Crea sito

Le migliori frasi di Tokyo in La casa di carta

Le migliori frasi di Tokyo in La casa di carta

Ecco le migliori citazioni di questo energico personaggio della famosa serie tv spagnola, il cui vero nome è Silene Oliveira

La casa di carta, Úrsula Corberó, Tokyo, Miguel Herrán, Río - Le migliori frasi di Tokyo in La casa di carta
Una scena di La casa di carta, che ha come protagonisti Úrsula Corberó e Miguel Herrán – Le migliori frasi di Tokyo in La casa di carta
Sei qui: Home » Le migliori frasi di Tokyo in La casa di carta

Le migliori frasi di Tokyo in La casa di carta. Seguono ora alcune frasi e citazioni di Silene Oliveira, in arte Tokyo tratte dalla serie tv che ha come protagonisti Úrsula Corberó, Itziar Ituño, Álvaro Morte, Pedro Alonso, Alba Flores, Miguel Herrán e Enrique Arce. Solo una breve introduzione a cui, nella seconda parte dell’articolo, seguiranno anche i dialoghi da non perdere. La seconda sezione è infatti più completa ed esaustiva.

Le migliori frasi di Tokyo

Frasi nella prima stagione di La casa di carta – Le migliori frasi di Tokyo

Episodio 1

Sono più un tipo che scappa, con corpo e anima. E se il corpo non può scappare, che almeno scappi la mia anima.

La cosa bella dei rapporti è che ti dimentichi come sono iniziati.

È come uno squalo in una piscina. Puoi farti il bagno con lui, ma non puoi stare tranquilla. (parlando)

Nessun giorno è perfetto per una rapina.

Non basta scopare bene per essere una coppia.

Episodio 2

E fu così che vincemmo la nostra prima battaglia, durante la prima notte. Senza combattere e con il buonsenso. (Tokyo)

Episodio 3

Sono accadute molte altre cose, che nessuno ricorda e che hanno cambiato tutti noi, al punto da non poter più distinguere chi erano i buoni e chi erano i cattivi.

L’amore è sempre una buona ragione per mandare all’aria tutto.

La casa di carta, Úrsula Corberó, Tokyo, Alba Flores, Nairobi, travestimento - Le migliori frasi di Tokyo in La casa di carta
Una scena di La casa di carta, che ha come protagonisti Úrsula Corberó e Alba Flores – Le migliori frasi di Tokyo in La casa di carta

Episodio 4

I ladri per definizione sono degli inguaribili ottimisti. Sono convinti che tutto si sistemerà.

Episodio 5

Dicono che quando ci troviamo difronte alla morte, vediamo finalmente la nostra vita con chiarezza.

Episodio 6

Pensate mai che potendo ritornare indietro nel tempo forse non si prenderebbero le stesse decisioni? Tutti ci costruiamo una palla di neve con le decisioni sbagliate. Una palla che diventa gigantesca. Come il masso di Indiana Jones e continua inseguirti sul pendio per schiacciarti.

Tutte le decisioni che prendiamo nel passato, ci portano inesorabilmente nel futuro.

Episodio 7

Quando ero piccola, sapevo che con lei non mi sarebbe successo niente. Il brutto era quando non c’era. (parlando della madre)

Episodio 9

Sono invece una banderuola che rovina sempre tutti. È come se mi vedessi in un film e non mi riconoscessi. Perché credevo di essere… be’ diversa. Ma in realtà sono una matta che fa danni. Che si stanca di tutto e non rende felice gli altri. E non mi piace come sono.

Io sono terra bruciata. Peggio. Sono una cazzo di tanica di benzina con un cerino.

Episodio 10

A volte la disperazione fa uscire le palle e acquisire la determinazione di aggrapparsi alla vita come cagne furiose.

La casa di carta, Úrsula Corberó, Tokyo, Miguel Herrán, Río, bacio, mare - Le migliori frasi di Tokyo in La casa di carta
Una scena di La casa di carta, che ha come protagonisti Úrsula Corberó e Miguel Herrán – Le migliori frasi di Tokyo in La casa di carta

Episodio 11

Quando tocchi il fondo, c’è comunque qualcosa da raschiare.

Sapete cosa significa “danno collaterale”? È un termine coniato durante la guerra nel Vietnam dagli Americani, quando non avevano le palle di parlare direttamente di massacro di civili. Ma si usa anche per non assumersi la responsabilità, come un boomerang.

Episodio 12

Sapete che quando si forma un ingorgo dopo un incidente, non è per l’incidente? È perché le altre macchine si fermano a guardare: non possono evitarlo. *Perché in fondo siamo semplici come una zanzara che va verso la luce. Come qualsiasi altro insetto che cerca di scappare se lo si rinchiude.

Episodio 13

La speranza è come la tessera del domino, quando ne cade una, cadono tutte le altre.

La vita del Professore ruotava intorno a una sola idea: la Resistenza. Suo nonno, che aveva fatto la Resistenza coi partigiani per sconfiggere i fascisti in Italia, gli aveva insegnato quella canzone. E poi lui, l’aveva insegnata a noi. (parlando di Bella Ciao)

La casa di carta, Úrsula Corberó, Tokyo, scale - Le migliori frasi di Tokyo in La casa di carta
Una scena di La casa di carta, che ha come protagonista Úrsula Corberó – Le migliori frasi di Tokyo in La casa di carta
Frasi nella seconda stagione di La casa di carta – Le migliori frasi di Tokyo

Episodio 5

Quando ti cade il mondo addosso, non importa se stai in bagno, in mezzo a una rapina o all’entrata di un carcere. Vedete, le disgrazie di tre donne si erano sincronizzate.

Episodio 6

Il mio angelo custode non mi aveva abbandonata, e io mi sentivo come su un trenino della strega. Sei in un tunnel e non sai dove apparirà il fantasma. Ma quanto è divertente.

Episodio 7

Sono un gatto nero che ti attraversa la strada.

Episodio 8

Ci sono momenti nella vita in cui bisognerebbe avere un maledetto telecomando per metterla in pausa. Anche per soli cinque minuti. Ma a volte gli avvenimenti si susseguono con una oscenità irriverente e non si può fare niente per impedirlo.

La casa di carta, Úrsula Corberó, Tokyo, Alba Flores, Nairobi, Darko Peric, Helsinki - Le migliori frasi di Tokyo in La casa di carta
Una scena di La casa di carta, che ha come protagonisti Úrsula Corberó, Alba Flores e Darko Peric – Le migliori frasi di Tokyo in La casa di carta
Frasi nella terza stagione di La casa di carta – Le migliori frasi di Tokyo

Episodio 1, Siamo tornati

I paradisi sono belli, se vivi una vita grigia con il traffico e scappi via ogni tanto.

Rio, ho bisogno di andare via. Ho bisogno di rumore. Ho bisogno di gente. Di non sapere dove sarò domani.

Posso essere una brava ragazza per molto tempo, però piano piano si riempie il serbatoio della ragazza cattiva. E poi alla fine esplode. Quando mi trasformo in uno Sputnik, tre giorni passano volando. Passano così velocemente che ti dimentichi l’unica cosa importante che dovevi fare.

Credo che in tutti i paradisi, succeda lo stesso. Alla fine qualcuno dà il morso alla mela e va tutto a puttane.

Oggi le guerre iniziano con i bombardamenti. Anche la nostra. Quel giorno su Madrid sono piovuti 140 milioni di euro. Il nostro modo per dire: “Siamo torna-ti”.

La casa di carta, Úrsula Corberó, Pedro Alonso, Álvaro Morte, Darko Peric, Miguel Herrán, lavagna - Le migliori frasi di Tokyo in La casa di carta
Una scena di La casa di carta, che ha come protagonisti Úrsula Corberó, Pedro Alonso, Álvaro Morte, Darko Peric e Miguel Herrán – Le migliori frasi di Tokyo in La casa di carta

Episodio 2, Aikido

Il Professore si era messo la maschera e aveva chiamato i Dalì, e i Dalì avevano risposto. Si organizzarono tramite social media, gruppi Whatsapp e gridando per strada ci dicevano ciò che avevamo bisogno di sentire: “Non camminerete mai soli”.

Episodio 5, Bum, bum, ciao

Questa è la lezione: niente è gratis. Tutto quello che si fa, ha delle conseguenze.

Episodio 7, Una breve vacanza

La felicità è un attimo. Il tempo di un respiro. E poi, cadi. Quando hai toccato il cielo, la caduta è micidiale.

E lì mentre caddi, puoi solo guardare verso l’alto.

Episodio 8, La deriva

Esistono due tipi di persone: quelli che ti lasciano e hanno bisogno di augurarti il meglio tipo: “Prenditi cura di te. Sii felice.” Rio è uno di questi. E poi ci siamo noi, un po’ figli di puttana […] L’amore sono due persone che si bilanciano. Quando una sale, l’altra scende. L’equilibrio finisce sempre a puttane. Per il tempo la monotonia… oppure per gente come me. Noi sappiamo tirare fuori il dolore in un solo modo: restituendolo.

La casa di carta, Itziar Ituño, Lisbona, Álvaro Morte, Il Professore - Le migliori frasi di Tokyo in La casa di carta
Una scena di La casa di carta, che ha come protagonisti Itziar Ituño e Álvaro Morte – Le migliori frasi di Tokyo in La casa di carta
Frasi nella quarta stagione di La casa di carta – Le migliori frasi di Tokyo

Episodio 1, Game Over

Tutto può andare a puttane in un millesimo di secondo. Nel momento in cui senti il fiato della morte sul collo e capisci che niente potrà più essere come prima. Che dovrai tirare fuori il meglio di te per sopravvivere.

Tutti ci portiamo dentro un cecchino che mira al cuore. Ma il vero terrore arriva quando il proiettile non colpisce te, colpisce una persona che ami.

Episodio 2, Il matrimonio di Berlino

Abbiamo giorni felici da ricordare e più sei nella merda, più sembrano felici i giorni passati.

Si chiama nostalgia, scoprire che alcuni momenti del passato che non avevi mai considerato felici, lo erano.

Episodio 3, Lezioni di anatomia

Pensiamo che l’amore si dichiari con fiori e cioccolatini, ma puoi dichiarare il tuo amore anche a martellate.

Nell’amore c’è sempre un orologio che fa tic tac. C’è sempre un conto alla rovescia. Non basta amare qualcuno, devi arrivare in tempo.

Se permettete un consiglio: mai innamorarsi durante una rapina, porta sfortuna.

Dicono che l’amore muove il mondo, ma di sicuro l’odio non è da meno.

La casa di carta, Úrsula Corberó, Tokyo, polizia - Le migliori frasi di Tokyo in La casa di carta
Una scena di La casa di carta, che ha come protagonista Úrsula Corberó – Le migliori frasi di Tokyo in La casa di carta

Episodio 4, Paso doble

Quello che non vediamo ci condiziona più di quanto non sembri.

Quello che non vediamo è anche quello che più ci ossessiona, perché quando iniziano i dubbi non è facile fugarli.

Cerchi quello che non vedi. Ma a volte dimentichi che l’invisibile ti potrebbe osservare. E allora hai un problema.

Nei momenti importanti capiamo che non si può tornare indietro. Che abbiamo attraversato per sempre una linea di non ritorno. Tutto sta per cambiare e tu ti attacchi al presente. Come se potessi fermare il disastro.

Episodio 7, Colpo alla tenda

Blocco, disorientamento, sguardo assente. E soprattutto la sensazione di fluttuare fuori dalla realtà. Queste sono le conseguenze di uno shock emotivo. Ma può anche succedere il contrario: una rabbia sfrenata che cerca unicamente la vendetta.

In quel momento il Professore non provava più dolore. Si era isolato dalle sue emozioni e agiva come un automa.

La casa di carta, Úrsula Corberó, Alba Flores, Pedro Alonso, Darko Peric, Esther Acebo - Le migliori frasi di Tokyo in La casa di carta
Una scena di La casa di carta, che ha come protagonisti Úrsula Corberó, Alba Flores, Pedro Alonso, Darko Peric e Esther Acebo – Le migliori frasi di Tokyo in La casa di carta

Le migliori frasi di Tokyo, i dialoghi

In breve una serie di dialoghi tratti da La casa di carta in cui troviamo le migliori frasi di Tokyo selezionate per voi.
Anche la sezione sui dialoghi contiene solo quelli più importanti. Ho però cercato di riportarli quasi interamente per essere il più esaustivo possibile.

Prima stagione di La casa di carta – Le migliori frasi di Tokyo

EPISODIO 6

Tokyo: Alla gente sembrano sexy molte cose: ballare, i muscoli, i capelli biondi, l’accento francese… Sai cos’è sexy per me? L’intelligenza. Gli uomini che ti parlano e non puoi evitare di ammirarli, possono essere alti, bassi, belli, brutti… Mi arrapa che mi parlino di cose che non so.
Professore: Beh, questa caratteristica è nel vocabolario. Si chiama “sapiosessualità”.
Tokyo ridendo: Sai proprio tutto, eh?

EPISODIO 7

Tokyo: Mia madre si inventò un trucco. Dipinse una porta sulla parete della mia camera. Era una porta magica. Se avessi avuto paura, avrei potuto aprirla e trovare lei.
Rio: E tu alla fine l’hai aperta?
Tokyo: Disse che avrei potuto aprirla una volta. Una sola volta nella vita. Quando mi sarebbe servita, ma una volta. Così quando avevo paura, pensavo che avrei potuto resistere un altro po’ e ancora un po’. Magari il giorno dopo avrei avuto più paura o sentirmi più sola e doverla aprire.
Rio: Io l’avrei aperta il primo giorno.
Tokyo: Io non l’ho mai fatto.

La casa di carta, Úrsula Corberó, Tokyo - Le migliori frasi di Tokyo in La casa di carta
Una scena di La casa di carta, che ha come protagonista Úrsula Corberó – Le migliori frasi di Tokyo in La casa di carta

EPISODIO 8

Tokyo: Perché la polizia non entrerà?
Denver: Lasceremo la chiave nella serratura.

EPISODIO 9

Tokyo: Pensi che io sia poco per tuo figlio?
Mosca: A me sembri troppo. Perché vivi la vita come un videogioco. Rapine, sparatorie, amanti, avventure…
Tokyo: Beh, si. Mi piace vivere.
Mosca: No. Ti piace saltare le paludi saltando sui sassi e ad ogni tuo passo affonda una pietra e lasci cadaveri per strada. È questo che ti piace fare.

EPISODIO 11

Tokyo: Stai parlando di tradire i tuoi amici?
Rio: I miei amici? Quelli con i nomi di città? Tokyo, Berlino, Mosca, Denver…
Tokyo: Beh, a me gli amici con i nomi di città mi sembrano grandiosi, cazzo. E ti voglio dire una cosa: è meglio che ti nasconda se accetti quell’accordo, perché se ti prendo, ti faccio un buco in testa.

EPISODIO 13

Professore: Il sesso unisce, però solo due e due.
Tokyo: Non è detto.
Professore: Normalmente. Beh, ecco… esistono anche i terzetti, si possono fermare quartetti, o strutture più di gruppo.
Tokyo: Di gruppo? Ma sappiate che niente di tutto ciò va bene per il nostro piano.
Mosca: Meno male, perché, con la fortuna che ho, se organizziamo un’orgia, di sicuro capito dietro di lui

Terza stagione di La casa di carta – Le migliori frasi di Tokyo

EPISODIO 5, BUM, BUM, CIAO

Nairobi: Non diventiamo schizzinosi, che qui iniziamo con il tabù della cacca e finiamo dandoci del lei.
Berlino: A me piace che mi diano del lei.
Tokyo: Non mi dire.

La casa di carta, Úrsula Corberó, Tokyo, Álvaro Morte, Il Professore - Le migliori frasi di Tokyo in La casa di carta
Una scena di La casa di carta, che ha come protagonisti Úrsula Corberó e Álvaro Morte – Le migliori frasi di Tokyo in La casa di carta

Infine altre informazioni a proposito della serie tv presenti sul blog – Le migliori frasi di Tokyo in La casa di carta

Recensione della serie tv: La casa di carta

Colonna sonora show: non ancora presente

Curiosità sulla serie: Chi muore nella casa di carta?

Un’altra curiosità sullo show spagnolo: Perché Bella Ciao è stata inserita ne La casa di carta?

Errori presenti nel film: non ancora presente

Infine vi ricordo che, per rimanere sempre aggiornati sulle ultime notizie, potete seguire il blog sui canali Facebook, Instagram e Twitter. Se vi è piaciuto l’articolo “Le migliori frasi di Tokyo in La casa di carta” lasciate un commento o condividetelo. Trovate questa ed altre citazioni degli show televisivi qui: Frasi e citazioni tratte dalle serie tv.

Anche questa sezione del blog è in continuo aggiornamento, segnalate se vi sono degli errori. Vi ricordo che anche voi potete segnalare nei commenti le vostre citazioni preferite.

Luca Miglietta

Non son solo film non è una testata giornalistica registrata, ma un blog indipendente sul mondo del cinema, delle serie tv, della musica e dell’intrattenimento in generale. E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti presenti sul blog non son solo film non autorizzata espressamente dall’autore. Copyright © 2012 - 2021 non son solo film a cura di Luca Miglietta. Buona lettura e permanenza sul sito.