Marlene Dietrich a Parigi rischiò l’arresto

Marlene Dietrich a Parigi rischiò l’arresto

Marlene Dietrich a Parigi rischiò l’arresto

Lei si era presentata nella capitale francese in pantaloncini, ma era vietato

Marlene Dietrich a Parigi rischiò l'arresto
Marlene Dietrich
Sei qui: Home » Marlene Dietrich a Parigi rischiò l’arresto

Nel 1933 Marlene Dietrich a Parigi rischiò l’arresto. Non è stata solo la prima grande diva del cinema, ma anche una grande cantante con la sua voce ammaliante. Marlene Dietrich ha avuto moltissimi flirt sia con uomini, che con donne e tra loro c’erano attori e attrici notissimi di Hollywood. Ad esempio Gary Cooper, Greta Garbo, James Stewart, Jean Gabin, Frank Sinatra e Yul Brinner. Tra i le sue amanti c’erano l’ereditiera Marion “Joe” Carstairs e probabilmente anche la cantante francese Edith Piaf.

Marlene Dietrich è stata la prima attrice della storia del cinema, ad osare un bacio omosessuale in una pellicola. Si trattava del suo secondo film, intitolato Marocco. In una scena interpretava una cantante di cabaret vestita da uomo e baciava sulla bocca una donna del pubblico. Dopo avervi introdotto brevemente in personaggio vi parlerò di quando Marlene Dietrich a Parigi rischiò l’arresto.

Marlene Dietrich a Parigi rischiò l’arresto a causa dei suoi abiti

Nel 1933 Marlene Dietrich, durante la traversata dell’Atlantico su una nave diretta a Parigi, indossava un tailleur pantalone bianco. Quando il capo della polizia di Parigi lo venne a sapere dichiarò che se si fosse presentata indossando pantaloni nella capitale sarebbe stata arrestata. Marlene Dietrich però se ne infischiò e sbarcò a Cherbourg in Francia con un completo di tweed bouclé completo di cravatta, in soprabito, un berretto e un paio di occhiali da sole.

La richiesta del capo della polizia non era una bizzarria o un colpo di testa, perché nell’ordinamento francese era presente dal 17 novembre 1800, una legge che vietava alle donne di “vestirsi come degli uomini”. Era vietato in particolare di indossare i pantaloni. All’inizio del ‘900 i legislatori francesi avevano introdotto una deroga per le donne che dovevano andare in bicicletta o a cavallo, ma per questa fattispecie non valeva. Questa norma è stata abolita definitivamente solo il 31 Gennaio 2013, su decisione di Najat Vallaud-Belkacem l’allora ministro per i diritti delle donne.

Nessuno arresto mai Marlene Dietrich

L’attrice arrivò da a Parigi vestita da uomo. Scese dal treno accompagnata da un poliziotto a braccetto, ma non venne arrestata. Potete trovare molte foto dell’attrice scortata dalla polizia alla Gare Saint-Lazare di Parigi. In Italia negli anni 30 i fascisti affermavano che le donne che indossavano pantaloni tradivano la loro femminilità ed erano in parte responsabili della “decadenza” della società.

Sapevate che Marlene Dietrich a Parigi rischiò l’arresto? E’ incredibile ma è successo veramente!

Infine vi ricordo che, per rimanere sempre aggiornati sulle ultime notizie riguardanti film, serie TV, musica e cartoni animati, potete seguire il blog sui social. Non sono solo film ha un canale Telegram e pagine su Facebook, Instagram e Twitter.

Vi è piaciuto questo articolo sul fatto che Marlene Dietrich a Parigi rischiò l’arresto? Trovate articoli simili nella sezione del blog non son solo film dedicata alle curiosità.

Luca Miglietta

Pubblicato da Luca Miglietta

Luca Miglietta, classe 1988, nato a Torino, appassionato di cinema e di tutto il mondo che lo circonda. Cresciuto fin da piccolo con la passione per il grande schermo guardando saghe come Ritorno al Futuro, Star Wars ed Indiana Jones. Difficile dire quale sia il mio film preferito in assoluto, perché generalmente non mi affeziono a un singolo film a parte quelli sopracitati che sono legati alla mia infanzia. Se dovessi però dirne qualcuno penserei a: Blade Runner, Terminator o Apocalypse Now. Non amo solamente il cinema, ma anche la letteratura e la fotografia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.