Cinema catastrofico di Roland Emmerich

Cinema catastrofico di Roland Emmerich

Il cinema catastrofico di Roland Emmerich

Quante situazioni ricorrenti nei suoi film! Ne ho descritte alcune in questo articolo

Cinema catastrofico di Roland Emmerich. Independence Day, 1996, Roland Emmerich, Jeff Goldblum, Will Smith, Levinson, Hiller
Una scena di Independence Day che ha come protagonisti Jeff Goldblum e Will Smith
Sei qui: Home » Cinema catastrofico di Roland Emmerich

Conoscete il cinema catastrofico di Roland Emmerich? Avete visto qualche sua pellicola? Roland Emmerich può essere considerato a tutti gli effetti uno dei registi più catastrofici della storia del cinema con le sue apocalissi, i suoi cataclismi e il rischio costante che l’umanità possa essere spazzata via. Per la sua filmografia ricca di film catastrofici Roland Emmerich è stato definito da molti addetti ai lavori “Master of Disaster”.

Emmerich dopo tutto è sempre stato bravo confezionare film spettacolari infarciti di moltissimi ed efficacissimi effetti speciali, che spesso, ma non sempre, fanno da padrone rispetto alla trama.
Per citarne alcuni basti pensare a Stargate, Independence Day, The Day After Tomorrow, 2012, Godzilla o il più recente Moonfall. In tutte queste pellicole il mondo e la vita umana rischiano di essere disintegrati. Questi sono i principali titoli in cui si può godere appieno del cinema catastrofico di Roland Emmerich.

In Stargate una potentissima bomba nucleare aliena rischia di far estinguere la razza umana, in Indipendence Day, The Day After Tomorrow e 2012 le città vengono rase al suolo. Invece in Godzilla un mostro e i suoi eventuali cuccioli rischiamo di porre fine all’umanità. Infine in Moonfall una forza misteriosa manda la Luna in rotta di collisione con la Terra minacciando la vita sul pianeta. In tutti questi film solo i pochi e abili superstiti riescono a sconfiggere o limitare il mostro, gli alieni o i cataclismi naturali di turno.

Independence Day, 1996, Roland Emmerich, Jeff Goldblum, David Levinson
Una scena di Independence Day che ha come protagonisti Jeff Goldblum nel ruolo di David Levinson

Nel cinema catastrofico di Roland Emmerich l’umanità è sempre in costante pericolo

Se si analizzano fino in fondo i suoi film si possono notare numerosissimi tratti in comune nelle principali pellicole che fanno parte del cinema catastrofico di Roland Emmerich. Partiamo dal fatto curioso che New York deve essere assolutamente distrutta o devastata, quasi il regista avesse conto in sospeso con la Grande Mela. Questo ovviamente non accade in Stargate perché, come sapete, è principalmente ambientato su di un altro pianeta.

Altro elemento che evidentemente per contratto deve essere per forza presente nei suoi lungometraggi è il fatto che il Presidente degli Stati Uniti o qualche suo famigliare devono morire. Questa volta prendo in esame in esame Indipendence Day, The Day After Tomorrow e 2012. Muore infatti la moglie del presidente in Indipendence Day e muore il presidente degli USA sia in The Day After Tomorrow che in 2012.

Anche i protagonisti dei sui film si assomigliano sempre

Altro elemento essenziale del cinema catastrofico di Roland Emmerich è il fatto che il protagonista è normalmente uno scienziato, eccetto in 2012 nel quale è un romanziere. E’ inoltre sempre lui l’unico che comprende prima di tutti ciò che sta accadendo. Questi però non viene mai creduto da nessuno, altrimenti il lungometraggio durerebbe troppo poco!

Ma non temete, quando alla fine la situazione è quasi irrimediabile, l’impavido protagonista salva sempre le sorti dell’umanità. Da non dimenticare la situazione sentimentale del protagonista, sempre divorziato o quasi, questo perché in Godzilla è stato solamente mollato dalla sua ex. Ovviamente alla fine del film torneranno tutti felici e contenti! Un classico del cinema catastrofico di Roland Emmerich.

Sono comunque caratteristiche che accomunano anche altri registi. Spesso capita inoltre che i vari cineasti siano soliti a rappresentare situazioni spesso ricorrenti nelle proprie pellicole. E’ una cosa del tutto normale, oggi ho voluto prendere un po’ in giro il buon Roland Emmerich, ripubblicando un vecchio articolo che avevo scritto nel febbraio 2013. Dopo l’uscita di Moonfall mi sembrava giusto arricchire il pezzo con nuovi contenuti.

Cinema catastrofico di Roland Emmerich. Stargate, 1994, Roland Emmerich, Kurt Russell, James Spader
Una scena di Stargate che ha come protagonisti Kurt Russell e James Spader
Il segreto del cinema catastrofico di Roland Emmerich

Roland Emmerich intervistato dal canale YouTubeJake’s Takes” ha svelato un segreto molto interessante. Lui ha sempre scelto di seguire una regola nei suoi tanti film. Roland Emmerich ha raccontato la cosa mentre era impegnato nella promozione di Moonfall davanti alla stampa. Si tratta dell’ennesimo disastrer movie da lui diretto e con protagonisti questa volta Patrick Wilson, Halle Berry e John Bradley. Questo è il segreto del cinema catastrofico di Roland Emmerich secondo lui.

“State lontani dall’uccisione delle persone… Perché è qualcosa che non credo che piaccia molto alla gente. Sì, il mondo sta crollando, ma non mostrarlo troppo… Ecco perché io punto sulla città, allargate la scala il più possibile. Perché non è divertente [vedere le persone che muoiono”.

Avete notato anche voi questi elementi ricorrenti nel cinema catastrofico di Roland Emmerich? Quali sono i vostri film preferiti di questo regista? Se non li avete mai visto vi consiglio di guardarne qualcuno sulle tante piattaforme streaming!

Infine vi ricordo che, per rimanere sempre aggiornati sulle ultime notizie riguardanti film, serie TV, musica e cartoni animati, potete seguire il blog sui social. Non sono solo film ha un canale Telegram e pagine su Facebook, Instagram e Twitter.

Vi è piaciuto questo articolo sul cinema catastrofico di Roland Emmerich? Trovate articoli simili nella sezione del blog non son solo film dedicata alle curiosità.

Luca Miglietta

Buono Regalo Amazon – sponsorizzato

Pubblicato da Luca Miglietta

Luca Miglietta, classe 1988, nato a Torino, appassionato di cinema e di tutto il mondo che lo circonda. Cresciuto fin da piccolo con la passione per il grande schermo guardando saghe come Ritorno al Futuro, Star Wars ed Indiana Jones. Difficile dire quale sia il mio film preferito in assoluto, perché generalmente non mi affeziono a un singolo film a parte quelli sopracitati che sono legati alla mia infanzia. Se dovessi però dirne qualcuno penserei a: Blade Runner, Terminator o Apocalypse Now. Non amo solamente il cinema, ma anche la letteratura e la fotografia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.