.
Dr. Frankenstein: Cos’è questa strana musica?
Inga: Io non so. Però sembra che proviene… proviene da dietro di libreria. Ja!
Dr. Frankenstein: Proviene da libreria dietro. Mi dia la vestaglia, per favore. Aveva ragione, viene da dietro questa parete. Dov’è? Ma dov’è?
Inga: Che cosa?
Dr. Frankenstein: C’è sempre un congegno, mi basta trovar la leva per farlo scattare. Ah, sì. Eh! Sembra più forte da questa parte, mi dia quella candela, grazie! Rimetta-a posto-la candela. Bene, penso di aver capito tutto ora. Tolga di lì la candela e io bloccherò la libreria col mio corpo. Ora apra bene le orecchie: non metta la candela a posto. Con tutta la sua forza faccia leva in senso contrario sulla libreria. È… È… è tutto ben chiaro?
Inga: Ja, credo di sì.
Dr. Frankenstein: Brava Inga.

Subito dopo – Frankenstein Junior frasi

Inga: Rimetta-a posto-la candela! Dottore guardi: passaggio segreto.
Dr. Frankenstein: Qualunque cosa sia, quella musica viene da laggiù. È meglio che dia un’occhiata.
Inga: Mi lascia venire con lei dottore la prego, non voglio restare sola quassù.
Dr. Frankenstein: Allora… chiuda bene tutto e mi segua.
Inga: Oh dottore, la candela!
Dr. Frankenstein: Brava Inga, proviamo con quest’altra. Indietro! Shhh!
Inga: Aaah!
Dr. Frankenstein: Niente paura, cara. È soltanto un topo. Un lurido, schifoso ratto.

Dopo – Frankenstein Junior frasi

Dr. Frankenstein: Aigor!
Igor: Fredreick!
Dr. Frankenstein: Come sei arrivato qui?
Igor: Sono sceso col montavivande, ho sentito una stranissima musica da sopra, in cucina, e così l’ho seguita fin qua. Ho fatto un colpo gobbo.
Inga: Ci doveva essere qualcun altro quaggiù allora.
Dr. Frankenstein: Sembrerebbe che lei abbia ragione. E là c’è l’unica altra porta.
Igor: Aspetti padrone, potrebbe essere pericoloso… Vada avanti lei.

Subito dopo – Frankenstein Junior frasi

Dr. Frankenstein: Non c’è nessuna luce da queste parti.
Igor: Ci sono due interruttori sospetti qui ma non voglio essere io il primo.
Dr. Frankenstein: Ma è un malocchio questo!
Igor: E questo no?

Dopo – Frankenstein Junior frasi

Dr. Frankenstein: È schifoso e cade a pezzi.
Igor: Beh non so, riverniciato, con qualche fiore, un paio di cuscini vivaci…
Dr. Frankenstein: Beh, sembra che il nostro misterioso violinista sia scom…
Inga: Scom… che?
Igor: Parso.
Dr. Frankenstein: Shhh! C’è una luce che filtra da dietro quella porta Seguitemi.
Inga: Eh! Doktor, guardi.
Dr. Frankenstein: Bene. Questo spiega la musica.
Igor: È ancora caldo.

Subito dopo – Frankenstein Junior frasi

Inga: Ma chi è che suonava questo?
Dr. Frankenstein: Non lo so, ma chiunque fosse ha appena finito di fumare il suo sigaro. Quali strane cose accadono? Che cos’è questo posto?
Igor: La camera da musica.
Inga: Ma qui non c’è altro che solo libri e documenti.
Dr. Frankenstein: Libri e documenti. Ma certo! È la biblioteca privata di mio nonno! Lo sento! Guardate! Guardate questo! “Come lo feci”, di Victor Frankenstein. …finché dal mezzo di queste tenebre una luce improvvisa mi illuminò, una luce così brillante e portentosa, eppure così semplice. Cambiare i poli da positivo a negativo e da negativo a positivo. Io solo sono riuscito a scoprire il segreto di infondere la vita. Macché, anche di più! Io proprio io sono divenuto capace di animare nuovamente la materia inanimata. Si! Può! Fare!

Dopo – Frankenstein Junior frasi

Dr. Frankenstein: Aringa?
Inga: Grazie dottore!
Dr. Frankenstein: Dato che la minutezza delle parti rallentava notevolmente il mio lavoro, decisi di fare una creatura dalle dimensioni gigantesche. Ma certo. Questo semplificherebbe tutto.
Inga: In altre parole le vene, i piedi, le mani e tutti gli organi dovrebbero essere ingranditi?
Dr. Frankenstein: Esatto!
Inga: Allora avrebbe un enorme Schwanzstück!
Dr. Frankenstein: Questo è evidente.
Inga: Oooh!
Igor: Diventerà molto popolare.

Subito dopo – Frankenstein Junior frasi

Dr. Frankenstein: Dunque, ciò che vogliamo ottenere è un essere alto circa due metri e venti, con caratteristiche che risultino tutte naturalmente o artificialmente proporzionate.
Igor: Vuol dire più o meno così?
Dr. Frankenstein: Toh, guarda, hai colto lo spirito, lo sai? Grezzo, sì. Primitivo, sì. Magari perfino grottesco, eppure qualcosa di inesplicabile mi dice che questo potrebbe essere il nostro uomo.

Dopo – Frankenstein Junior frasi

Dr. Frankenstein: Stai giù! Vieni. Che lavoro schifoso!
Igor: Potrebbe esser peggio.
Dr. Frankenstein: E come?
Igor: Potrebbe piovere!
Dr. Frankenstein: Presto!

Dopo – Frankenstein Junior frasi

Agente: Serve una mano?
Dr. Frankenstein: Ah… No, grazie! Ne ho già una. Grazie infinite, lo stesso.
Agente: Eine moment, signore. Io conosce tutti in questi paraggi, ma mai ho visto sua faccia prima di ora, vuole me dire chi è lei?
Dr. Frankenstein: Sì, sono il dottor Frederick Fronkensteen, appena arrivato dall’America.
Agente: Oh, ja, signore, mi avevano detto che era qui. Beh io sono l’agente Henry, piacere di la conoscere.
Dr. Frankenstein: È davvero un piacere conoscerla.
Agente: Ma lei è freddo come pezzo di ghiaccio, signore. Deve si scaldare davanti a un grande bello fuoco. E uno goccio di vecchia acquavite è proprio quello che lei ci vuole, signore.
Dr. Frankenstein: Ha ragione, sì.
Agente: Beh, si lei ha bisogno di me qualche volta, io sono a portata di mano.
Dr. Frankenstein: Grazie infinite, agente.
Agente: Ai suoi ordini signore, sempre.
Dr. Frankenstein: Buonanotte agente.
Agente: Buonanotte signore.

Dopo – Frankenstein Junior frasi

Dr. Frankenstein: Oh, che vista tremenda. Che notte profonda e portentosa è questa. Con un tale esemplare per il corpo, tutto ciò che ci serve adesso è un cervello ugualmente stupendo. Tu sai cosa fare.
Igor: Credo di avere capito tutto.
Dr. Frankenstein: Bravo. Ma non… ma non ce l’avevi da questa parte.
Igor: Cosa?
Dr. Frankenstein: La… oh, non importa. Hai quel nome che ti ho dato?
Igor: Sì, me lo sono scritto: H. Delbruck.
Dr. Frankenstein: Hans Delbruck!

Dopo – Frankenstein Junior frasi

Inga: È orribile!
Dr. Frankenstein: È bellissimo. E… per di più è mio! Sbrighiamoci, l’ora e gli elementi ci sono propizi. Sei pronto?
Igor: È sicuro che è così che fu fatto?
Dr. Frankenstein: Sì, sì, è tutto scritto nei suoi appunti, adesso lega gli aquiloni e vieni giù più in fretta che puoi.
Igor: Che fretta c’è?
Dr. Frankenstein: C’è la possibilità di rimanere fulminati. Hai capito? Ho detto: c’è la possibilità di rimanere fulminati. Hai sentito adesso?
Igor: Ho sentito, ho sentito, perché urla in questo modo?
Dr. Frankenstein: Hai… hai legato gli aquiloni?
Igor: Certo!
Dr. Frankenstein: Ah. Bene, bravo. Controlla il generatore.
Igor: Sì, padrone.

Dopo – Frankenstein Junior frasi

Dr. Frankenstein: Aigor! Apri la valvola di sicurezza sul volano principale.
Igor: Sì, padrone.

Dopo – Frankenstein Junior frasi

Dr. Frankenstein: Riesci ad immaginare il cervello di Hans Delbruck in questo corpo?
Inga: Oh, Frederick!
Dr. Frankenstein: Questo è il momento. Bene, cara, è pronta?
Inga: Sì dottore.
Dr. Frankenstein: Lo tiri su!
Inga: Ora? Proprio qui?
Dr. Frankenstein: Sì, sì, alzi il piano mobile.
Inga: Oh, il piano mobile, oh quello, sì, sì, ja.

Dopo – Frankenstein Junior frasi

Dr. Frankenstein: Da quel fatale giorno in cui fetidi pezzi di melma fuoriuscirono dalle acque ed urlarono alle fredde stelle: “io sono l’uomo”, il nostro grande terrore è stato sempre la conoscenza della nostra mortalità. Da stanotte lanceremo il guanto della scienza contro lo spaventoso volto della morte stessa. Stanotte noi ascenderemo nell’alto dei cieli! Sfideremo il terremoto! Comanderemo il tuono! E penetreremo fino nel grembo dell’impervia natura che ci circonda! Quando ti do il via chiudi il primo circuito.
Igor: Sarà fatto, padrone.
Dr. Frankenstein: A posto! Pronti… Via! Chiudi il secondo circuito! Chiudi il terzo circuito!
Igor: No! Quello è meglio di no!
Dr. Frankenstein: Chiudilo, ti ho detto! Chiudilo! Dagli vita! Dagli vita capito? Dai vita alla mia creatura! Dagli vita! Staccate tutto quanto e portatemi giù! Niente.
Inga: Oh, dottore, sono così…
Dr. Frankenstein: No, no, su col morale. Se la scienza ci insegna qualcosa, ci insegna ad accettare i nostri fallimenti come i nostri successi, con calma, dignità e classe. Figlio di puttana! Bastardo! Te la farò pagare! Perché mi hai fatto questo? Perché mi hai fatto questo?
Inga: Lo lasci dottore, lo lasci, così lo uccide, lo lasci!
Dr. Frankenstein: Non voglio più vivere! Ora non voglio più vivere!
Igor: Calma, dignità e classe.
Dr. Frankenstein: Oh mamma!

Dopo – Frankenstein Junior frasi

Primo consigliere: Presidente, quell’uomo è differente io vi dico. Per avere prova basta lui parlare per cinque minuti. Ja?
Cittadino: Lui è un Frankenstein! Loro tutti uguali. Ce l’hanno in loro sangue! Non possibile evitare. Questi scienziati sono tutti uguali. Dicono che lavorano per noi, ma verità è che loro vogliono governare mondo!
Secondo consigliere: Eine momente! Oh, basta così! Io non vuole che questa assemblea diventa un sommosso. Sono accuse molto grave quelle che fate, e ancora più dolorose per noi, vostri anziani, perché noi ancora abbiamo incubi per fatti avvenuti prima di ora. Ma non abbiamo ancora ascoltato l’uomo più qualificato per bene giudicare situazione. Ispettore Kemp, vuole noi dire qualcosa prego?
Ispettore Kemp: Un sommosso è un coso brutto, und, quando l’incominciate, quando… C’è poca probabilità, poca, di lei fermare senza spargere sangue. Io dico che prima di andare in giro ad ammazzaren gente è meglio essere molto certi, molto, di nostro probo. Und… Noi dev’essere molti sicuri, molti, che giovane Frankenstein è veramente [sui passi di suo nonno].
Cittadini: Cosa?
Ispettore Kemp: Che segue i passi di nonno suo Viktor, passi, passi, battere.
Cittadini: Oh, passi.
Ispettore Kemp: Io dico: molto meglio, molto, che io vado a fare un visitina a caro Doktor, caro. Und, a fare due parlate, due, con lui.

Dopo – Frankenstein Junior frasi

Dr. Frankenstein: Reputazione. Reputazione!
Inga: Oh, dottore. Lei non deve torturarsi in questo modo. Deve cercare di evitare di ci pensare. Guardi lì, non ha nemmeno toccato suo cibo.
Dr. Frankenstein: Ecco, ora l’ho toccato, contenta?
Igor: Eh già, non dimenticherò mai il mio povero babbo. Quando questo capitava a lui, beh, sa che cosa soleva dirmi?
Dr. Frankenstein: Cosa diceva?
Igor: Quando la sorte ti è contraria e mancato t’è il successo, smetti di far castelli in aria e va a piangere sul…
Dr. Frankenstein: Oh, può darsi sia meglio così. Povera grancassa senza vita, forse stai meglio morta.

Dopo – Frankenstein Junior frasi

Igor: Questo cos’è?
Dr. Frankenstein: Torta di mele della nonna.
Mostro: Mmm!
Dr. Frankenstein: Ti piace eh? Io non vado matto per i dolci, sai, però ti capisco.
Igor: Ma a chi sta parlando?
Dr. Frankenstein: A te. Hai fatto un verso da ghiottone, quindi ti piace il dolce.
Igor: Io non ho fatto nessun verso, ho solo chiesto che cos’era.
Dr. Frankenstein: Ma sì, ti ho sentito.
Igor: Non ero io.
Inga: Io nemmeno.
Dr. Frankenstein: Ah scusate ma, se non eri tu e neppure…

Dopo – Frankenstein Junior frasi

Dr. Frankenstein: Ma che c’è? Che ti prende? Presto, dategli… Presto dategli il…
Igor: Cosa, dategli cosa? Cerchi di mimarlo. Quattro sillabe. Prima sillaba. Suona come…
Inga: Te? Suona come me? Te? Se?
Igor: Se!
Inga: Seconda sillaba. Preposizione come di, con, su?
Igor: Da! Se-da… Ha detto sedano, ha detto sedano! Come? Se-da-dado, date un sedadavo.
Inga: Tivo! Sedativo!
Igor: Ci ho azzeccato.
Dr. Frankenstein: Sedadavo?
Inga: Oh, Frederick, niente di rotto?
Dr. Frankenstein: Sì.

Subito dopo – Frankenstein Junior frasi

Dr. Frankenstein: Vuole scusarmi un secondo cara?
Inga: Oh, naturalmente dottore.
Dr. Frankenstein: Aigor, posso parlarti un momento?
Igor: Certamente.
Dr. Frankenstein: Siediti, vuoi?
Igor: Grazie.
Dr. Frankenstein: No no, più su.
Igor: Grazie.
Dr. Frankenstein: Dimmi, quel cervello che mi hai portato era di Hans Delbruck?
Igor: No.
Dr. Frankenstein: Ah, bene. E ti dispiacerebbe dirmi di chi era il cervello che gli ho messo dentro?
Igor: Non si arrabbierà, eh?
Dr. Frankenstein: No io non mi arrabbierò
Igor: Ab… qualcosa.
Dr. Frankenstein: Ab… qualcosa. Ab chi?
Igor: Ab… norme.
Dr. Frankenstein: Ab… norme!
Igor: Son quasi sicuro che era quello il nome.
Dr. Frankenstein: Ah, ah! Vorresti dire che io ho messo un cervello abnorme in un energumeno lungo due metri e venti e largo come un armadio a due ante? Canaglia! È questo che vorresti dirmi?

Dopo – Frankenstein Junior frasi

Dr. Frankenstein: Inga, svelta, vada a vedere chi è. Tu. Prendi quella cosa e rimettila sopra quel tavolo, e che sia molto ben legata, chiaro?
Igor: Lei dove va?
Dr. Frankenstein: A rassettarmi, per sembrare normale. Dobbiamo comportarci in maniera normale… Ah, mostri!

Dopo – Frankenstein Junior frasi

Ispettore Kemp: Tiro eccellente, tiro.
Dr. Frankenstein: Questo è il ventesimo secolo Kemp, i mostri sono cose passate come i folletti e i fantasmi.
Ispettore Kemp: Nein! Per abitanti di questo villaggio, Herr Doktor, per essi è molto vero, molto invece. Specialmente quando uno nuovo Frankenstein, nuovo, abita in questa casa, in questa.
Dr. Frankenstein: Bella ammucchiata.
Ispettore Kemp: Grazie.
Dr. Frankenstein: Non avrei mai creduto che un’intelligenza come la sua accettasse ancora queste superstizioni idiote.
Ispettore Kemp: Non è superstizione, mi, che mi preoccupa, Herr Doktor, ma geni, und cromosomi!
Dr. Frankenstein: Sciocchezze.
Ispettore Kemp: Beh, può essere, ma questa è Transilvania! Und lei è uno Frankenstein! Lei sembra stranamente turbato di questa discussionen.
Dr. Frankenstein: Non lo sono affatto, la trovo estremamente divertente, nient’altro. Bene, è stato uno spasso, e ora, se non le dispiace ispettore, sono un po’ stanco.
Ispettore Kemp: Bene, e posso dare ad abitanti sua piena assicurazione che, che lei non ha niente interessi, niente di continuare esperimenti di suo nonno, suo.

Dopo – Frankenstein Junior frasi

Frau Blücher: Fermi, non vi avvicinate!
Dr. Frankenstein: Che sta facendo qui?
Frau Blücher: Io voglio lasciarlo libero.
Inga: No! No, lei non può.
Frau Blücher: Sì.
Dr. Frankenstein: Ma è impazzita? La ucciderà.
Frau Blücher: No, non lo farà, lui no, è docile come un agnellino.

Subito dopo – Frankenstein Junior frasi

Dr. Frankenstein: Indietro, stia attenta per l’amor del cielo, ha un cervello guasto!
Frau Blücher: Non è guasto, è cervello buono.
Dr. Frankenstein: È guasto le dico, guasto!

Subito dopo – Frankenstein Junior frasi

Dr. Frankenstein: Quella musica…
Frau Blücher: Sì, anche lei ce l’ha nel sangue, è nel sangue di tutti i Frankenstein. Va dritta al cuore quando le parole sono inutili. Suo nonno lavorava sempre alla creatura che lui faceva.
Dr. Frankenstein: Ma allora era sempre lei?
Frau Blücher: Sì.
Dr. Frankenstein: Lei suonava quella musica nel cuore della notte.
Frau Blücher: Sì.
Dr. Frankenstein: Per attirarci nel laboratorio.
Frau Blücher: Sì.
Dr. Frankenstein: Era suo il sigaro spento nel portacenere.
Frau Blücher: Sì.
Dr. Frankenstein: Ed è stata lei a lasciare il libro di mio nonno perché lo trovassi.
Frau Blücher: Sì.
Dr. Frankenstein: Così che io potessi…
Frau Blücher: Sì.
Dr. Frankenstein: Allora lei e Viktor eravate…
Frau Blücher: Sì, sì, lo dica, lui era il mio amichetto.

Dopo – Frankenstein Junior frasi

Abelardo: Una visita, non chiedo altro. Un viandante che possa aiutarmi a passare qualche ora della mia vita solitaria.
Mostro: Aaah!
Abelardo: Grazie Signore, grazie.
Mostro: Mmm.
Abelardo: No, no, no, no, no, non parlare, non parlare, non dire niente. Oh, mia gioia, premio del cielo. Tu devi essere stato il più alto della classe, mi chiamo Abelardo e vivo qui tutto solo. Tu come ti chiami?
Mostro: Mmm.
Abelardo: Non ho afferrato.
Mostro: Mmm.
Abelardo: Oh, perdonami, non ho capito che eri muto. Il cielo ha strani schemi, io un povero eremita cieco e tu… tu un muto. Un muto incredibilmente grande. Ma hai le mani gelate figlio mio, che ne diresti di una bella tazza di minestra, eh? Ah ah, vieni, vieni. Vedrai che starai meglio quando ti sarai rifocillato. Eh, io so cosa significa avere fame e freddo. Sì, sì, e com’è importante avere gentilezze da uno sconosciuto. Sei pronto per la zuppa?
Mosstro: Mmm.

Subito dopo – Frankenstein Junior frasi

Abelardo: Allora porgimi la tazza. Eh, amico mio, amico mio, tu non sai quanto la tua visita significhi per me, per quanto tempo ho atteso la gioia della compagnia di un altro essere umano. Mostro: Aaah!
Abelardo: A volte nella preoccupazione per le faccende di tutti i giorni tendiamo a dimenticare quelli che sono i piaceri semplici…
Mostro: Aaah!
Abelardo:  … che costituiscono la base della vera felicità, ah sì, sì, sì, sì, eh. E ora un po’ di vino con la zuppa?
Mostro: Mmm.
Abelardo: Sì, sì, tieni. Aspetta! Un brindisi, un brindisi ad una lunga amicizia. Chissà quanta fame avevi, e adesso, adesso una piccola sorpresa, per una simile occasione avevo da parte dei… sigari. Ecco, tieni!
Mostro: Mmm.
Abelardo: Cosa? No, no, no, no, il fuoco è buono, è buono, ascolta, il fuoco, il fuoco è nostro amico. Guarda come faccio io, adesso ti mostro, eh? Ecco, hai visto? Hai il tuo sigaro? Fa’ vedere, fa vedere, bene. Guarda eh, ora tienlo così, non aspirare finché la punta non è rossa.
Mostro: Uahhh! Mmm!
Abelardo: Aspetta. Aspetta. Ma dove vai? Volevo offrirti anche una sambuca.

Dopo – Frankenstein Junior frasi

Dr. Frankenstein: L’amore è l’unica cosa che può salvare quella povera creatura, e quindi io voglio convincerlo che egli è amato, sia pure a costo della mia stessa vita. Non importa quello che sentirete, non importa se io vi chiamo e vi prego, non importa se mi metterò a gridare in modo terribile. Voi non aprirete questa porta o distruggerete tutto ciò per cui ho lavorato, sono stato chiaro? Non aprite questa porta!
Inga: Sì dottore.
Igor: È stato un piacere conoscerla.

Dopo – Frankenstein Junior frasi

Inga: Dottor Frankenstin, lei sta bene?
Dr. Frankenstein: Il mio nome è Frankenstein!

Dopo cantano – Frankenstein Junior frasi

Dr. Frankenstein:: If you’re blue and you don’t know where to go to, why don’t you go where fashion sits?
Mostro: Puttin’ on the Ritz!
Dr. Frankenstein:: Different types who wear a day coat Pants with stripes or cutaway coat perfect fits.
Mostro: Puttin’ on the Ritz!
Dr. Frankenstein:: Dressed up like a million dollar trouper, Trying mighty hard to look like Gary Cooper.
Mostro: Super-Dooper.
Dr. Frankenstein:: Come lets mix where Rockefellers, walk with sticks or umberellas, in their mitts.
Mostro: Puttin’ on the Ritz! Aaah!
Dr. Frankenstein:: Niente, non è niente ti dico. Un, due, tre e quattro… Per l’amor del cielo muoviti, vuoi farmi fare la figura del buffone? Vi prego, vi prego! Per la vostra incolumità, non lo umiliate! Stai buono, hai capito? Non ti lascerò distruggere il mio lavoro. Come tuo creatore ti ordino di smetterla!

Dopo – Frankenstein Junior frasi

Dr. Frankenstein:: Incatenato. Incatenato come una belva in cattività.
Inga: Dottore, mi sento avvilitissima.
Dr. Frankenstein:: C’è una sola risposta. Se riuscissi a trovare il modo di neutralizzare il suo equilibrio cerebro-spinale, mia cara, sarebbe il ritratto della salute. Ma come? Come, prima che sia tardi.
Inga: Oh, Frederick, se solo in qualche modo potessi..
Dr. Frankenstein:: Eh…
Inga: … alleviare il peso di tue delusioni…
Dr. Frankenstein:: Eh… eh… eh…
Inga: … se io trovassi modo di consolare…
Dr. Frankenstein:: Eh… eh… eh…
Inga: … tutte tue sofferenze, se io potessi, io mi prenderei tutto tuo pene. Oh!

Dopo – Frankenstein Junior frasi

Dr. Frankenstein:: Che cosa c’è?
Frau Blücher: Doktor, ma dov’è? Mi scusi, mentre era fuori è arrivato questo telegramma.
Dr. Frankenstein:: Credevo di averle detto di non interrompermi mai mentre sto lavorando.
Frau Blücher: Mi scusi Doktor, ho ritenuto che questa fosse urgente. Vede, la sua fidanzata potrebbe arrivare in qualsiasi momento.
Dr. Frankenstein:: Cosa? Elizabeth qui stanotte?
Frau Blücher: Sì. Vado a preparare una camera subito. Le consiglio di mettersi una cravatta.

Dopo – Frankenstein Junior frasi

Cittadini: Andiamo! Morte Mostro! Andiamo! A morte Mostro. Uccidere Mostro!
Ispettore Kemp: Alt! Alza. Un sommossa è un brutta cosa, brutta, und io dico che è arrivato momento di ne fare una!
Cittadino: Ammazziamo mostro!
Ispettore Kemp: Cielo testimone di me. Alza.
Cittadini: Cosa?
Ispettore Kemp: Io ho detto: lui maledirà giorno in cui fu battezzato Frankenstein.

Dopo – Frankenstein Junior frasi

Dr. Frankenstein: Libero. È libero in giro, sai che cosa significa?
Elizabeth: Caro non devi torturarti così.
Dr. Frankenstein: Immagino che tu abbia ragione.
Elizabeth: Ma certo che ce l’ho. Ora vieni a me, da bravo.
Dr. Frankenstein: Cosa farei senza di te?
Elizabeth: La tua camera è in fondo al corridoio in caso avessi paura durante la notte?
Dr. Frankenstein: Beh sì, ma io ecco, pensavo che stanotte, date le circostanze, potrei… stare qui con te.
Elizabeth: Forse tu mi vorresti così, adesso? Non vedi che gli esponsali sono così vicini che quasi li puoi toccare?
Dr. Frankenstein: Sì.
Elizabeth: Non così. Aspettare, solo un pochettino ancora quando potrò darti tutta me stessa senza esitazioni, quando potrò essere totalmente, apertamente, legalmente tua.
Dr. Frankenstein: È duro il dilemma.
Elizabeth: Anche tu sei un duro.
Dr. Frankenstein: Sì, forse hai ragione.
Elizabeth: Certo che ho ragione, io ce l’ho sempre. Ora dammi il bacino della buonanotte. Niente lingua. Buonanotte caro. Buonanotte gioia. Ti amo, mi ami? Ti amo dolcezza, dormi bene tesoro. Buonanotte, sogni d’oro, amore mio.

Dopo – Frankenstein Junior frasi

Mostro: Mmm!
Elizabeth: Il brando fiammeggiante dal suo fodero estrarrà, e il verbo trionferà, ta ta ta ta ta. Gloria, gloria, alleluia. Gloria, gloria, alleluia. Glo… Aaah!
Mostro: Mmm.
Elizabeth: Dove sono? Aaa! Lei… lei… lei chi è, che… che cos’è, cosa vuole, cosa vuole farmi?
Mostro: Mmm.
Elizabeth: Si calmi, non ho paura di lei. Quanto vuole per lasciarmi andare, mio padre è molto ricco con quei soldi lei avrà tutto il mondo ai suoi piedi. Senta, devo essere assolutamente di ritorno alle undici e mezza, aspetto una telefonata molto importante.
Mostro: Mmm.
Elizabeth: Parli, parli, perché non parla? Oh, mio Dio. Oh, no, no, non può fare sul serio. Ma io sono ve…, sono ve… Oh, mio Dio, Schwanzstück! Ma… ma… ma io sono fidanzata, io… io sono sempre stata… sono sempre… sempre… se… se… Sempre libera de gioia folleggiar di gioia in gioia! Voglio far sempre la… la… larallallallallà.
Mostro: Mmm. Mmm.

Dopo – Frankenstein Junior frasi

Mostro: Mettete giù quell’uomo!
Primo cittadino: Mostro che parla.
Secondo cittadino: Questo non possibile.
Primo cittadino: E invece sì.
Mostro: Ho detto: mettete giù quell’uomo.
Ispettore Kemp: Ma chi crede lei di essere per dare ordini a questa gente und perfino a me.
Mostro: Io sono il Mostro.
Ispettore Kemp: Sì, io vedo bene, vedo, lei è Mostro.
Mostro: Tutta la gente ha avuto per me sempre odio e disprezzo. Guardavano il mio viso e il mio corpo, e correvano via inorriditi. Nella mia solitudine avevo deciso che se non riuscivo a suscitare l’amore che profondamente agognavo avrei suscitato paura. Io vivo perché questo povero caro genio squinternato mi ha dato la vita. Soltanto lui mi considerava come qualcosa di bello e poi, quando gli sarebbe stato facile rimanere al sicuro, egli ha usato il suo corpo come fosse una cavia, per darmi un cervello normale e un modo più sofisticato e civile di esprimermi.
Ispettore Kemp: Beh, questo naturalmente crea un situazione tutta diversa, tutta. Quale capo di questa comunità, questa, voglio essere primo a lei offrire mia mano di amicizia, mano.
Mostro: Grazie.
Ispettore Kemp: Non c’è assolutamente di che, ma ora andiamo tutti a casa mia, tutti, per un pezzo di pan di Spagna, und poco di vino, und, cazzen… Tutti fare baldoria!

Dopo – Frankenstein Junior frasi

Dr. Frankenstein: Lallallalà. Lirallallà. Salve, signora Frankenstein.
Inga: Signora Frankenstein, che magnifico nome.
Dr. Frankenstein: Oh, cara.
Inga: Non ti spogliare ancora.
Dr. Frankenstein: Come?
Inga: Mi spoglio prima io.
Dr. Frankenstein: Dirindadà, dirindadà. Non mi spoglio cara, sei contenta?
Inga: Puoi cominciare, arrivo subito amore.

Subito dopo – Frankenstein Junior frasi

Elizabeth: Larillalà. Larallallàlalà. Larillaà… Lariralà. Tesoro? Tesoro, spero che tu non abbia trovato la festicciola da papà troppo noiosa, voglio dire, l’ha fatta per te, voleva farti piacere, dì che t’è piaciuta.
Mostro: Mm mmm.
Elizabeth: Caro, ti sei cambiato? Ho messo uno stipetto nel bagno apposta per le tue camicie, l’altro è solo per le mutandine e i calzini sudici. Arrivo. Ah!
Mostro: Mm mmm.

Subito dopo – Frankenstein Junior frasi

Dr. Frankenstein: Mmm, mmm.
Inga: Mmm, il sentimento è reciproco. Lo sai, c’è un mistero per me, una cosa che ho sempre voluto ti chiedere riguardo all’operazione. Quando tu ha fatto scambio, mostro ha avuto parte di tuo stupendo cervello ma tu che cosa hai avuto di lui?
Dr. Frankenstein: Mmm!
Inga: Oh no, non posso credere, oh! Oh! Oh! Sempre libera degg’io, folleggiar di gioia in gioia…

Frankenstein Junior frasi e citazioni, 1974, Mel Brooks, Marty Feldman, Igor, sorriso
Una scena del film di Mel Brooks che ah come protagonista Marty Feldman – Frankenstein Junior frasi e citazioni

Infine altre informazioni a proposito della pellicola presenti sul blog – Frankenstein Junior frasi e citazioni

Colonna sonora film: non ancora presente

Curiosità sul film: n.p.

Errori presenti nel film: non ancora presente

Infine vi ricordo che, per rimanere sempre aggiornati sulle ultime notizie, potete seguire il blog sui canali Facebook, Instagram e Twitter. Se vi è piaciuto l’articolo “Frankenstein Junior frasi e citazioni” lasciate un commento o condividetelo.

Anche questa sezione del blog è in continuo aggiornamento, segnalate se vi sono degli errori. Vi ricordo che anche voi potete segnalare nei commenti le vostre citazioni preferite.

Luca Miglietta

T-shirt – sponsorizzato

Pubblicato da Luca Miglietta

Luca Miglietta, classe 1988, nato a Torino, appassionato di cinema e di tutto il mondo che lo circonda. Cresciuto fin da piccolo con la passione per il grande schermo guardando saghe come Ritorno al Futuro, Star Wars ed Indiana Jones. Difficile dire quale sia il mio film preferito in assoluto, perché generalmente non mi affeziono a un singolo film a parte quelli sopracitati che sono legati alla mia infanzia. Se dovessi però dirne qualcuno penserei a: Blade Runner, Terminator o Apocalypse Now. Non amo solamente il cinema, ma anche la letteratura e la fotografia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.