La paura del coinvolgimento – Osho

La paura del coinvolgimento – Osho

La paura del coinvolgimento

Le illuminanti parole di Osho sull’argomento

La paura del coinvolgimento, Osho Rajneesh
Osho Rajneesh
Sei qui: Home » La paura del coinvolgimento – Osho

Ora vi parlerò di cosa diceva Osho Rajneesh sulla paura del coinvolgimento. Osho Rajneesh è stato un importante mistico e maestro spirituale indiano. Lui crede che un uomo passi da una donna all’altra e continui a cambiare proprio per la sua paura del coinvolgimento. Osho non lo dice direttamente ma, sia chiaro, lo stesso discorso vale anche per le donne nei confronti degli uomini. Tutti sono convinti che un uomo sia un grande amatore perché ha tante donne, ma non è così: “la gente pensa che sia un grande amante; non è affatto un amante”.

Un uomo che si comporta così sta semplicemente fuggendo per la paura del coinvolgimento. Dice Osho: “sta evitando, cerca di evitare qualsiasi coinvolgimento profondo, perché con un coinvolgimento profondo si devono affrontare problemi e si devono affrontare molti dolori”. L’uomo evita un coinvolgimento profondo per il terrore di dover affrontare dei problemi e probabilmente dover soffrire. Decide così di mantenere una relazione superficiale per evitare tutto questo.

Per questo motivo l’uomo cerca sempre di andare sul sicuro, prendere la via più facile e non andare troppo in profondità nelle relazioni: “così si gioca semplicemente in sicurezza;
si fa in modo di non andare mai troppo in profondità in qualcuno. Se vai troppo in profondità potresti non essere in grado di tornare facilmente”. Poi Osho Rajneesh aggiunge che se vai in profondità con qualcuno anche l’atro entra in profondità in te: “e se si va in profondità in qualcuno, qualcun altro andrà in profondità anche in te; è sempre proporzionato”.

La paura del coinvolgimento fa sì che l’uomo cerchi la via più facile e non si impegni in maniera profonda

Avere una relazione profonda con qualcuno implica permettere anche a all’altra persona di raggiungere la stessa profondità dentro di te. Si tratta infatti di un dare e ricevere. Diventa una vera e propria condivisione. Dice Osho: “se vado molto in profondità in te, l’ unico modo è permetterti di andare anche in profondità in me. E’ un dare e ricevere è una condivisione.”

Se una persona rimane troppo coinvolta, gli sarà poi troppo difficile e doloroso andare via. Così per evitare di soffrire si cerca di conoscere solo superficialmente le persone e non si hanno vere storia d’amore. “poi ci si può impigliare troppo e sarà difficile scappare e il dolore può essere molto”. Osho Rajneesh poi continua “così le persone imparano a giocare in sicurezza. Basta lasciare che le superfici si incontrino”. L’uomo quando comincia a provare dei veri e propri sentimenti per paura scappa: “le storie d’amore che colpiscono e scappano. Prima di essere catturati … corri”.

Nel mondo attuale si diventa così superficiali e la maturità arriva solo quando si è pronti ad affrontae il dolore e non i ha più paura del coinvolgimento, ma si è pronti ad affrontare l’amore. “Questo è ciò che sta accadendo nel mondo, la gente sta perdendo tutta la maturità. La maturità arriva solo quando si è pronti ad affrontare il dolore del proprio essere; la maturità arriva solo quando si è pronti a raccogliere la sfida. E non c’è sfida più grande dell’amore”.

La paura del coinvolgimento per Osho

Ecco il pensiero completo di Osho Rajneesh sulla paura del coinvolgimento:

L’ uomo passa da una donna all’altra …
continua a cambiare.
La gente pensa che sia un grande amante; non è affatto un amante.

Sta evitando …
cerca di evitare qualsiasi coinvolgimento profondo …
perché con un coinvolgimento profondo si devono affrontare problemi
e si devono affrontare molti dolori.

Così si gioca semplicemente in sicurezza;
si fa in modo di non andare mai troppo
in profondità in qualcuno.
Se vai troppo in profondità potresti
non essere in grado di tornare facilmente.
E se si va in profondità in qualcuno … qualcun altro andrà in profondità anche in te;
è sempre proporzionato.

Se vado molto in profondità in te …
l’ unico modo è permetterti di andare anche in profondità in me.
E’ un dare e ricevere …
è una condivisione.
Poi ci si può impigliare troppo …
e sarà difficile scappare
e il dolore può essere molto.

Così le persone imparano a giocare in sicurezza:
basta lasciare che le superfici si incontrino –
le storie d’amore che colpiscono e scappano.
Prima di essere catturati … corri.

Questo è ciò che sta accadendo nel mondo …
la gente sta perdendo tutta la maturità. La maturità arriva solo quando si è pronti ad affrontare il dolore del proprio essere; la maturità arriva solo quando si è pronti a raccogliere la sfida.
E non c’è sfida più grande dell’amore.

Altre curiosità su Osho e altri pensatori

Questo è quello che dice Osho Rajneesh sulla paura del coinvolgimento. Cosa ne pensate? Siete d’accordo con lui? Anche voi avete avuto paura di un coinvolgimento più profondo con un uomo o una donna? O è accaduto alla vostra partener? Dopo aver letto il pensiero di Osho sulla paura del coinvolgimento, potete leggere anche questi interessanti pezzi filosofici:

Infine vi ricordo che, per rimanere sempre aggiornati sulle ultime notizie riguardanti film, serie TV, musica e cartoni animati, potete seguire il blog sui social. Non sono solo film ha un canale Telegram e pagine su Facebook, Instagram e Twitter.

Vi è piaciuto questo articolo sulla paura del coinvolgimento? Trovate articoli simili nella sezione del blog non son solo film dedicata alle curiosità. Vi ricordo che se volete contribuire ad aiutare il blog potete comprare questo bellissimo libro di Osho sull’amore per rimanere nel tematica dell’articolo, cliccando sul link di Amazon in basso. In questo modo contribuirete a pagare le spese del blog. Una lettura interessante che può essere utile se amate questo filosofo.

Luca Miglietta

Libro – sponsorizzato

Pubblicato da Luca Miglietta

Luca Miglietta, classe 1988, nato a Torino, appassionato di cinema e di tutto il mondo che lo circonda. Cresciuto fin da piccolo con la passione per il grande schermo guardando saghe come Ritorno al Futuro, Star Wars ed Indiana Jones. Difficile dire quale sia il mio film preferito in assoluto, perché generalmente non mi affeziono a un singolo film a parte quelli sopracitati che sono legati alla mia infanzia. Se dovessi però dirne qualcuno penserei a: Blade Runner, Terminator o Apocalypse Now. Non amo solamente il cinema, ma anche la letteratura e la fotografia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.