Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

E’ uno dei protagonisti di questa popolare serie tv italiana

Sei qui: Home » Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Ecco le migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra. In questa serie televisiva italiana ideata dallo scrittore Roberto Saviano è Marco D’Amore ad interpretare Ciro Di Marzio.

Migliori frasi di Ciro Di Marzio. Gomorra - La serie, Marco D'Amore, Ciro Di Marzio, l'immortale
Una scena di Gomorra – La serie che ha come protagonista Marco D’Amore – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Le migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Stagione 1 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Episodio 1 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

‘E criature? Addo’ ‘e miette ‘e miette, se divertono!

Episodio 2 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Stamme a senti’! È meglie pe tte, è meglio pure pe mme, si dicimmo ca stu fatto l’hê fatte tu! Vide, ca passamme nu guajo! Hê capite, Genna’? (parlando dell’omicidio di Felice)

Episodio 5 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Mo’ nun ce sta cchiù ‘o bastone, Genna’! ‘E pecore, senza ‘o cane ‘e guardia, se ne vanno pê cazze ‘e lloro! Papà tuoje ha da passa’ a mano! Co’ 41 bis ‘ncuollo, nun se po’ cummanna’! Ha da capi’ ca mo’ staje tu, e si cummanne tu, ‘a giostra gira n’ata vota! (a Genny)

Episodio 9 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Quanno ero piccirillo e stevo a ll’orfanotrofio, lo sai che mi dicevano le suore? ‘O terramoto è vuler’ ‘e Dio, fa bene alla Terra, comme quanno na persona sta male, e accumula, accumula finché o se libera e sfoga, o more! Pecciò ‘o terramoto è na cosa bbona!

Episodio 12 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Nun so’ nisciune! So’ muorte che camminano e si me state a senti’ a mme, c’ ‘e facimmo a tutte quante!

Allora pecché sî turnato Salvato’? Tu ‘o ssapive ca a Tonino Russo l’aggio acciso je, e sapive pure ca ‘e viecchie dâ paranza nunn’erano cuntente ‘e Gennaro. Tu staje cca pecché sta guerra ‘a vulive fa’ pure tu! Pecché chesta è ‘a casa toja e sul’ ‘e cane se fanno caccia’ a calci in culo!

Je dico ca tu vuo’ ‘a capa ‘e Gennaro Savastano e sulo je t’ ‘a pozzo purta’!

Gomorra - La serie, Marco D'Amore, Ciro Di Marzio, Salvatore Esposito, Genny Savastano
Una scena di Gomorra – La serie che ha come protagonista Marco D’Amore – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Stagione 2 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Episodio 1 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Tutte quante tenimmo na ferita, n’umilazione, nu muorto ‘a chiagnere… ma ‘a mano ca c’ha fatte male è sempe ‘a stessa: ‘e Savastano! Ce sta chi ha perso nu frate, coccheduno ‘o patre… pe colpa ‘e Gennaro e de’ guaglione suoje. Ma tanto chella è na storia passata, è fernuta. Chi ce teneva comm’a schiave mo sta nascosto dint’â qualche buco dô culo! O sta attaccato a quacche machina ca ‘o tene in vita… e nun ha da turna’ cchiù! Je e Salvatore Conte v’ammo fatte na promessa e ‘a mantenimmo. Vuje site chille ca contano ‘e cchiù ‘ncopp’ê chiazze. Ogge chi mette ‘e sorde ‘ncoppa a stu tavolo s’accatta direttamente na quota da rrobba ca Salvatore sta facenno arriva’. ‘E piazze ca ‘e famiglie vuoste gestivano a stipendio do’ ‘e Savastano, sarranno ‘e vuoste! ‘E sorde ca guadagnate v’ ‘e mettite direttamente dint’â sacca!

Episodio 3 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Pecché je penso ca chi cummanna nun s’ha da maje scurda’ na cosa: ‘o potere sujo sta dint’ê mmane ‘e chille ca stanno sotto a isso. (a ‘O Mulatto e ‘O Principe)

Episodio 7 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Dice ‘a verità, ce sta quacche guagliunciello ca te fa ‘a corte? Vide ca papà l’accide!

Episodio 8 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Rosario ‘O Nano è ccosa mia! Si ha acciso ‘O Principe c’ ‘a fazzo paga’, ma si coccheduno ‘o tocca senza ‘o permesso mio ‘o faccio anghiottere ‘e mmane nu dito â vota! (agli scissionisti)

Facite chillo ca vulite vuje, arrevutate ‘o quartiere, purtateme ‘o nomme ‘e chi m’ha acciso a fratemo! (a Rosario)

Episodio 9 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Si vence pateto sarraje sempe nu criaturo. ‘O figlio scemo. Oh, je e tte avessemo arrevutato ‘o munno, tu ‘o ssaje. Hê vuluto fa’ tu sulo e è juta malammenne. Tenimmo n’ata possibilità. Pienzece! (a Genny)

Episodio 10 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Je aggio avuto nu regalo. M’hanno arapute ll’uocchie sopra a coccosa ca je tenevo annanze e nun vedevo. Saccio chi è ‘o trammite ‘e Pietro Savastano. È na guagliona, ‘a nipote ‘e Malammore. Essa nunn’o ssape, ma da chisto mumento tutto chillo ca dice, je ‘o sento. At’ ‘a sta’ tranquille, l’aggi’ ‘a fa’ segui’ n’ato ppoco. Adoppo a Pietro Savastano ‘o facimmo magna’ da ‘e cane… e cacciato a isso… a nuje ‘e Scianel, dô figlio sujo ce passa pô cazzo!

Episodio 11 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Accidono a chi nun sape tene’ ll’uocchie apierte, a chi nun sape chi tene attuorno. Sapite je che veco? A ddoje ca se stanno cacanno sotto! Simmo cchiù forte, tenimmo n’esercito. Nun amm’ âve’ paura. L’unnica cosa ca ce po’ fottere è ‘a paura.

Stagione 3 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Episodio 5 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Si vuo’ campa’ mmiezz’a via hê sta’ sempre nu passo annanze rispetto a chi te sta ‘ncuollo. (a ‘O Bell’e Bbuono)

State cuntente, eh? Mo che vulite fa’ cu chiste sorde? V’e spartite? Po v’e jate a spendere? E accominciate n’ata vota comm’a primma? Acussì fanno ‘e rapinatore. Ma ‘a ggente ca vuo’ crescere no. ‘A ggente che vuo’ crescere, ‘e sorde l’ha da investi’ pe se fa’ cchiù forte. Vuje che vulite essere? Mo at’ ‘a decidere. (a Sangue Blu)

Episodio 8 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Arenella è nu figlio ‘e bucchina, uno ca tene ‘o sango friddo. Amm’ ‘a ji’ ‘ncuollo ‘O Crezi: è nu scemmo, uno ca s’appiccia subbeto. (a Sangue Blu)

Episodio 12 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Nun e’ capit manco o cazz! Ij nun te l’aggio fatt capí! So stat ij,O stregone avev’ accirir e Capaccio e ij avev a pensa a vuje

Siti tale e quali,pensate che i sentimenti contano chio’ assaj e l’interessi.Chi è crisciut sul comm a me u sape buon,Innanz all interessi i sentimenti nun cuntanu manco o cazz!

Comm è bell Napoli vista ra ca,è over’?me l’agg sempre sunnat!nun ma vuliv spartr cu nisciuno,sulu ij m’ammeritav e aviss fatt’ qualunque cos’ pa m’apiglia.A Carmela toja l’agg accis ij..Ti fussi fermat’,Ij teniv bisogn ca tu currivi.

Stagione 5 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Stamm i e te, nziem, fin a fin

A conoscenz ro nemic è a cosa cchiu important. Chest m’ agg mparat bbuon.

“Chesta è ‘a differenza fra me e te. E volevo che tu lo capissi. Ca tu può continuà a sentì l’addore r’a carn e tuo figlio. Iatevenn”. (a Genny e Azzurra)

Migliori frasi di Ciro Di Marzio. Gomorra - La serie, Marco D'Amore, Ciro Di Marzio
Una scena di Gomorra – La serie che ha come protagonista Marco D’Amore – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra – I dialoghi

Stagione 1 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Episodio 1 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Incipit

Attilio: Ha pubblicato na foto mia e dâ mamma su “book”.
Ciro: Ma quale “book”?! Facebook! È nu social network.
Attilio: Aggio capito. Ma m’agg’ ‘a preoccupa’?
Ciro: Ma che t’hê preoccupa’! ‘O teneno tutte ‘e guagliune.
Attilio: Sta sempe cu chillo cazzo ‘e computer! Ca po’ vulesse sape’ ma che cazzo tene ‘a scrivere?
Ciro: Che scrive… scrive ‘e cazze suoje.
Attilio: Ma po’ ‘e gguardano tutte quante?
Ciro: Tutte chille che sso’ amice.
Attilio: Embé je c’ ‘o faccio spari’ stu computer, così vediamo se la finisce.

Episodio 2 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Mentre sono al funerale di Attilio

Genny: Staje male, eh?
Ciro: Era comm’a nu patre pe mme!
Genny: E comm’era comme patre?
Ciro: Facile.
Genny: Pe mme tu fusse nu patre facile!

Episodio 6 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Ciro: Don Salvato’, nuje vulessemo sistema’ tutte cose!
Salvatore: Certamente! Mo’ ca ‘o marrucchino è tutto quanto ‘o mio, mo’ vulisseve sistema’ tutte cose… Pietro Savastano m’ha sempe trattato comme nu pezzente, ma je m’accato a tutte quante!
Ciro: Don Salvato’, ‘e ccose stanno cagnanno, ce sta n’aria nova!
Salvatore: E che fosse st’aria nova, tu?
Ciro: Pure. Ma soprattutto ‘o figlio.
Salvatore: ‘O chiattone? Ma quanno maje, chillo tene a capa’ pe spartere ‘e rrecchie!
Ciro: Però è nu buono guaglione, e sape sta’ a senti’ ‘e cunsiglie buone.

Dopo

Ciro: Ce sta chi tene ‘e pompe ‘e benzina e chi tene ‘o petrolio, e vuje tenite ‘o petrolio, ma nuje tenimmo ‘e pompe ‘e benzina. Amm’ ‘a sta’ nu poco cchiù amice!
Salvatore: Uaglio’, te sembra ca sto facenno ‘a famme senza ‘e pompe ‘e benzina vuoste? No, dice, ti pare che mi manca qualche cosa?
Ciro: A vvuje nun ve manca niente! Però â casa nosta meglio ‘e nuje, nun ce sta nisciuno! Vuje ‘o ssapite! A me me basta sulo ca ce penzate! Ce penzate?
Salvatore: Mo’ ce penzo! Vache a fa’ na pisciata e ce penzo!

Dopo

Salvatore: Ce sta nu piezzo ‘e costa cchiù a Nord, loro se lo vulevano accatta’ pe ffa na speculazione e pe ffa nu scalo tutto loro per i carichi. Aggio ditto: “ma pecché ce l’amm’ ‘a lassa’ a lloro? Mo’ m’ ‘o accatto je, e vafanculo ê russe!” E aggio sbagliato, simmo fernuto a ce scurna’ e mo’ me trovo cu na vertebra schiacciata e stu coso vicino ‘o cuoll’ ca me sento comm’a nu cane! Farli fuori non si può, aggi’ ‘a negozia’! Allora, aggio penzato, tu vuo’ fa a pace cu mme? O vuo’ o marrucchino mio? E allora stu negoziato chê russe ‘o vaje a fa’ tu, e quanno ammo sistemato sta faccenda, ricominciamo a fare affari io e voi.
Ciro: Scusate, ma st’affare è robba vosta!
Salvatore: Ciru’, nun perdimmo tiempo! Vedi che la possibilità di dire no nunn’a tiene. Si vuo’ turna’ a casa, tu mo hê ji’ addo’ chillo sfaccimmo d’Eremenko, e c’hê dicere ca je so’ disposto a dividere l’affare! Sessanta a me e quaranta a lloro!

Subito dopo

Ciro: Salvato’, ma je che c’azzecco cu sta storia?
Salvatore: No, tu ch’azzicche pecché chille, ‘e russe mo’ s’hanno ‘ncazzate overamente, e io non mi posso permettere di perdere un uomo mio. Hê capi’?
Ciro: Mo aggio capito! Sissanta a vvuje e quaranta a lloro!
Salvatore: Bravo!
Ciro: Si stevo mmiezzo ‘o mare, tenevo cchiù speranza!
Salvatore facendo un ghigno: E così ti sottovaluti! Rilassati, cchiù tarde te vene a piglia’ ‘o guaglione! Statte buono, Ciru’!

Episodio 8 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Ciro: Genna’! Genna’!
Genny: Aspetta!
Ciro: Chisto è ‘o mumento nuosto, ‘o vi’? Chisto è ‘o mumento c’ammo aspettato pe tant’anne, e tu me staje trattanno comm’a ‘nu strunzo! Te sî scurdato chillo c’aggio fatto pe tte? Je e te simmo frate!
Genny: Je nun me scordo niente! Però je e te nun simmo frate, songhe je ‘o figlio ‘e Pietro, no tu! Mo’ tocca a me!
Ciro: E certo ca tocca a te, ma je voglio sta vicino a te!
Genny: No Ciru’, si tu staje vicino a me, nun cagna niente! Je aggi’ ‘a dimostra’ a chille viecchie là dinto ca c’ha pozzo fa sulo je!
Ciro: Statte accuorto Genna’, pecché tu sulo, te ne vaje a fini’ a capa sotto!
Genny: Può darsi. Nun te piglia’ collera Ciru’, ca mo tocca a me!

Episodio 9 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Dopo che Ciro nella stanza dove Genny sta parlando con Tonino Russo

Ciro: Buongiorno!
Genny: Allora?
Ciro: I fratelli Romani stanno apposto!
Genny: Toni’, ‘o ssaje che deceva papà? Ca je tengo ‘a guerra ‘ncapa, ma isso tene ‘a capa pâ guerra!
Ciro: E che significa, Genna’?
Genny: Che sî nu bravo surdato!

Stagione 2 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Episodio 1 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Ciro: Salvato’, facimme âlleanza!
Salvatore: E je che ce guadagno?
Ciro: E tu te tuorne a piglia’ chillo ch’era ‘o tuojo! Tuorne addo stive prima dâ Spagna… Â casa toja. Però ce tuorne da padrone.
Salvatore: Vabbuò! Chi caccia ‘e sorde ave na piazza. Prima ca nu Savastano fujuto o nu Savastano resuscitato ce vene a rompere ‘o cazzo!

Dopo

Ciro: Debora, tu ‘o ssaje meglio ‘e tutte quante chillo c’aggio fatto pe sta addo’ stammo mo.
Debora: Ma pecché do’ stammo mo?!
Ciro: Stammo in cimma!

Dopo sulla spiaggia

Ciro: De’, stamme a sente’! Stamme a tanto accussì! Hê capite? Nun ce ferma nisciuno!
Debora: Si nun te fierme mo, te ferma cocchedun’ato!
Ciro: A me nun me ferma nisciuno, o De’! Hê capite? Nun me ferma nisciuno.
Debora: E manco a mme! Lievemm’ ‘e mmane a cuolle!
Ciro: Oh! Ma tu hê capite tutte chillo c’aggio fatto p’arriva’ fino a cca? Nun me pozzo ferma’ proprio mo!
Debora: Te fermo io!
Ciro: Oh, ma tu sî pazza, ah? Tu sî pazza! Sî pazza! Oh! Calmate, calmate! Calmate! De’! Calmate! Calma! Lieve ‘e mmane! Lieve ‘e mmane! Te vuo’ calma’, ah?! Te vuo’ calma’?! Calmate! Calmate! […] Te vuo’ calma’, te vuo’ calma’?! Te vuo’ calma’?! Calmate! Calmate! (Debora muore strozzata)

Episodio 4 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Ciro: Pietro Savastano è turnato pe ffa ‘o burdello! T’ha voluto da’ nu schiaffo ‘nfaccia proprio a te… pecché ‘o ssape ca tu sî comm’a nu mastino napulitano: vide subbeto russo! Nun l’avite capite ‘o juoco ca sta facenno… vuo’ ca facimme ‘e muorte pecché ‘e muorte chiammane ‘e guardie. Sarà chieno accussì! E chê guardie ‘mmiezzo se bloccano n’ata vota ‘e piazze! Po’ a gente che dice? Ca cu’ nuje nun se campa cchiù? Ca era meglio quanno ce steva Pietro Savastano… Allora sì ca se steva bbuono!
Scianel: E se non vuo’ fa ‘a guerra, che vuo’ fa’?
Ciro: ‘A pace!
Scianel: Accussì tutte quante se penzano ca ce ponno scamazza’ comme vonno lloro!
Ciro: Annali’! Chi è cchiù scemo? Chillo ca se fa purta’ comm’a nu cane câ catena… o chillo ca ‘a catena c’ ‘a mette ‘ntuorno ‘o cuollo?

Episodio 5 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Ciro: Rosa’!
Rosario: M’ ‘o poteve dicere ca jive a parla’ cu’ Don Aniello.
Ciro: Chillo ca conta è ca è juto buono!
Rosario: Stamme facenne na strunzata, Ciru’! A Savastano nu l’amm’ ‘a lassa’ cca, l’amm’ ‘a piglia’, l’amm’ ‘a truva’ e l’amm’ âccidere, a isso e Gennaro, chisto amm’ ‘a fa!
Ciro: Rosa’, simmo passate pe Savastano, pe Conte, mo cummannammo nuje ma si vulimmo ji’ annanze amm’ ‘a fa ‘e sorde! Pecché senza ‘e sorde se fa ‘a famme, ‘a famme chiamma sango, ‘a gente nosta – ‘a vi’ – nun vo’ né famme né sango. A Pietro e Gennaro c’amm’ ‘a mettere ‘e briglie!

Dopo Ciro entra in camera e si accorge che qualcuno è entrato prima di lui

Ciro: Spara, si hê spara’! Accussì ‘a facimmo fernuta!
Genny con la pistola puntata verso Ciro: Je aggio aspettato tutto stu tiempo e tu ‘a vuo’ fa’ ferni’ subbeto? Aggirate, ‘nfamme!
Ciro: Aggio campato tutta ‘a vita mia câ morte vicino a mme! Nun tengo paura ‘e muri’!
Genny: Ah, sì? Pe chisto hê acciso a mammà e m’hê sparato ‘nfaccia?
Ciro: Cu ste mmane – o vi’, Genna’ – aggio acciso a Debora mia! Avesse acciso a chiunque se fosse miso mmiezzo! Accidilo a st’omme ‘e mmerda!
Genny: E che c’hê ditto a figliata, comm’è morta ‘a mamma, eh?
Ciro: Nun tengo niente a te dicere a te! Spara ca me so’ stancato!
Genny: Tu puo’ menti’ a te stesso, no a me!
Ciro: Spara!
Genny: Accidere ‘a mamma de figlie tuoje è na cosa ca non te puo’ scurda’!
Ciro: Spara!
Genny: Miettete in ginocchio! Me piace ‘e te vede’ accussì… comm’a uno ca cerca ‘o perdono… o cerca ‘a pace… ma pe tte nun ce sta né pace né perdono ncopp’â sta terra! Tienella tu, accussì t’arrecuorde dô juorno ca te puteva accidere ma nun l’aggio fatto

Episodio 8 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Ciro: T’arrecuorde quanno ce simmo conosciute?
Rosario: ‘A festa ‘e Sant’Antonio… coccosa comme vint’anne fa! Eremo guagliuncielle.
Ciro: Tenevemo na banda chê cazze assaje, è overo? Stanno tutte cca dinto ll’ammice noste… Nicola… s’ ‘o facettero ‘e Sasso ô 2006! ‘O Bombolone! Che personaggio! S’annammurò dâ femmena sbagliata. Mo simmo rimaste sulo je e te! ‘O ssaje che penso? L’hê accise tu pecché ire geluso ‘e isso e me.
Rosario: Je nun so’ stato. Tu m’hê ditto ca m’avev’ ‘a fida’ e je me so’ fidato!
Ciro: Rosa’, je nun te voglio veni’ a truva’ cca dinto. Piglia a Teresa e figliata e vattenne!
Rosario: Guardame ‘nfaccia, Ceru’, songo je! L’alleate noste se vasano ‘mmocca e se sparano ‘ncapa. Simmo nuje ‘e guagliune ‘e Secondigliano, l’amm’ ‘a rrompere st’alleanza, amm’ ‘a remani’ je e te!
Ciro: Nunn’a rompo st’alleanza, Rosa’, né pe tte, né pe nisciuno!
Rosario: Tu nun me cride a mme si te dico ca nun so’ stato je, eh?
Ciro: Nun sî stato tu? Allora l’aggi’ ‘a pruva’. È juta troppo annanze sta cosa, ha ‘ntussecate a tutte quante, pure a mme. Si t’aggi’ ‘a salva’ ‘a vita, te n’hê ji’!

Dopo

Maria Rita: Tengo sulo a te, papà!
Ciro: Je sto sempe cu’ tte! E nunn’è overo ca tiene sulo a mme, tiene nu sacco d’amice. Songo je ca tengo sulo a te!

Dopo

Teresa: Nun aggio avuto ‘o tiempo e ce fa’ pace. Nun m’ ‘o pozzo peduna’.
Ciro: ‘O trovo je, Tere’!
Teresa: Je saccio chillo ch’ê fatte! Je saccio tutte cose! Sî tu ca ancora nunn’o ssaje e ca nun hê capite qual è ‘o prezzo pe tutto chisto! Rosario era ll’unico ca te vuleva bbene pe chillo ca sî! Mo overo sî sulo tu, Ciro! Sî sulo câ cuscienza toja!
Ciro: Pô momento tu e ‘a criatura ve ne jate. Fino a quanno nun aggio truvato chillo ca ha acciso a Rosario, nun state tranquille. Ve ne jate e tu te staje zitta! È meglio pe tutte quante!

Subito dopo

Ciro: ‘O ssapivono ca ‘O Principe s’accattava ‘a robba ‘a mano ‘e Gennaro? Fora ‘a ll’accuorde noste? Pe chisto teneva tutte chille sorde! Teneva raggione Rosario. Aveva capite tutte cose, nun se fidava. Gennaro ‘o vuleva fa crescere e ô momento buono arrevutava ‘o tavolo. E nunn’è stato ‘O Nano a accidere ‘O Principe. È stato Pietro Savastano. Pure si ‘o ssapeva ca isso era ‘o cumbariello dô figlio. E arreto â morte dô Nano, sempe Pietro Savastano!
O Mulatto: E pecché contro ô figlio sujo?
Ciro: Pecché vo’ cummanna’ isso sulo! Nun vo’ nisciuno avvicino, manco ‘o figlio! Arrivate a stu mumenno, je veco sulo ddoje strade. Una addo’ stamme tutte unite e ce jocammo sta partita cô padre e cô figlio. N’ata ce porta into a na fossa comm’a chesta, tutte quante. Amm’ ‘a sulo ddecidere.

Dopo Ciro e la figlia sono in spiaggia al tramonto

Maria Rita: Papà… pecché m’hê purtata cca?
Ciro: Cca è do’ è morta mamma toja. Vulevo ca ‘o ssapive.

Episodio 10 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Ciro: C’hê pigliate pô culo a tutte quante, eh Patrizie’?
Patrizia: Patrizie’ me chiamma sulo chi mme conosce!
Ciro: Je te saccio meglio ‘e chillo ca pienze!

Dopo

Ciro: Nun ce steva ‘o padrone tuojo! L’hê avvisato, nunn’o saccio comm’hê fatte ma l’hê avvisato.
Alessio: C’hê ditte na strunzata… e mo lloro c’accideno!
Patrizia: Songo je l’ambasciatore, è a me ca è accidere!
Ciro: Tiene ragione, chisto è chillo c’aggi’ ‘a fa’. Chisto è chillo che fanno ‘e killer, ‘e surdate, ‘a ggente comm’a nuje. Portalo fora! Purtatele fora! I muorte so’ assaje. Tutte ‘e muorte ca m’aggio lasciato arreto ‘e spalle… me veneno a cerca’ a notte… alluccano, nun me danno pace. Pe chisto ca je nun posso accidere cchiù. Chesta è ‘a differenza tra isso e mme!

Dopo

Genny: Quanno hê acciso a ‘O Principe e ‘O Nano nun c’hê penzato nu mumento primma ‘e te mettere contr’a mme!
Pietro: ‘A stessa cosa ch’ê fatto pure tu! Ma è normale, no? Secondigliano è cchiù importante ‘e tutte cose! […] Che simmo je e te? Simmo nu padre e nu figlio. Nu figlio ca ha pruvato a se fottere ‘o padre… e nu padre ca s’ha futtuto ‘o figlio! Ce simmo ‘ncuntrate pecché vulive capi’? Nun ce sta niente ‘a capi’. Secondigliano è ‘a mia, ‘e nisciun’ato.

Dopo

Ciro: L’aggio chiammato je a Lelluccio. L’aggio fatto veni’ pecché isso ha provato ncopp’â pella soja che significa a se fida’ n’ata vota dê Savastano. Nunn’esistono alleate, ‘a parola nun conta, manco ‘o figlio sujo conta, o no?
Lelluccio: Fino a ajere Savastano s’è sparato ‘nfaccia chê guagliune dô Vico, ogge chille bastarde s’hanno vendute a mammà.
Ciro: E dimane pure chille dô Vico so’ de troppo. Una cosa è importante pe Savastano. Isso. Ha da cummanna’ sulo isso.

Episodio 11 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Genny e Ciro mentre sono a Roma

Ciro: ‘O tiempo sta fernendo!
Genny: Ah, ‘o ssaje pure tu ca aspetto nu criaturo? O te riferisce ô matrimonio?
Ciro: Pateto sta scassanno tutte cose.
Genny: È sulo n’ato modo pe ddicere ca staje perdenno, Ciru’!
Ciro: Stammo perdenno tutte quante, Genna’… ma tu staje perdenno cchiù assaje. Abbascio nun se capisce manco ‘o cazzo. Sta ‘a polizia a tutte ‘e pparte, morte in giro… nun se venne cchiù nu piezzo.

Subito dopo

Genny: E tu pienze ca tengo quacche problema a vennere ‘a rrobba mia? Ciru’, ‘o munno è grande! E a mme ‘e Secondigliano nun me ne fotte nu cazzo!
Ciro: È na strunzata ca nun te ne fotte nu cazzo! Pecché tu ‘o ssaje… comme va va… pe tte va malammente. Si pateto perde, tutte quante diceno ca ‘a colpa è ‘a toja pecché hê sfasciate tutte cose. Si vence mmece… e significa ca era turna’ papà p’accuncia’ ‘e ccose. Tiene na sola possibilità, Genna’, ‘a possibilità toja songo je! ‘O tiempo è poco.
Genny: Famme gli auguri, Ciru’!
Ciro: Je a tte te conosco. Tu sî comm’a mme. Sta cosa te sta magnanno ‘a dinto! Comm’a nu veleno. Te sta cunsummanno.
Genny: Grazie ‘o stesso, Ciru’!
Ciro: Genna’, sî comm’a mme.

Episodio 12 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Pitbull: O Ci’! Ci’!
Ciro: At’ ‘a ffa na cosa pe mme.
Pitbull: Tutto chillo che vuo’ tu.
Ciro: Je me n’aggi’ ‘a ji’ da cca.
Pitbull: M’ ‘o vveco je, t’organizzo tutte cose!
Ciro: Me n’aggi’ ‘a ji’ sulo!
Pitbull: Ma che staje dicenno?
Ciro: È fernuta pe mme. Ha vinciuto isso! Pigghiate e sorde dint’â cassaforte… spartitaville… po’ ognune pâ strada soja. Jatevenne!

Gomorra - La serie, Salvatore Esposito, Genny Savastano, Marco D'Amore, Ciro Di Marzio
Una scena di Gomorra – La serie che ha come protagonisti Salvatore Esposito e Marco D’Amore – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Stagione 3 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Episodio 3 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

A Sofia in Bulgaria

Valentin: Gli uomini che non hanno passioni mi fanno paura, sembra che non ti piace mai niente.
Ciro: Quello che mi piaceva non esiste più, Valentin. Ma con te sto bene, faccio quello che dici e non ho tempo per pensare ad altro.

Dopo

Ciro: Li conosci?
Mladen: Sì. Sono paesani tuoi.
Ciro: Portali nel privé e io li controllo da qui.
Mladen: Chi sei? Il Grande Fratello?
Ciro: I patti erano chiari: non tratto con i napoletani.
Mladen: “Non tratto”… Tu sei molto strano. Non bevi, non scopi… Vivi in una baracca che farebbe schifo anche a una puttana albanese. Hai paura dei tuoi paesani. Non so che cazzo ci trova mio padre in te. Ora sparisci.

Dopo

Sangue Blu: O Fra’, ma che ce faje into stu posto ‘e mmerda?
Ciro: Nun te songo frato!
Sangue Blu: E comme t’amm’ ‘a chiama’, o zi’?
Ciro: Che cazzo ce facite cca dinto?
A Golia: Ma comm’è “pecché stammo qua”? Guaglio’, ma staje parianno?
Sangue Blu: Mladen ha ditto t’amm’ âspetta’ cca. Nuje tenimmo e sorde into na machina parcheggiata a ‘l’airoporto pe sta cchiù sicuro. Però si tieni quacche problema ‘o chiammo, te la vidi cu isso.
Ciro: Nun ce stanno probleme. Jammucenne, ja.

Dopo Ciro punta la pistola contro Sangue Blu

Sangue Blu: ‘O Santo deceva ca sulo ‘a ggente ca nun vale niente s’accide pê sorde! L’uommene vere n’o fanno.
Ciro: ‘O problema è capi’ chi è uno e chi è l’ato.
Sangue Blu: Pecché ‘ncap’a te sta qualche differenza? ‘A famiglia mia pâ gente ‘e Napule ha fatto chillo c’ha fatto maje nisciuno! ‘O nonno mio faceva e miracule comm’a San Gennaro! ‘O sistema l’ammo fatto nuje. Capito qual è ‘a rrazza mia?
Ciro: Può dicere chillo ca vuo’ tu ma si nun puorte ‘o rispetto nun si ommo! Si te vuo’ fa a coccheduno prima l’hê conoscere, si no comme t’ ‘o faje? Ma tu nun hê pensato a chi songo je, l’hê sottovalutato. E mo tiene quacche problema. E vide ca uno comm’o nonno tuojo ‘n se fosse maje truvato dint’a na situazione ‘e mmerda comm’a chesta!
Sangue Blu: Si hê spara’, spara!
Ciro: Je non t’accido, però m’hê ddicere tutta ‘a verità!

Dopo

Valentin: Se non avessi figli, ne vorrei uno come te, ma un figlio ce l’ho già, Ciro.
Ciro: Mi dispiace.
Valentin: Dispiace anche a me.
Ciro: Se avessi un figlio, glielo direi in faccia, quando fa lo stronzo.

Episodio 4 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Sangue Blu: Aspe’ addo’ vaje, nun t’aggio ditto na cosa dâ famiglia mia. ‘O ssaje ‘O Santo comme s’è inventato ‘o contrabbando? Isso steva mmiezzo a na via, se mureva ‘e fame. Nu juorno s’è arrubbato na machina ‘e n’americano e ha truvato trentamila dollare addinto. Che mazzo scassato, eh? Ce steva pure ‘o cumpagno suojo, ‘O Stregone, era pure isso guaglione. Isso avette l’idea: ‘o contrabbando dê ssigarette. Accussì è nato l’impero.
Ciro: E che vuo’ dicere?
Sangue Blu: Ca dint’â vita contano doje cose: ‘a sorte e ‘e cumpagne.
Ciro: ‘E tiempe buone so’ fernute, Enzu’, mo ‘o munno è cagnato.
Sangue Blu: Comme vuo’ tu, però a nuje na capa comm’a tuoja ce facesse commodo assaje. Tu a nuje ce vide comm’a quatto muorte ‘e famme, ma nun tenimmo paura ‘e niente e de nisciuno! Viene cu nuje.

Episodio 5 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Ciro: T’hanno accunciato malamante!
Genny: Comme maje sî turnato?
Ciro: Teneva nostalgia ‘e casa.
Genny: Eh, ma chesta nunn’è cchiù ‘a casa nosta, Ciru’. Sta città c’ha massacrate e c’ha sputate. M’hanno buttato abbascio Secondigliano comm’a nu sacco dâ mmunnezza. A me! Hann’ ‘a muri’ tutte quante!
Ciro: Azzurra e Pietro addo’ stanno? Teneva ragione Deborah. L’utima sera ca l’aggio vista, essa me diceva: “Fermate, Ciru’. Ciru’, fermate. Pienze a nuje.” Ma je nun l’aggio stata a senti’. So’ sciso all’inferno, pe capi’.
Genny: Adoppo tutto chillo ca c’ammo fatto simmo ancora qua, sulo je e te!
Ciro: Te l’hê ji’ a piglia’ n’ata vota. Si ‘o faje pe lloro, je sto cu tte.

Dopo

Ciro: Allora è chisto ‘o business tuojo? E po’?
Sangue Blu: E po’ ce sta n’ata cosa ancora cchiù grossa e ‘o ssaje qual è? L’investimento emotivo. Tu pe mantene’ na piazza ‘e spaccio tiene bisogno dô cerviello, pe mantene a chisto tiene bisogno ‘e chisto. M’aggio ‘mparato veramente ê vule’ bbene a ste ppiante, ‘e saccio crescere dalla A alla Z. A tre semmane ce vo’ na luce, a seje n’ata e a nove n’ata ancora.
Ciro: E mo comm’è ca sta tutte cose stutate?
Sangue Blu: E mo stanno durmenno. Sta tutte cose regolate cô timér! Cheste a mezzanotte quanno se scetano, s’appiccia n’ata vota tutte cose.
Ciro: Comm’o faje a sape’ quanno se scetano e quanno dormono?
Sangue Blu: Je ‘e saccio bone.
Ciro: Che vuo’ fa dint’â vita, Enzu’? ‘O contadino? Oppure vuo’ fa coccosa ‘e veramente importante comme m’hê ditto?
Sangue Blu: Je voglio crescere!
Ciro: C’aggio pensato, ma si vuo’ fa ‘e sorde overamente m’hê sta’ a senti’ a mme! Hê fa’ tutto chillo ca te dico je.

Dopo

Sangue Blu: Ua fra’, sta rrobba è bona pure si ‘a tagliammo a quatto!
Ciro: ‘A tagliammo a doje. ‘A rrobba nosta nun ha da essere siconda a nisciuno.’A ggente l’ha da capi’ immediatamente ca nunn’è ‘a solita mmerda, hann’ ‘a veni’ lloro addo a nuje.
Sangue Blu: E ‘o prezzo? A quanto ‘a vennimmo?
Ciro: A meno ‘e quanto venneno ‘a lloro.
Sangue Blu: Scusa se mi permetto ma nuje accussì nun ce guadagnammo manc’o cazzo.
Ciro: Pô mumento ha da essere accussì. Nuje c’amm’ ‘a guadaga’ cose cchiù importante, Enzu’: ‘o mercato. Po’ quanno ce l’ammo levate tutte quante d’annanze ‘o cazze, facimmo chillo ca vulimmo nuje.

Dopo

Sangue Blu: Ua fra’, era comme dicive tu: nun ammo tuccato ‘e piazze. ‘A rrobba nosta sta vulanno e si continuammo accussì c’ ‘o scaffammo ‘nculo e chille nun sanno manco ‘a cche parte è arrivato.
Ciro: Nun ‘o ssapono oggi, ‘o vveneno a sape’ dimane. C’amm’ ‘a ffa’ truva’ pronte!
Sangue Blu: Ma tu ‘o ssaje chi so lloro?
Ciro: E tu ‘o ssaje chi sî tu? O te l’hê scurdato?
Sangue Blu: Sta città sta chienna ‘e Ciro. Ma tu nun sî nu Ciro qualunque, sî l’Immortale ‘e Secondigliano, eh?
Ciro: L’Immortale è muorto.
Sangue Blu: Eh, ma chillo era ‘o nome tuojo, o no?
Ciro: È accussì importante?
Sangue Blu: Sangue Blu… chisto songo je e sto tutto cca. Si aggi’ ‘a cumbattere cu tte aggi’ ‘a sape’ chi sî e chi sî stato.
Ciro: Era ‘o nomme mio.

Episodio 6 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Genny: C’amm’ ‘a prepara’ a fa ‘a guerra, Ciru’. E nu’ ‘o saccio si ‘e guagliune tuoje so’ pronte.
Ciro: Chillo ca sapeno fa, tu l’hê visto già.
Genny: Eh, ma vennere ‘a rrobba è na strunzata. E ‘a guerra l’hanno vista sulo int’a quacche videogioco.
Ciro: Ire pure tu accussì, no? Po’ però te sî ‘mparato.
Genny: Pecché tenevo ‘o meglio maestro ca ce steva, nu maestro ca nun ha tenuto nisciuna pietà ‘e me.
Ciro: A che staje pensanno, Genna’?
Genny: Ce sta uno ca m’ha scassato ‘o cazzo, ca se vuo’ mmettere dint’e ccose nuoste. Se l’ha da fa’ Sangue Blu! L’ha da fa’ isso, Ciru’. Nun ce putimmo truva’ sulo je e te mo ca vene ‘a tempesta.

Dopo Ciro consegna un foglio con un nome a Sangue Blu

Ciro: Te l’hê fa’.
Sangue Blu [stupito]: Pecché? C’ha fatto?
Ciro: Nunn’è importante chillo c’ha fatto, ma chillo ca hê fa’ tu. Che d’è nun t’ ‘a siente? Era veni’ stu momento, Enzu’, ‘o ssaje pure tu.
Sangue Blu: Comm’è accidere a coccheduno?
Ciro: Comm’a nascere: nisciuno l’ha maje chiesto. Mo l’hê fa’!

Dopo

Genny: Quanno patemo se piglio’ mmano Secondigliano, a l’inizio nun valeva niente, era sulo nu quartiere ‘e mmerda addo’ dinto ce mettevano tutt’a ggente ca l’ati quartiere ‘e Napule Centro nun vulevano. Ma patemo ce vedette coccosa e l’ha fatto diventa’ ‘o cchiù gruosso supermercato dâ droga d’Europa. Ciru’, tu ‘o ssaje comme ce chiamavano int’a l’anni Ottanta chille ‘e Napule Centro?
Ciro: ‘E scignitelle. Ce trattavano comme animale, ce vulevano dint’ê gabbie.
Genny: ‘O ssaje pure tu, è overo?
Scianel: Pe fforza! Nisciuno ‘e nuje s’ ‘o ppuò scurda’!
Genny: E sulo dopo chillo c’ha fatto patemo, abbiarono a ce dicere “buongiorno” e “per favore”, pe ave’ ‘a rrobba nosta.

Episodio 7 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Ciro: Cu ‘ tutta sta rrobba e sta qualità nun tenimmo ‘a concorrenza.
Genny: Ma tenimmo pure nu bello faro puntato ‘ncuollo. E Sangue Blu?
Ciro: Tu c’hê chiesto na prova ‘e fiducia, isso te l’ha data.
Genny: Chillo ha acciso a nu sconosciuto sulo pe fa’ cuntento a tte e chisto ‘o ssaje pure tu. Ma nuje mo amm’ âvvia’ a ‘accidere overamente e si toccano a isso o a coccheduno de suoje, je nun saccio comme può reagi’. E nu’ ‘o ssaje manco tu.
Ciro: ‘O juorno ca m’ha ‘ncuntrato a mme nun era nisciuno e nun avesse fatto tanto de chillo ca ha fatto fino a mmo. ‘O ssape bbuono: senza me e te, nun va ‘a nisciuna parte. Ma Enzo nunn’è nu scemo, pe chisto l’aggio scelto.
Genny: Je pensavo ca me stevo futtenno Avitabile… mmece era isso ca futteva a mme. Mo nun me fido manco cchiù ‘e me, Ciru’. Però ‘e te sì.

Dopo

Ciro: Cu chesta daje troppo int’a ‘ll’uocchie.
Valerio: Se non supero i trecento all’ora nessun poliziotto ferma una macchina come questa.

Dopo

Ciro parlando di Valerio: ‘O cumpagno tuojo se sente nu pataterno.
Sangue Blu: Nun sarrà nu pataterno, ma ce da’ nu cuofano ‘e possibbiltà.
Ciro: Nuje pe isso simmo comme a chella machina: jamme a treciento all’ora. Ma vide ca ô primo probblema, isso ‘a machina ‘a cagna.
Sangue Blu: Ma ‘a machina nunn’è ‘a suoja. Ciru’… chi so’ pe tte je?
Ciro: Tu sî comm’ero je diece anne fa. Tenevo rraggia, famme, l’ambizione dê vint’anne… Me sentivo ‘o cchiù forte ‘e tutte quante.
Sangue Blu: Mo nunn’è cchiù ‘o stesso?
Ciro: Chella era n’ata vita.
Sangue Blu: Ma staje sempe appriesso a nuje, pecché?
Ciro: Pecché a sta ‘a sulo a l’inferno nun c’ ‘a facevo cchiù.

Dopo

Sangue Blu: All’inferno nun sî cchiù sulo, aggio accattato nu biglietto pure je.
Ciro: Che vuo’ dicere?
Sangue Blu: Aggio ditto ‘e no.
Ciro: A che cosa?
Sangue Blu: Ciru’, nun me faccio illusione, ‘o ssaccio ca ogneduno penza ê cazze suoje, ma cierte vvote l’interesse pê persune è cchiù gruosso ‘e chillo pê ccose.
Ciro: Può essere ma nun l’aggio visto maje succedere.
Sangue Blu: Manco je, fino a mmo. Ogge ‘a vita m’ha fatto ‘na surpresa, m’hanno offierto ‘o munno e je aggio ditto no. ‘O ssaje quall era ‘o prezzo? Vulevano ‘a capa toja.

Episodio 8 – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Ciro: A Enzo l’aggio fatto addiventa’ ‘nu surdato, ma mo ha da diventa’ nu’ capo. Ha da capi’ ca ha da pensa’ primma de spara’. Sulo accussì putimmo vincere, Genna’.
Genny: A vint’anne è cchiù facile a spara’ ca a pensa’, Ciru’.

Dopo

Sangue Blu: Me staje dicenno ca nun aggi’ ‘a fa’ niente?
Ciro: Tu hê fa’ chillo ca dico je quanno t’ ‘o ddico je! Innanze tutto hê mettere ‘e cose apposto miezz’ê guagliune tuoje.
Sangue Blu: Che vuo’ dicere?
Ciro: Ca stu fatto ca cummannano tutte quante nunn’è bbuono. Chi vuo’ vincere ‘a guerra ha da cummanna isso sulo. E chillo sî tu!
Sangue Blu: Però t’aggi’ ‘a ffa na domanda.
Ciro: Dice.
Sangue Blu: Tu che ce guadagne?
Ciro: ‘O vinte pecciento, comm’a sempe.
Sangue Blu: Sì, vabbuo’, chisto è ‘o cunto dâ spesa. Si ‘e ccose vanno bbone, je me piglio Furcella e tu? Che succede?
Ciro: Succede ca faccio buono l’unnica cosa ca saccio fa. Nun ce sta niente ca me pò fa fa’ pace chê fantasme mieje, Enzu’.

Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra. Gomorra - La serie, Marco D'Amore, Ciro Di Marzio, acqua
Una scena di Gomorra – La serie che ha come protagonista Marco D’Amore – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra
Altre informazioni sulla serie tv presenti sul blog – Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Recensione: N.P.

Curiosità sulla serie: N.P.

Altre frasi e citazioni tratte dalla serie tv:

Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Migliori frasi di Salvatore Conte in Gomorra


Infine vi ricordo che, per rimanere sempre aggiornati sulle ultime notizie, potete seguire il blog sui canali Facebook, Instagram e Twitter. Se vi è piaciuto l’articolo sulle migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra, trovate articoli simili in questa sezione: Frasi e citazioni Frasi e citazioni.

Se conoscete altre frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra che vi hanno colpito da consigliare scrivetelo nei commenti!

Luca Miglietta

Libro di Roberto Saviano – sponsorizzato

Pubblicato da Luca Miglietta

Luca Miglietta, classe 1988, nato a Torino, appassionato di cinema e di tutto il mondo che lo circonda. Cresciuto fin da piccolo con la passione per il grande schermo guardando saghe come Ritorno al Futuro, Star Wars ed Indiana Jones. Difficile dire quale sia il mio film preferito in assoluto, perché generalmente non mi affeziono a un singolo film a parte quelli sopracitati che sono legati alla mia infanzia. Se dovessi però dirne qualcuno penserei a: Blade Runner, Terminator o Apocalypse Now. Non amo solamente il cinema, ma anche la letteratura e la fotografia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.