Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

E’ uno dei protagonisti di questa popolare serie tv italiana

Sei qui: Home » Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Ecco le migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra. In questa serie televisiva italiana ideata dallo scrittore Roberto Saviano è Salvatore Esposito ad interpretare Genny Savastano.

Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra. Gomorra - La serie, Salvatore Esposito, Genny Savastano
Una scena di Gomorra – La serie che ha come protagonista Salvatore Esposito – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Le migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Stagione 1 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Episodio 5 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Papà sta na bellezza, Ciru’! Chillo po’ sta pure ô 41 bis, tris, quadris, sta sempe na bellezza! Papà ‘o carcere s’ ‘o fa assettato ‘ncopp’â tazza dô cesso! (a Ciro)

Episodio 8 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Je nun me scordo niente! Però je e te nun simmo frate, songhe je ‘o figlio ‘e Pietro, no tu! Mo’ tocca a me!

No Ciru’, si tu staje vicino a me, nun cagna niente! Je aggi’ ‘a dimostra’ a chille viecchie là dinto ca c’ha pozzo fa sulo je!

Può darsi. Nun te piglia’ collera Ciru’, ca mo tocca a me!

Oh! Sulo pô tiempo ca me staje facenno perdere, je t’avessa spara’ ‘mmocca! Hê capite?!

Episodio 9 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Toni’, ‘o ssaje che deceva papà? Ca je tengo ‘a guerra ‘ncapa, ma isso tene ‘a capa pâ guerra!.. Sî nu bravo surdato! (a Ciro)

Episodio 12 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Nun ce sta’ mammà là dinto! Nun ce sta niente! Mammà se n’è juta! Tu ci credi in Dio? Quel Dio che tutto vede e tutto sa? Je ce credo, credo ca è tutto nu disegno suoje. Quanno tu me purtaste a spara’ chillo cristiano pâ primma vota e po’ m’hê protetto cu mio padre, Dio sapeva ca l’ira sparato tu e no je! Quanno Salvatore Conte è turnato, quanno Danielino è muorto, Isso ‘o sapeva. Isso sape tutte cose! Sapeva pure ca oggi je e te stevema dinto a sta machina, nuje sapimmo chillo ca vulessemo fa’, ma solo Dio sape comme va’ a firni’ veramente sta storia!

Stagione 2 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Episodio 5 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Je aggio aspettato tutto stu tiempo e tu ‘a vuo’ fa’ ferni’ subbeto? Aggirate, ‘nfamme!.. Pe chisto hê acciso a mammà e m’hê sparato ‘nfaccia?.. E che c’hê ditto a figliata, comm’è morta ‘a mamma, eh?.. Tu puo’ menti’ a te stesso, no a me!.. Accidere ‘a mamma de figlie tuoje è na cosa ca non te puo’ scurda’!.. Miettete in ginocchio! Me piace ‘e te vede’ accussì… comm’a uno ca cerca ‘o perdono… o cerca ‘a pace… ma pe tte nun ce sta né pace né perdono ncopp’â sta terra!.. Tienella tu, accussì t’arrecuorde dô juorno ca te puteva accidere ma nun l’aggio fatto! (a Ciro)

Episodio 7 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

T’aggio ditto già, Gabrie’. Voglio n’ammico mmiezze a chella banda ‘e serpienti. E po’ nisciuno tene ‘a capa toja llà dinto. ‘O Pri’, hê diventa’ tu ‘o nummaro uno ‘e chella alleanza!.. E je chella bandiera voglio vede’ sventula’ quanno votta ‘o viento! Hê capite? (a ‘O Principe)

Episodio 11 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Genny: Chillo ca mme fa strano è ca è ‘o matrimonio nuosto però je e tte nun canuscimmo a nisciuno. Però chist’è! Me vaco a fa’ na doccia, ja’.
Azzurra: Genna’… tu guarda a me e basta… e vedrai che anche in mezzo a tutta quella gente sarà il nuosto matrimonio.

Ah, ‘o ssaje pure tu ca aspetto nu criaturo? O te riferisce ô matrimonio? È sulo n’ato modo pe ddicere ca staje perdenno, Ciru’!

E tu pienze ca tengo quacche problema a vennere ‘a rrobba mia? Ciru’, ‘o munno è grande! E a mme ‘e Secondigliano nun me ne fotte nu cazzo!

Famme gli auguri, Ciru’!

Grazie ‘o stesso, Ciru’!

Gomorra - La serie, Marco D'Amore, Ciro Di Marzio, Salvatore Esposito, Genny Savastano
Una scena di Gomorra – La serie che ha come protagonista Salvatore Esposito e Marco D’Amore– Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Stagione 3 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Episodio 1 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Voglio sape’ addo’ sta patemo!

Comme? Tu me l’ire ‘a purta’ arreto vivo, o ire ‘a muri’ appriesso a isso! Chisto fa nu buono surdato! (a Malammore)

Mio padre diceva sempe che ‘a Sanità e ‘a Maddalena so’ e quartiere addo’ girano cchiù sorde, è overo?

Eh, però isso era ‘nnamurato dê Quartiere Spagnole e de Furcella, pecché deceva ca sulo là putive senti’ l’addore overo ‘e Napule

Ma ‘o core ‘e sta città è ‘o puorto, pecché ce pote apri’ ‘e porte dô munno intero. Mo… ‘a guerra â casa mia è fernuta e cummanno je. Nuje nun simmo maje trasute dint’e cose vuoste pecché v’ammo sempe purtate rispetto. E vuje mo avita fa’ ‘o stesso.

Nunn’è overo ca patemo se n’è juto ‘a Napule. Patemo è muorto. L’aggio fatto accidere je. Mio padre me vuleva sotto a isso a Secondigliano, nun avesse maje accettato na cosa diversa. Urtimamente era ‘mpazzuto, vedeva muorte a tutte parte. Pure nuje stevemo in pericolo e allora aggio fatto l’unica cosa ca putevo fa: aggio protetto ‘a famiglia mia. Aggio pavato nu prezzo comme l’hê pavato tu. (ad Azzurra)

Episodio 4 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Sulo n’orfano comm’a tte pò pensa’ ca ‘a famiglia è na cosa bona! (Genny)

Genny: Je penso ca ‘e muorte è meglio ca ‘e lasciammo ô camposanto, pecché si jammo appriesso a lloro è llà ca se va a fernì!
Scianel: E si venimmo appriesso a tte addo iammo? Dimmello. Je aggio perso nu figlio. E mo che te pienze ca me metto a ffa’ a cammerera tua?! Je ê sorde tuoje ci piscio acoppa, Gennari’! [ride]
Genny: Però quanno stive carcerata te facevano commodo…
Scianel: E llà dinto pure ‘a mmerda pare ciucculata!
Genny: Siente na cosa Annali’, che vuo’?
Scianel: L’indipendenza.
Genny: E te cunviene?
Scianel: Sì, e ‘o ssaje pecché? Pecché tu pe mo nun me puo’ dda’ niente, sulo probleme.
Genny: Nunn’è overo, oggi comme ajere je te pozzo da’ l’unica cosa ca te serve overamente: ‘a cocaina migliore dô munno. O no? Tu sî ll’unica dint’a chell’Alleanza ca s’è meretata ‘o rispetto mio. ‘O ssaje pecché? Pecché stu rispetto tu l’hê pavato cô sango tuojo.

Genny: Dicive d’essere dâ famiglia… e je pe chisto t’aggio fatto controlla’ pecché si m’aggio ‘mparato na cosa dint’a tutto stu tiempo è ca propio dâ famiglia mia nun me pozzo fida’.
Gegè: Perdoname, Genna’. Te prego, perdoname. ‘E società stanno apposto, Genna’. Je nun putevo fa cchiù niente.
Genny: ‘O ‘rilorgio!

Genny: Chisto nun m’o puo’ fa’, Giuse’, songo ‘o sango mio!
Giuseppe Avitabile: Tu nun sî degno de essa! E allora essa se ne torna addo’ mme. Je te faccio campa’, ma sulo comm’a nu cane. Nun te la sei meritata. Quanno uno ‘e ccose nun s’ ‘e mmerita ‘e pperde! Continuate.

Episodio 5 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Eh, ma chesta nunn’è cchiù ‘a casa nosta, Ciru’. Sta città c’ha massacrate e c’ha sputate. M’hanno buttato abbascio Secondigliano comm’a nu sacco dâ mmunnezza. A me! Hann’ ‘a muri’ tutte quante!.. Adoppo tutto chillo ca c’ammo fatto simmo ancora qua, sulo je e te!

Episodio 6 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Voglio sape’ comme cazzo è possibile ca n’onoranze funebri tene ‘e diebiti? ‘A ggente puo’ fa’ a mmeno e magna’, ma nun puo’ evita’ ‘e muri’. (a Gaetano Sanni)

‘O sango mio nun ha pazziato maje. (al custode del cimitero)

Episodio 7 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Nun aggio maje odiato a nisciuno comm’aggio odiato a te. Ma finalmente je e te stammo ‘ncopp’â stessa barca e nun voglio rimane’ sulo. (a Ciro)

Episodio 8 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

A vint’anne è cchiù facile a spara’ ca a pensa’, Ciru’.

Stagione 4 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Se n’amico te tradisce è sempre n’amico Cirù?

Where is my gold?!

Songhe ‘e sorde ca fanno l’ommo onesto!

Signò, m’ha cacat’o cazz’ stu juoc

Tenevo un amico, un fratello. Ogni vvota ca guard’ o mare penso ca iss sta’ llà ‘a qualche parte e me sta guardann.

Chell ca m’e fatt ‘ngopp a chella barca, nun m’o scordo cchiù. (a Sangue Blu)

Stagione 5 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

C vulevm magna o munn, ma stu munn sa magnat a nuie.

Non dovrai più pensare a nient’altro, se non a tutte le persone che hai amato e che hai ucciso, come me. (a Ciro)

Se un amico ti tradisce, è sempre un amico, Ciro?

La fiducia è una debolezza che nun m’agg mai putut permettere.

Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra. Gomorra - La serie, Salvatore Esposito, Genny Savastano, Marco D'Amore, Ciro Di Marzio
Una scena di Gomorra – La serie che ha come protagonista Salvatore Esposito – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra – I dialoghi

Stagione 1 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Episodio 1 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Genny: Ma si tu nun m’ ‘a daje maje ‘a possibilità, ma comme faccio je?
Pietro: Genna’, tu sî figlio a me! Nun tiene bisogno ‘e possibilità!

Episodio 2 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Genny mentre sta per uscire di casa: A pa’, me serve ‘a motocicletta nova!
Pietro: E certo, Genny bello! E dimmi, ‘e che colore a vuo’, a papà?
Genny: Rossa!

Mentre sono al funerale di Attilio

Genny: Staje male, eh?
Ciro: Era comm’a nu patre pe mme!
Genny: E comm’era comme patre?
Ciro: Facile.
Genny: Pe mme tu fusse nu patre facile!

Dopo

Pietro: Allora?
Genny: Accidere è na strunzata!
Pietro: Mo’ staje apposto. Mo’ posso pure muri’!

Episodio 8 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Imma: Ho organizzato na cena elettorale pe tte: un poco d’amici importanti ca te ponno da’ na mano. Te vuleva fa vede’ stu posto se te piace…
Genny: Je nun voglio niente ‘a te! M’hê capite? Tu cu mme nun può sbaglia’ cchiù!
Imma: Ma ‘e che sbaglie staje parlanno? Ja, Genna’, parla! È da quanno si’ turnato ca pare ca me vuo’ accidere, je nun riesco a capi’ che cazzo t’aggio fatto!

Subito dopo

Genny: Ah, nun capisce? Nun capisce?! E mo t’ ‘o spiego je. Quanno stevo là in Honduras, stevo dinto a na capanna e ‘nziemme a me ce steva n’americano ca parlava, parlava pecché teneva paura. E intanto e sorde tuoje nunn’arrivavano. Na sera gli honduregni me mettettero nu macete ‘mmano e gridavano: “Accidilo! Accidilo!” Je pregavo, pregavo ca coccheduno me veneva a salva’, ca tu me venive a salva’! Ma niente… E loro continuavano a grida’: “Accidilo! O accidimmo nuje a tte!” E allora l’aggio fatto: aggio abbiato a taglia’ primma ‘a capa, po’ ‘e bbracce, po’ ‘e mmane! L’aggio fatto piezze piezze! Mo capisce?!
Imma: Si nunn’era pe mme, tu stive ancora a fa’ o guagliunciello appriesso a Ciro! Je t’aggio mannato là perché dovevi trattare e t’aviva ‘mpara’! E me pare ca a coccosa è servuto, o no? O mi sbaglio?

Dopo

Dottore al celluare: Pronto.
Genny: Aggio ditto a Jessica che non mi deve cercare più!
Dottore: Grazie!
Genny: Però primma me ll’aggio chiavata, e ce so venuto ‘mmocca, accussì nun rimane incinta!

Episodio 12 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Diego: E adesso che succede?
Genny: Aggi’ ‘a regola’ nu viecchio cunto!
Diego: Che conto?
Genny: Diego, si je te tradisco a te ca me vuo’ bene veramente e je invece bene nun te ne voglio proprio e penzo ca sî sulo nu povero scemo. Si je accido a tua mamma sulo pecché ha cercato ‘e te proteggere da me, tu che me facisse?
Diego: Je t’accido!
Genny: Bravo! Diego, io ti insegnerò tutto, te faccio addiventa’ nu grand’ ommo, però m’hê promettere na cosa: nun t’hê fida’ maje ‘e nisciuno! Mai! Nemmeno ‘e me!

Stagione 2 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Episodio 2 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Pietro: Cheste so’ comm’e zizze dê vacche, sulo ca invece dô llatte, ce sta’ a benzina che viene dall’est. Nun costa nu cazzo. Basta mungere qualche addetto alla dogana e ave’ ‘e pompe ‘e benzina comm’a cheste cca. I calabresi stanno facendo nu cuofano ‘e sorde cu’ sta tarantella. L’unico problema è ca chisto è nu posto ‘e mmerda, e pure si cummannammo rimanimmo e zij ‘e nisciuno.
Genny: Te trovo buono!
Pietro: Quanto tiempo!
Genny: Staje sulo nu poco cchiù bianco.
Pietro: Sta terra ‘e mmerda nun conosce ‘o sole!

Dopo

Pietro: Ma tu te pienze ca je so stato n’anno fermo cca pecché me piace? Je nun vedevo l’ora de turna’ â casa mia. Si so stato n’anno fermo cca è pecché ‘e cose nun vanno buone per noi, Gennari’. E sorde noste nun se ponno tucca’! Gli amice noste, ‘e prestanome so’ tutti indagati. ‘E cunte currente stanno bloccate… e senza sorde e câ polizia ‘ncuollo nisciuno vuo’ fa’ affare cu’ nuje!
Genny: Sulo chi è costretto pecché nun tene alternative.
Pietro: Hê visto? Ce sî arrevato pure tu.
Genny: Eh, ma ‘o stesso nun va buono.
Pietro: Vint’anne! Sempe cu ‘ll’uocchie apierte… a fa’ attenzione agli amice… ‘e nemice… ‘e traditure…’E traditure! Vint’anne! E po’ aggio passato tutte cose ‘mmano a te! ‘A barca l’hê tenuta ‘mmano tu, Gennari’… e addo c’hê purtate a tutte quante? E mo viene cca a me dicere chillo ca s’ha da fa’? Mamma toja m’o diceva sempe: “Tu ‘o vizie troppo assaje. Tutte ‘e strunzate ca ce passano pâ capa, pe te vanno bene!” Je dicevo: “Nun te preoccupa’! Puorta pacienza! Chillo nunn’è comm’a mme e comm’a tte, ave bisogno ‘e tiempo.” Ma mo ‘o tiempo è fernuto, Genna’! Hê capite o no? Sì juto troppo annanze!

Subito dopo

Genny: Je te so’ venuto a cerca’ n’aiuto ma tu hê fatto ‘o pazzo dint’ô carcere… e c’hê lassate sule, quanno ‘o sapive bbuono ca bastava na parola toja.
Pietro: Che vulisse dicere?
Genny: Ca si nunn’isse fatte ‘o pazzo e nun te ne fusse futtute ‘e nuje, mammà stesse ancora cca!
Pietro: Omme ‘e mmerda! Comme cazzo te permiette? Tu ‘o ssaje pecché aggio fatto ‘o pazzo in galera? Pecché ‘o ssapevo, Gennari’, ca tu nun sî buono! E sulo asciendo je ‘a llà dinto, putevo salva’ tutte cose! Ma aggio fatto tarde…

Episodio 4 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Genny: Che m’hê dicere?
Pietro: Je torno a Secondigliano!
Genny: Ce vo’ tiempo!
Pietro: Conte è mmuorto! Chisto è ‘o mumento! Mo s’è ‘mbriacata ll’acqua. M’aggi’ ‘a movere subbeto se no m’aggi’ ‘a scurda’ pe sempe de turna’ a Napule!
Genny: Chella guallera ‘e Salvatore Conte è muorto, nun cagna nu cazzo! Pecché c’amm’ ‘a prepara’, nun ce putimmo movere ô scuro comme fanno ‘e dilettante!
Pietro: Nun ce sta niente ‘a prepara’! Chelle merde so’ comm’e zoccole… l’aggi’ ‘a scurtica’ cull’acqua vullente primma che si mettono commodi! Nunn’o sapive? Mo mittete dint’â machina e tuorne â casa!
Genny: Secondigliano è pure ‘a casa mia!

Subito dopo

Pietro: No! Pe tte nunn’è ancora ‘o mumento ‘e turna’! Cierte ferite rimangono aperte. Si tuorne mo, chille s’arrevotano tutte quante contro ‘e nuje n’ata vota, e mmece s’hann’ ‘a muzzecca’ l’uno cu’ l’ato!
Genny: ‘O ssaje che penzo je, papà?
Pietro: Che pienze, Gennari’?
Genny: Ca tra me e te ce sta sulo uno ca tene chelle ferite ca dice tu… [andandosene] e chella persona sî tu!

Episodio 5 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Genny: Chi sfaccimma è stato?
O Track: So’ stato je! E c’aggio fatto ‘e male? M’aggio arrubbato n’orologio ‘e nu figlio ‘e papà?
Genny: No, è pecché sî venuto a arrubba’ â casa mia!
O Track: Chillo tene cchiù sorde ‘e te, se n’accatta n’ato! Je intanto m’abbusco mille eure! Genna’, mentre tu truove ‘o curaggio ‘e turna’, je aggio fatto ‘o munno nu poco cchiù giusto! Bellillo, eh?!

Episodio 6 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Genny: Si je vulevo vede’ a Ciro Di Marzio muorto, a chest’ora già ll’era acciso! Ma nun l’aggio fatto pecché a nuje nun ce cunviene.
Pietro: Nun cunviene a cchi? Nun capisco, Gennari’, me l’hê spiega’!
Genny: Papà te staje facenno viecchio… e si rimasto bloccato dint’ô passato e nun riesce a vede’ ‘o futuro! ‘O futuro so’ ‘e cuntatte ca je aggio criato. ‘O futuro è na linea diretta ca parte dâ casa nosta e arriva fino a dint’ô core ‘e Roma e va annanze e arreto comm’a nu treno!
Pietro: Tu sî figlio a mme e tu hê fa chillo ca dico je!
Genny: È overo, je so’ figlio a tte, ma n’ato poco e addevento patre pure je.. e m’aggio crea’ na strada dâ mia. Chesta vota si vuo’, hê essere tu a ssegui’ a mme!
Pietro: E si nunn’o ffaccio?
Genny: Rimane sulo, e sulo tu nun vaje ‘a nisciuna parte abbascio Napule, si no già l’isse fatte! Dàlle fiducia a chillo figlio maschio ca tanto hê vuluto! Almeno una vota dint’â vita toja, dalle fiducia!

Dopo

O Principe: Gli amice tuoje se so’ avutate.
Genny: ‘O saccio! Ma pe nuje nun cagna niente! Amm’ ‘a rimmane’ concentrate ‘ncoppa agli affari!
O Principe: Pateto starà ‘ncazzate… che vuo’ fa’? ‘O ssaje?
Genny: Gabrie’, je stongo a Roma, tengo n’ata prospettiva.
O Principe: Tu staje a Roma ma ‘o core tuojo è rimaste a Secondigliano! E ‘a casa nosta è na bomba inesplosa, Genna’, e ‘a miccia ‘mmane a teneno tuo padre e Ciro. Nuje ammo rimmane’ concentrate ‘ncoppe agli affari, tieni ragione… ma stu burdello nunn’è buono, e nuje ‘o ssapimmo meglio ‘e ll’ati! Stuta stu ffuoco, Genna’, primma ca appiccia tutte cose!

Dopo

Azzurra: Addo’ vaje?
Genny: A Napule. Ce stanno probleme.
Azzurra: E che te ne ‘mporta e chillo ca succede a Napule?
Genny: Ce sta patemo e ‘e frate mieje, o te l’hê scurdato?
Azzurra: La tua famiglia ormai è qua… la nostra famiglia…
Genny: Azzu’ tu sî ‘a vita mia! Io ti amo. Ma nun t’hê mettere maje tra me e ‘o sango mio!

Episodio 10 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Genny: Quanno hê acciso a ‘O Principe e ‘O Nano nun c’hê penzato nu mumento primma ‘e te mettere contr’a mme!
Pietro: ‘A stessa cosa ch’ê fatto pure tu! Ma è normale, no? Secondigliano è cchiù importante ‘e tutte cose! […] Che simmo je e te? Simmo nu padre e nu figlio. Nu figlio ca ha pruvato a se fottere ‘o padre… e nu padre ca s’ha futtuto ‘o figlio! Ce simmo ‘ncuntrate pecché vulive capi’? Nun ce sta niente ‘a capi’. Secondigliano è ‘a mia, ‘e nisciun’ato.

Episodio 11 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Genny: Chillo ca mme fa strano è ca è ‘o matrimonio nuosto però je e tte nun canuscimmo a nisciuno. Però chist’è! Me vaco a fa’ na doccia, ja’.
Azzurra: Genna’… tu guarda a me e basta… e vedrai che anche in mezzo a tutta quella gente sarà il nuosto matrimonio.

Episodio 12 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Genny parla in prigione con Giuseppe Avitabile

Giuseppe Avitabile: M’hê fatto chillo sgarro. M’hê lasciato sulo a me cu l’invitate e te ne sî juto pe conto tuojo.
Genny: Nunn’è nu sgarro ca aggio fatto a tte. Ma je Azzurra nunn’a voglio spartere cu nisciuno.
Giuseppe Avitabile: Mo sta tutte cose mmano a essa.
Genny: Buono accussì!
Giuseppe Avitabile: E po’ ce sta n’ato fatto. Cca dinto nun ce sta maje niente ‘a fa’. C’antussecammo câ televisione. M’aggio visto nu film… cu chill’attore nire. Isso fa l’istruttore ‘e polizia e po’ ce sta n’ato ca fa a recluta. Ma nun l’aggio potuto fini’ pecché ‘e guardie scassavano ‘o cazzo. Tu hê capite a che so’ ridotto, Genna’?
Genny: Damme quacche ata informazione, magare je l’aggio visto e te posso dicere coccosa.
Giuseppe Avitabile: So ddoje poliziotti dâ Narcotici. Ma nun aggio capito si l’istruttore nunn’è chillo ca te voleno fa’ credere o si è ‘a recluta ca nunn’è bona. Vide, l’hanno fatto nu pare ‘e juorne fa. Genna’, famme nu favore, truovamme stu film. M’è rrimasto ‘ncanna. Voglio sape’ chi è ‘o ‘nfame.
Genny: Nun te preoccupa’, t’ ‘o trovo je.
Giuseppe Avitabile: Statte bbuone, Genna’, va!

Dopo

Genny: Che d’è Azzu’, nun te piace?
Azzurra: Sono giorni che penso sempre alla stessa cosa.
Genny: A che ccosa?
Azzurra: A quello che è successo a mio padre, Gennaro. Quelli che sapevano di Alfredo Natale si contano sulle punte delle dita. Tu eri con me quanno ne stevano parlanno.
Genny: E quindi?
Azzurra: Sî stato tu?
Genny: Tuo padre m’ha offerto n’alleanza do’ je fosse stato sempe ‘o socio minoritario. E a mme sta cosa nun me piaceva, Azzu’! Nuje nun simmo nati p’essere ‘e nummere ddoje, Azzu’! Uhè! Je e te amm’ ‘a essere ‘e protagoniste dô futuro nuosto. Sulo nuje.

Dopo

Genny: Hê accise a na criatura, chesta è na cosa ca nisciuno te face passa’!
Pietro: A me m’ha accise a Imma, ca era tutta ‘a vita mia! Tu mo hê turna’ Genna’, ‘o posto tuojo sta cca!
Genny: Da quanno è succieso stu burdello je ‘a rrobba te l’aggio fatta arriva’, ma n’aggio visto n’euro!
Pietro: Ma che cazzo staje dicenno? T’aggi’ ‘a pava’? Tu mo dagli amice noste ‘e l’Honduras accatte ‘a rrobba pe m’ ‘a da’ a mme!
Genny: L’amice noste… Siente, ‘a casa mia sta ‘a n’ata parte! E je ‘a rrobba ca te faccio arreva’ la voglio essere pavata!
Pietro: Lassa perdere sta strunzata ‘e Roma! ‘A robba nosta l’ammo sempe vennuta cca, e si ‘o voleno, s’ ‘o veneno a piglia’ cca!
Genny: Tu nun vuo’ capi’ ca ‘e ccose so’ cagnate.
Pietro: Nunn’è cagnato nu cazzo. Tu sî ‘o figlio ‘e Pietro Savastano, niente ato ‘a fora a chisto!

Stagione 3 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Episodio 1 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Genny: ‘O ssaje come se dice, Malammo’? Ca ‘o viceré prima o poi diventa ‘o peggio nemico dô rre.
Malammore: Se dice pure ca ô funerale dô rre l’unico ca nun chiagne è ‘o figlio.
Genny: Pecché stu figlio ‘e llacrime s’ ‘e porta’ dinto! E comunque mo è stu figlio ca cummanna… e la prima cosa c’ha da capi’ è chi songo ll’amice e chi songo e nemice.

Patrizia: Te n’hê ji’ da cca, Genna’! Tiene na mugliera, na creatura appena nata. Cca nun se vive… cca se more e bbasta.
Genny: A patemo nun l’ha acciso Ciro Di Marzio. L’ha acciso ‘o vveleno ca tenimmo tutte quante ‘ncuorpo. Nuje ‘o sapimmo che ce sta, ma nu’ ‘o putimmo sputa’ ‘a fora.

Dopo

Patrizia: Ma che t’hê miso ‘ncapo, ‘o zi?
Malammore: Je voglio sulamente ‘a pace dint’ô quartiere nuosto.
Patrizia: Je te saccio troppo buono, mentivi primma quanno hê ditto ca Don Pietro steva buono e staje facenno ‘o stesso pure mo.
Malammore: Je so trent’anne ca sto cu lloro, ca obbedisco quanno ‘a pensata è bona e quanno è malammente. Pe mezzo sujo m’aggio accattato na casa a l’inferno pecché aggio acciso a na criatura. Mo m’aggio stancato, m’aggio fatto viecchio, Patri’. Je nun voglio sta cchiù sotto a lloro.
Patrizia: Te staje sbaglianno, o zi’. Chillo ca è succiesso dint’ô quartiere c’ha ‘mparato na cosa sola: ‘e Savastano nun se toccano.

Episodio 2 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Genny parlando del figlio: Me pare nu principe.
Azzurra: Ma ‘o padre ancora nunn’è re.

Dopo

Genny: Me serveva na persona pulita ca nun conosceva nisciuno. Tutte chille ca tenive tu, ormai ‘o magistrato già ‘e ssapeva.
Giuseppe Avitabile: ‘O ssaje come se dice? ‘O cane riconosce ‘a voce ‘e nu padrone sulo e chisto è cane a te!
Genny: Eh, ma cca ‘e cane nun ce ne stanno, mo sî sulo tu ‘o padrone â casa toja. Famme na cortesia Gegè, spiegace buono ‘a situazione.
Gegè: Prima di entrare in carcere lei aveva un patrimonio complessivo di circa sessanta milioni di euro. I pignoramenti disposti dalla magistratura hanno ridotto tutto questo a un milione e cinquecentomila euro…
Giuseppe Avitabile: Chisto ‘o ssapevo già!

Subito dopo

Gegè: Contenuti in una sola SRL occulta. Oggi lei possiede diciassette società tra titolarità piena e partnership, per un valore complessivo di novantasette milioni di euro.
Giuseppe Avitabile [a Genny]: Tu non ‘o ssaje, ma sta ‘nchiuso llà dinto è n’inferno. E doppo quanno tuorne â casa, vide ca la vita è juta annanze e nun te truove cchiù, pure câ famiglia toja te siente n’estraneo. E tutte chille ca vulive bene ‘e vvide comm’a tante sconosciute.
Genny: Eh, ma mo nun staje cchiù in carcere, Giuse’. Che vuo’ n’ata vota ‘e consulente tuoje? E dimane Gegè ce porta ‘e ccarte e se leva ‘a miezzo. Vuo’ n’ata vota pure ‘e cape ‘e legnamme? E jamme dô nutaro e sistemammo tutta ‘a situazione. Putimmo fa’ tutto chillo ca vuo’ tu, pe me va bbuono. Però nun me dicere maje ca songo nu sconosciuto. Pecché je songo ‘o marito ‘e figlieta, so’ ‘o padre ‘e tuo nipote. E chesta è na cosa ca nun t’hê scurda’ maje!
Giuseppe Avitabile: Si ce sta na cosa ca nun me voglio scurda’, è propio chesta!

Episodio 4 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Genny: Je penso ca ‘e muorte è meglio ca ‘e lasciammo ô camposanto, pecché si jammo appriesso a lloro è llà ca se va a fernì!
Scianel: E si venimmo appriesso a tte addo iammo? Dimmello. Je aggio perso nu figlio. E mo che te pienze ca me metto a ffa’ a cammerera tua?! Je ê sorde tuoje ci piscio acoppa, Gennari’! [ride]
Genny: Però quanno stive carcerata te facevano commodo…
Scianel: E llà dinto pure ‘a mmerda pare ciucculata!
Genny: Siente na cosa Annali’, che vuo’?
Scianel: L’indipendenza.
Genny: E te cunviene?
Scianel: Sì, e ‘o ssaje pecché? Pecché tu pe mo nun me puo’ dda’ niente, sulo probleme.
Genny: Nunn’è overo, oggi comme ajere je te pozzo da’ l’unica cosa ca te serve overamente: ‘a cocaina migliore dô munno. O no? Tu sî ll’unica dint’a chell’Alleanza ca s’è meretata ‘o rispetto mio. ‘O ssaje pecché? Pecché stu rispetto tu l’hê pavato cô sango tuojo.

Dopo

Genny: Dicive d’essere dâ famiglia… e je pe chisto t’aggio fatto controlla’ pecché si m’aggio ‘mparato na cosa dint’a tutto stu tiempo è ca propio dâ famiglia mia nun me pozzo fida’.
Gegè: Perdoname, Genna’. Te prego, perdoname. ‘E società stanno apposto, Genna’. Je nun putevo fa cchiù niente.
Genny: ‘O ‘rilorgio!

Dopo

Genny: Chisto nun m’o puo’ fa’, Giuse’, songo ‘o sango mio!
Giuseppe Avitabile: Tu nun sî degno de essa! E allora essa se ne torna addo’ mme. Je te faccio campa’, ma sulo comm’a nu cane. Nun te la sei meritata. Quanno uno ‘e ccose nun s’ ‘e mmerita ‘e pperde! Continuate.

Episodio 6 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Gaetano Sanni: Voi siete comm’a Mosè che apre il Mar Rosso pe me fa’ trasi’. Mo siamo in società. Vulite sape’ nu fatto, Don Savastano?
Genny: Chiamame Gennaro.
Gaetano Sanni: A mme ‘o mare me piace assaje, tengo na varca a vela ‘e vinte metre ca ce voglio cchiù bene ‘e figliemo e muglierema mise assieme. Miezz’o mare quanno staje affunnanno, gridi aiuto e chi te salva nunn’è nu strunzo… ma è ‘o meglio amico ca puo’ tene’.
Genny: Je e te mo facimmo grandi cose insieme.

Dopo

Michele Casillo: Oh Genna’.
Genny: Tutto apposto, Miche’?
Michele Casillo: So’ felice ‘e te vede’.
Genny: ‘O ssapevo ca ire nu cavallo ‘e razza.
Michele Casillo: Be’, si nunn’era pe tte, Genna’, rimanevano a saperlo in pochi.

Dopo

Genny: C’amm’ ‘a prepara’ a fa ‘a guerra, Ciru’. E nu’ ‘o saccio si ‘e guagliune tuoje so’ pronte.
Ciro: Chillo ca sapeno fa, tu l’hê visto già.
Genny: Eh, ma vennere ‘a rrobba è na strunzata. E ‘a guerra l’hanno vista sulo int’a quacche videogioco.
Ciro: Ire pure tu accussì, no? Po’ però te sî ‘mparato.
Genny: Pecché tenevo ‘o meglio maestro ca ce steva, nu maestro ca nun ha tenuto nisciuna pietà ‘e me.
Ciro: A che staje pensanno, Genna’?
Genny: Ce sta uno ca m’ha scassato ‘o cazzo, ca se vuo’ mmettere dint’e ccose nuoste. Se l’ha da fa’ Sangue Blu! L’ha da fa’ isso, Ciru’. Nun ce putimmo truva’ sulo je e te mo ca vene ‘a tempesta.

Dopo all’agenzia di onoranze funebri

Genny: Ciao Annali’, ‘o ssaje ca ‘a morte è ‘o meglio affare ca ce sta?
Scianel: E pecché m’ ‘o ddice? Ma te penzasse ca è arrivato ‘o mumento mio?
Genny: Nz… T’ ‘o ddico pecché stu negozio puo’ essere ‘o tuojo.
Scianel: Che avessa fa’, ‘o schiattamuorte?
Genny: Tu ‘o ssaje ca a Secondigliano ‘a situazione nunn’è bona. ‘E piazze nun venneno cchiù comme primma e tu tienne nu sacco ‘e vocche ‘a sfama’. Però je t’aggio truvato ‘a soluzione.
Scianel: “Logistica Sermo, Servicepol Notte, Auto Ventesimo…” Ma che d’è sta rrobba?
Genny: So’ tutte imprese in difficoltà ca m’aggio accattato, comm’a chesta. E c’ ‘e putimmo spartere je e te, e c’ ‘e mettimmo ‘a sistema comme hanno sempe fatto tutte ‘e clan de Napoli Centro.
Scianel: ‘O ssaccio bbuono comme hanno fatto. Sulo ca… je tengo nu presentimento. Ca tu me vuo’ fottere a mme.

Subito dopo

Genny: Nun te voglio fottere, pienzece bbuono. Chê sorde â piazza tuoja tu addeviente socia ô cinquantuno percento ‘e tutte e quatto ‘e magazzine che so’ onoranze funebri. Miette a fatica’ a ggente ca dice tue e t’accatte ‘e materiale addo’ dice tu, cioè addo’ te stessa. Pecché nel frattempo je te faccio accatta’ ‘o fioraio, ‘o marmista, ‘o falegnamme. Accussì tu guadagne ‘ncopp’â ogne passagge e chi vole fatica’ cu tte, primma ha da paga’.
Scianel: Ma ‘e sorde overo l’ammo sempe fatte chê piazze.
Genny: Eh, ma mo cca a Secondigliano ‘o mmeglio business ca ce sta nunn’è ‘a droga, ma ‘a famme. E nuje chesta famme l’amm’ ‘a fa frutta’. Annali’, amm’ ‘a turna’ a essere una cosa sola a Secondigliano, sulo accussì putimmo addiventa’ cchiù forte ‘e primma.

Dopo

Genny: Quanno patemo se piglio’ mmano Secondigliano, a l’inizio nun valeva niente, era sulo nu quartiere ‘e mmerda addo’ dinto ce mettevano tutt’a ggente ca l’ati quartiere ‘e Napule Centro nun vulevano. Ma patemo ce vedette coccosa e l’ha fatto diventa’ ‘o cchiù gruosso supermercato dâ droga d’Europa. Ciru’, tu ‘o ssaje comme ce chiamavano int’a l’anni Ottanta chille ‘e Napule Centro?
Ciro: ‘E scignitelle. Ce trattavano comme animale, ce vulevano dint’ê gabbie.
Genny: ‘O ssaje pure tu, è overo?
Scianel: Pe fforza! Nisciuno ‘e nuje s’ ‘o ppuò scurda’!
Genny: E sulo dopo chillo c’ha fatto patemo, abbiarono a ce dicere “buongiorno” e “per favore”, pe ave’ ‘a rrobba nosta.

Episodio 7 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Ciro: Cu ‘ tutta sta rrobba e sta qualità nun tenimmo ‘a concorrenza.
Genny: Ma tenimmo pure nu bello faro puntato ‘ncuollo. E Sangue Blu?
Ciro: Tu c’hê chiesto na prova ‘e fiducia, isso te l’ha data.
Genny: Chillo ha acciso a nu sconosciuto sulo pe fa’ cuntento a tte e chisto ‘o ssaje pure tu. Ma nuje mo amm’ âvvia’ a ‘accidere overamente e si toccano a isso o a coccheduno de suoje, je nun saccio comme può reagi’. E nu’ ‘o ssaje manco tu.
Ciro: ‘O juorno ca m’ha ‘ncuntrato a mme nun era nisciuno e nun avesse fatto tanto de chillo ca ha fatto fino a mmo. ‘O ssape bbuono: senza me e te, nun va ‘a nisciuna parte. Ma Enzo nunn’è nu scemo, pe chisto l’aggio scelto.
Genny: Je pensavo ca me stevo futtenno Avitabile… mmece era isso ca futteva a mme. Mo nun me fido manco cchiù ‘e me, Ciru’. Però ‘e te sì.

Dopo

Patrizia: Genna’, je capisco tutte cose, ma comme te faje a fida’ ‘e Ciro Di Marzio ancora me l’hê spiega.
Genny: Sulo quanno te toccano ‘o sango, esce fora chi sî veramente… e je a Ciro Di Marzio l’aggio visto. E isso ha visto a mme. È sempe stato accussì. Pecciò isso mo è cchiù dô sango mio. E pure tu me pare ca pe proteggere a patemo è perso ‘o sango tuojo. È overo? E patemo se pensava ca affianco teneva ‘o surdato cchiù abbile ‘e tutte quante. Eh, era accussì. Però je oltre a chisto aggio visto n’ata cosa: aggio visto ca nu’ ferneva tutto llà.
Patrizia: Che vuo’ ddicere, Genna’?
Genny: Quanno sarraje arrevata addo’ vuo’ arreva’, m’ ‘o vviene a ddicere tu a mme!

Episodio 8 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Genny: Tu ‘o ssaje pecché a Ciruzzo ‘o chiammano L’Immortale?
Sangue Blu: Pecché mmiezzo a tre guerre nisciuno è stato cazzo d’ ‘o accapputta!
Genny: Nz! Pecché teneva ventune juorne quanno vennette ‘o terremoto c’atterrà ‘a madre e ‘o padre. Pienze, dint’a nu palazzo ‘e trenta persone, isso è ll’unico ca è rrimasto vivo. Mo si tu te pienze d’essere ‘o terremoto ca ‘o atterra, primma te l’hê vede’ cu mme!
Sangue Blu: Je so’ figlio ‘e re cumm’a tte, ma comm’a Ciro so stato cresciuto comm’a n’orfano. Ci chiammano figlie ‘e fantasma pecché patemo e tutte ll’uommene dâ famiglia nosta ‘e Confederate nun c’hanno fatte truva’ manco ‘e corpe.
Genny: È sulo ‘a vendetta ca vaje truvanno?
Sangue Blu: Je voglio chillo ca c’hanno pigliato e ca me spetta ‘e diritto: je voglio Furcella.
Genny: E Furcella avrai. Ma si adoppo a famme toja se fa cchiù grossa, je te straccio ‘o core ‘a pietto!

Dopo

Scianel: ‘O vide stu tavuto, Gennari’? Bello, eh? L’aggio stipato pe mme. Ma c’aggi’ ‘a trasi’ quanno me so fatta vecchia assaje.
Genny: E accussì sarrà, ma nel frattempo ce simmo fatte da’ del voi da ‘e sante ‘n Paraviso.
Scianel: Che vuo’ dicere?
Genny: Te piacesse ‘a piazza ‘e Capaccio? Mo che sta guerra è fernuta, addeventa a toja. Accussì mettimmo na bella statua mmiezzo piazza Garibaldi.
Scianel: ‘O ssaje comme se dice? ‘A peggio zoccola è chella ca t’attacca ‘e piattole e po te fotte n’ata vota. Comme faje tu.

Stagione 4 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Patrizia: Chest’ è, Gennà?
Genny: Chest è, Patrì.Stagione 5 – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra. Gomorra - La serie, Salvatore Esposito, Genny Savastano, macchina
Una scena di Gomorra – La serie che ha come protagonista Salvatore Esposito – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra
Altre informazioni sulla serie tv presenti sul blog – Migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra

Recensione: N.P.

Curiosità sulla serie: N.P.

Altre frasi e citazioni dalla serie:

Migliori frasi di Ciro Di Marzio in Gomorra

Migliori frasi di Salvatore Conte in Gomorra


Infine vi ricordo che, per rimanere sempre aggiornati sulle ultime notizie, potete seguire il blog sui canali Facebook, Instagram e Twitter. Se vi è piaciuto l’articolo sulle migliori frasi di Genny Savastano in Gomorra, trovate articoli simili in questa sezione: Frasi e citazioni Frasi e citazioni.

Se conoscete altre frasi di Genny Savastano in Gomorra che vi hanno colpito da consigliare scrivetelo nei commenti!

Luca Miglietta

Il libro di Roberto Saviano – sponsorizzato

Pubblicato da Luca Miglietta

Luca Miglietta, classe 1988, nato a Torino, appassionato di cinema e di tutto il mondo che lo circonda. Cresciuto fin da piccolo con la passione per il grande schermo guardando saghe come Ritorno al Futuro, Star Wars ed Indiana Jones. Difficile dire quale sia il mio film preferito in assoluto, perché generalmente non mi affeziono a un singolo film a parte quelli sopracitati che sono legati alla mia infanzia. Se dovessi però dirne qualcuno penserei a: Blade Runner, Terminator o Apocalypse Now. Non amo solamente il cinema, ma anche la letteratura e la fotografia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.