Crea sito

Calendar girls, la scheda del film di Nigel Cole

Calendar girls, scheda film di Nigel Cole

Una pellicola del 2003 che ha tra le protagoniste Helen Mirren, Julie Walters e Linda Bassett

Calendar Girls, 2003, Nigel Cole, Helen Mirren, Julie Walters
Una scena di Calendar Girls, che ha come protagoniste Helen Mirren e Julie Walters
Sei qui: Home » Calendar girls, la scheda del film di Nigel Cole

Calendar girls racconta la storia vera di un gruppo di attempate signore del Rylstone & District Women’s Institute dello Yorkshire. Queste donne nel 1999, per la buona causa di ottenere il denaro per comprare un divano più comodo per l’ospedale della loro città, posarono nude nel calendario della loro associazione. Un calendario dove di solito precedetemene venivano pubblicati solamente fiori e paesaggi.

Fino alla fine degli anni novanta i calendari femminili di modelle perfette andavano molto di moda, poi hanno riscosso meno successo. Negli anni successivi però si è verificato un fenomeno particolare ed interessante, ha cominciato ad andare di moda il calendario di donne non esteticamente perfette, ma che volevano comunque mostrare il loro lato sensuale. Calendar girl racconta proprio una situazione in cui, donne che non rispettavano i canoni della perfezione, hanno voluto mettersi in gioco

La trama di Calendar girls

Annie Clarke e Chris Harper vivono a Knapely, un tranquillo villaggio dello Yorkshire. Sono amiche da una vita nonostante i loro caratteri diversi, Chris è tanto impulsiva e carica di entusiasmo, mentre Annie è tranquilla e riflessiva. Entrambe sono membri del Women’s Institute locale, dove trascorrono molto del loro tempo libero.

Tra le varie attività del Women’s Institute c’è quello di organizzare raccolte di fondi per fare beneficenza. Quando al marito di Annie, John, viene diagnosticata un cancro terminale, Chris va regolarmente a far visita lui è all’amica in ospedale. Chris si lamenta sempre del divano scomodo nella sala d’attesa. Dopo aver notato un calendario femminile in un negozio locale a Chris viene l’idea su come raccogliere fondi per acquistare un nuovo divano per l’ospedale.

Propone così alle amiche di produrre un calendario con i membri del Women’s Institute nel quale le donne dovranno posare nude mentre sono impegnate in varie attività dell’istituto, come cucinare o lavorare a maglia. La sua proposta inizialmente viene accolta con scetticismo, ma alla fine convince altre dieci donne a partecipare al progetto con lei e Annie.

Le aiuterà nel progetto Lawrence, un lavoratore ospedaliero e fotografo dilettante. Il capo locale del Women’s Institute si rifiuta di approvare il calendario, così Chris e Annie dovranno combattere la loro causa al congresso nazionale del Women’s Institute di Londra. Sarà una dura battaglia.

Calendar Girls, 2003, Nigel Cole, Helen Mirren, Julie Walters, divano
Una scena di Calendar Girls, che ha come protagoniste Helen Mirren e Julie Walters

Calendar girls è una leggera commedia britannica, piena di humor nella prima parte

Nigel Cole nel 2003 dirige Calendar girls un film che ha avuto un buon riscontro da parte della critica. Un regista famoso per aver diretto anche Sballati d’amore (2005), 5 dollari al giorno (2008) e We Want Sex (2010)

Calendar girls è un film leggero il cui spunto comico si basa sulla difficoltà delle protagoniste di vincere le loro inibizioni e posare nude. A confrontarsi con il senso del pudore inoltre non sono però delle giovani, ma delle donne anziane e per di più benestanti. Non hanno quindi necessità finanziarie e vogliono semplicemente far qualcosa di buono per la comunità mettendosi in gioco. Hanno differenti motivazioni, ma il motivo principale della loro iniziativa è quello di fare beneficenza.

Dopo l’imprevisto successo del del calendario alcune di loro vengono sedotte dalla celebrità che gli fa perdere la testa. Le donne appariranno addirittura al The Tonight Show con Jay Leno a Los Angeles e verranno bombardate di lettere di fan.

Perchè vedere Calendar girls?

Calendar girls è una pellicola leggera e piacevole da vedere. La prima parte è ben fatta e piena di humor tipicamente inglese, la seconda parte, dopo il successo del calendario, è meno riuscita. La seconda metà di Calendar girls diventa più seriosa e meno coinvolgente. Calendar girls è uro intrattenimento, una commedia che non si vuol prendere sul serio o parlare di temi impegnativi.

Non voglio spoilerarvi se alla fine le donne protagoniste di Calendar girls riprenderanno le loro normali vite. che avevano precedentemente alla loro iniziativa di posare nude, oppure cambieranno completamente stile e modo di vivere. Lo scoprire solo voi vedendo il film.

Calendar Girls, 2003, Nigel Cole, Calendar Girls, 2003, Penelope Wilton, Helen Mirren, Julie Walter, cibo
Una scena di Calendar Girls, che ha come protagoniste Helen Mirren, Julie Walters e Penelope Wilton
La storia vera da cui è tratto Calendar Girls

La sceneggiatura di Calendar girls, scritta da Tim Firth e Juliette Towhidi si basa sulla storia vera di un gruppo di donne di mezza età dello Yorkshire che hanno prodotto un calendario in cui si mostravano senza veli per raccogliere fondi per la ricerca sul cancro. Questo era accaduto nel 1999 dopo la morte per cancro del marito di Angela Baker, una delle membri del gruppo.

John Richard Baker, assistente dell’Ufficiale del parco nazionale “Yorkshire Dales National Park” era morto di Linfoma non Hodgkin all’età di 54 anni. Le amiche della Baker iniziarono a raccogliere fondi, inizialmente con l’obiettivo di acquistare un divano per la sala visitatori dell’ospedale in cui John era ricoverato. Poi, quando il calendario è inaspettatamente diventato un successo, hanno cominciato a finanziare la ricerca sul cancro. Ad oggi il gruppo di donne ha raccolto oltre 3 milioni di sterline per la “Leukemia & Lymphoma Research“, la principale organizzazione benefica del Regno Unito contro il cancro del sangue.

Il successo dell’iniziativa di cui si parla in Calendar girls

Il calendario è stato chiamato “Alternative WI Calendar 2000” e le foto sono state scattate da Terry Logan, un ex fotografo professionista sposato con una delle modelle. E’ uscito il 12 aprile 1999 ed è diventato un grande successo andando esaurito nella prima settimana. A nove mesi dal suo lancio, il calendario aveva venduto 88.000 copie.

Dopo è uscita la versione americana che copriva i mesi dal giugno 2000 al dicembre 2001 e le donne sono state invitate ai programmi di Jay Leno e Rosie O’Donnell. Quell’anno il calendario delle Calendar girls, donne mature e nude, vendette 202.000 copie ed i proventi sono andati a finanziare la ricerca sui linfomi e le leucemie nei laboratori dell’Università di Leeds.

Dal 2000 ad oggi le Calendar Girls hanno prodotto calendari per il 2004, 2005, 2007 e 2010 e un calendario di ricette nel 2008.

Calendar Girls, 2003, Nigel Cole, Helen Mirren, Julie Walters, calendario
Una scena di Calendar Girls, che ha come protagoniste Helen Mirren e Julie Walters
Curiosità su Calendar girls Calendar girls
Riprese di Calendar girls

Le riprese di Calendar girls si sono svolte nell’estate del 2002 e gran parte del film è stato girato nei dintorni del paesino di Kettlewell nel North Yorkshire. Altre riprese si sono svolte a Buckden, Burnsall, Conistone, Ilkley, Settle, Linton, Malham, Skipton, Westminster e Londra.

Le immagini nel calendario della versione cinematografica sono state scattate dal fotografo professionista Jaap Buitendijk. Le riprese delle scene di nudo in Calendar girls hanno richiesto una settimana. Secondo il regista Cole, gli attori sono stati colpiti dallo spirito delle vere donne che avevano posato nude per il calendario. Hanno spiegato alle attrici come avevano superato l’imbarazzo di togliersi i vestiti per fare il calendario.

Le attrici di Calendar girls hanno avuto stesso spirito sul set e non hanno avuto problemi a girare nude, lo erano anche quando non era previsto per le riprese. Stavano nude e non si rivestivano anche se le riprese riguardavano solo i loro volti. I tecnici hanno cercato di rimuovere tutte le parti intime delle donne dalle riprese in post-produzione, ma hanno dovuto far un lungo lavoro di 4 settimane. Erano troppe le parti intime che si vedevano. Le attrici di Calendar girls si sostenevano a vicenda con una bottiglia di champagne ogni volta che qualcuna finiva la scena di nudo.

L’uscita nelle sale e l’incasso

Calendar Girls è stato presentato in anteprima al Locarno Film Festival ed è stato successivamente mostrato al Filmfest Hamburg, al Dinard Festival of British Cinema in Francia, al Warsaw Film Festival, al Tokyo International Film Festival e allo UK Film Festival di Hong Kong.

Con un budget di 10 milioni di dollari è diventato anche un grande successo commerciale, incassando 93,4 milioni di dollari in tutto il mondo.

Il cameo delle vere protagoniste della vicenda

I membri reali del Women’s Institute, Angela Baker, Beryl Bamforth, Christine Clancy, Ros Fawcett, Lynda Logan e Tricia Stewart compaiono nella scena nel tendone al Knapely Show, in cui Rylstone e Highgyll sono in competizione per i premi di cucina.

La morte del fratello di Helen Mirren

Durante la realizzazione di Calendar Girls, il fratello di Helen Mirren stava morendo di cancro. Le è stata data la notizia che era morto il giorno in cui hanno girato le scene del funerale. Le sue lacrime e il suo dolore erano reali.

Gli spettacoli teatrali ispirati a Calendar Girls

E’ uscito “Calendar Girls“, uno spettacolo teatrale del 2008 basato sul film al “Chichester Theatre Festival“, che successivamente è stato portato sul palcoscenico nel West End.

The Girls” è invece un musical del 2015 basato sulla storia di Calendar Girls, e scritto da Tim Firth e Gary Barlow. È stato presentato in anteprima a Leeds e poi trasferito nel West End, al Phoenix Theatre nel febbraio 2017.

Altre curiosità su Calendar girls
  • Calendar Girls ha ricevuto il British Comedy Award per il miglior film comico e le nomination all’ALFS Award, all’Empire Award e al Satellite Award per Mirren e Walters. Helen Mirren ha ottenuto anche la nomination al Golden Globe.
  • Contrariamente alla rappresentazione in Calendar Girls, la proposta di fare il calendario nude ha goduto di ampio sostegno al Women’s Institute.
  • Calendar Girls è stato l’ultimo film di Graham Crowden prima della sua morte, avvenuta il 19 ottobre 2010 all’età di ottantasette anni.
Calendar Girls, 2003, Nigel Cole, Helen Mirren
Una scena di Calendar Girls, che ha come protagonista Helen Mirren
Calendar girls colonna sonora

La colonna sonora di Calendar Girls contiene sedici canzoni, tra cui “You Upset Me Baby” eseguita da BB King, “Sloop John B” dei Beach Boys, “The Way You Do the Things You Do“. ” dei The Temptations e “Comin’ Home Baby” di Roland Kirk e Quincy Jones. Il 9 dicembre 2003 è uscita la colonna sonora di Calendar girls nel Regno Unito.

Ecco tutti i brani della colonna sonora di Calendar girls
  1. “I Find Your Love” (Patrick Doyle featuring Beth Nielsen Chapman) 2:28
  2. “Jerusalem” (Patrick Doyle featuring Knapley Women’s Club) 2:09
  3. “The Funeral” (Patrick Doyle) 1:02
  4. “Fantastic Tits” (Patrick Doyle) 2:15
  5. “March” (Patrick Doyle) 1:18
  6. “Bra’s Off” (Patrick Doyle) 1:38
  7. “Sponsorship” (Patrick Doyle) 1:28
  8. “The Press” (Patrick Doyle) 1:34
  9. “Letters” (Patrick Doyle) 1:16
  10. “One More Hour” (Patrick Doyle) 2:33
  11. “Jerusalem” (Patrick Doyle) 1:20
  12. “The Way You Do the Things You Do” (The Temptations) 2:41
  13. “You Upset Me, Baby” (B.B. King) 3:01
  14. “Comin’ Home Baby” (Roland Kirk & Quincy Jones) 2:48
  15. “Ride Your Pony” (The Meters) 3:18
  16. “Find Another Way” (Mornin’ Norman) 3:17
Frasi, citazioni e dialoghi tratti da Calendar girls

I fiori dello Yorkshire sono come le donne dello Yorkshire. Ogni fase della loro crescita ha la sua bellezza, ma l’ultima fase è sempre la più gloriosa. Poi molto rapidamente vanno tutti a seminare”.

Chris

Molte persone mi hanno visto nudo quella mattina.

Annie

Sto per commettere un’eresia. Senti, odio la marmellata di prugne.

Chris

Mi sono iscritto al WI solo per rendere felice mia madre. Sì, odio la marmellata di prugne. Faccio schifo con le torte, non so fare il pan di spagna. In effetti, visto che è improbabile che George Clooney venga effettivamente a Skipton per fare un discorso su com’era essere in “ER”, mi sembra che ci siano pochissime ragioni per rimanere effettivamente nel WI. Tranne che all’improvviso… all’improvviso voglio raccogliere fondi in memoria di un uomo che amavo, e per farlo sono pronto a togliermi i vestiti per un calendario WI, e se non puoi darci dieci minuti del tuo tempo , Signora Presidente, allora, francamente, ragazzi, lo farò senza l’approvazione del consiglio. Perché ci sono cose che sono più importanti dell’approvazione del consiglio.

Chris

Non facciamo nudità, ma facciamo beneficenza.

Brenda Mooney

A qualcuno piacciono le patatine?

Annie

Qualcuno può vedere i miei capezzoli?

Chris
Dialoghi tratti da Calendar girls

Annie: Nessuno di noi è mai stato qui, amore. Voglio dire, per l’amor di Dio, il mio John non mi ha visto nudo fino alla primavera del 1975.
Chris: Cos’è successo nella primavera del ’75?
Annie: C’era una lucertola nel blocco delle docce ad Abergele.

Dopo

Eddie Reynoldson: Sei adorabile…
Ruth: Con chi di noi stai parlando, Eddie? Quella che si fa una sgualdrina spogliandosi o io?

Dopo

Anni : Se non possiamo usare il nome WI, allora non lo usiamo.
Chris: Allora, cosa? Avremo un calendario di alcune donne di mezza età misteriosamente nude dietro torte di frutta.

Dopo

Ruth: Beh, penso che sia un’ottima idea.
Cora: Non ti stavi concentrando, vero Ruth?
Ruth: Lo ero. Raccoglieremo soldi per comprare un divano per l’ospedale a nome di John.
Celia: Posando per un calendario nudo!
Ruth: Oh no!
Chris: Oh siediti. Non ti sto chiedendo di cavalcare un ‘Arley Davidson.

Dopo

Marie: So come ti devi sentire.
Annie: Tu? Oh caro.
Marie: Sei sicuro che John avrebbe approvato?
Annie: L’hai detto tu stessa che non lo conoscevi.
Marie: So che era un uomo perbene…

Dopo

Chris: Certo che hai un corpo che vale la pena guardare.
Ruth: Guarda quel parcheggio.
Chris: Ruth.
Ruth: Non ti infastidisce quando le persone occupano due spazi.

Dopo

Celia: Non sono mai stata nuda davanti a nessuno in vita mia.
Chris: Nemmeno Frank?
Celia: Frank è un maggiore. Ci avviciniamo alla nudità su una base strettamente necessaria.

Dopo

Gaz: È un’età difficile. Circa ora, le donne attraversano un’età difficile. Diventano tutti irrazionali, strani e difficili da prevedere.
Jem Harper: Come fai a saperlo?
Gaz: Me l’ha detto mio padre.

Dopo

Cora: C’è solo un problema. Il fotografo è un uomo.
Jessie: Ma il punto è che non mostreremo nulla.
Cora: Nelle foto. Immagino che una quantità considerevole sarà esposta nella stanza.
Chris: Dovrà essere nella stanza per fare le foto!
Cora: Con noi nudi!
Celia: Sì. O nudo.
Chris: No, ascolta. Un fotografo d’arte non vede una donna nuda. Vede un modello di vita!
Celia: Sì. No, la nudità non è importante.
Jessie: Facile a dirsi quando indossi le mutande.

Dati tecnici del film Calendar girls

Paese di produzione: Regno Unito
Anno: 2003
Durata: 108 minuti
Genere: commedia
Regia: Nigel Cole
Soggetto: Tim Firth e Juliette Towhidi

Sceneggiatura: Tim Firth e Juliette Towhidi
Fotografia: Ashley Rowe
Montaggio: Michael Parker
Musiche: Patrick Doyle
Scenografia: Martin Childs, Grant Armstrong e Mark Raggett

Attori principali di secondo l’ordine IMDb

Helen Mirren: Chris Harper
Julie Walters: Annie Clarke
John Alderton: John Clarke
Linda Bassett: Cora
Annette Crosbie: Jessie
Philip Glenister: Lawrence Sertain
Ciarán Hinds: Rod Harper
Celia Imrie: Celia
Geraldine James: Marie
Penelope Wilton: Ruth
George Costigan: Eddie
Celia Henebury: ragazza al Check-in
Elizabeth Bennett: giudice della W.I.
Bob Flag: Alan Rathbone
Graham Crowden: Richard

Calendar girls i trailer

Streaming del trailer in italiano se non riuscite a vedere l’anteprima del video di YouTube: non ancora presente il trailer del film

Ecco infine il link del trailer in lingua originale: Calendar Girl original trailer

Altre informazioni su Calendar girls presenti sul blog

Errori presenti nel film: non ancora presente

Infine vi ricordo che, per rimanere sempre aggiornati sulle ultime notizie riguardanti film, serie TV, musica e cartoni animati, potete seguire il blog sui social. Non sono solo film ha un canale Telegram e pagine su Facebook, Instagram e Twitter. Se vi è piaciuta la recensione de Calendar girls, trovate questa ed altre schede dei film in questa sezione: Recensione.

Luca Miglietta

Non son solo film non è una testata giornalistica registrata, ma un blog indipendente sul mondo del cinema, delle serie tv, della musica e dell’intrattenimento in generale. E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti presenti sul blog non son solo film non autorizzata espressamente dall’autore. Copyright © 2012 - 2021 non son solo film a cura di Luca Miglietta. Buona lettura e permanenza sul sito.