Monologo Charlie in Storia di un matrimonio

Monologo Charlie in Storia di un matrimonio

Monologo di Charlie Barber in Storia di un matrimonio

Ad interpretare l’uomo è Adam Driver

Monologo Charlie in Storia di un matrimonio, 2019, Noah Baumbach, Adam Driver, Charlie Barber
Una scena di Storia di un matrimonio che ha come protagonista Adam Driver nel ruolo di Charlie Barber
Sei qui: Home » Monologo Charlie in Storia di un matrimonio

Oggi vi parlerò del monologo di Charlie Barber in Storia di un matrimonio. Si tratta di una pellicola scritta e diretta nel 2019 da Noah Baumbach. Ad interpretare Charlie è un intenso Adam Driver, affiancato da Scarlett Johansson nel ruolo di Nicole Barber. Ho parlato della donna in questo articolo: Monologo Nicole in Storia di un matrimonio.

Charlie è un famoso regista teatrale sposato con l’attrice Nicole, da cui ha avuto un figlio piccolo. La coppia non sta attraversando una bella fase perché ha diversi problemi matrimoniali. I due coniugi decidono così di fare terapia di coppia. Il terapista che li segue gli suggerisce di scrivere su un foglio tutte le cose che all’uno piacciono dell’altro. Dopo questa breve introduzione vi propongo il monologo di Charlie in Storia di un matrimonio.

L’interessante monologo Charlie Barber in Storia di un matrimonio

Quello che amo di Nicole. Sa far sentire le persone a proprio agio anche in situazioni imbarazzanti. Ascolta davvero quando qualcuno le parla. A volte ascolta fin troppo e troppo a lungo. È una cittadina modello. Sa sempre cosa fare quando si tratta di rotture di coglioni familiari. Io faccio molto a modo mio e lei sa quando insistere e quando lasciarmi stare. Taglia i capelli a tutti noi. Prepara sempre inspiegabilmente una tazza di tè che non beve mai. E per lei non è facile mettere a posto un calzino o chiudere un pensile o lavare un piatto, ma ci prova per me.

Nicole è cresciuta a Los Angeles circondata da attori, registi, film e televisione, ed è molto legata a sua madre, Sandra, e a Cassie, sua sorella. Nicole fa dei regali fantastici. È una madre che gioca, gioca davvero. Non si tira mai indietro se c’è da giocare, né dice mai che è troppo. Ma dev’essere troppo, a volte… È competitiva. È bravissima ad aprire i barattoli grazie alle sue braccia muscolose che ho sempre trovato sexy. Lei tiene il frigo troppo pieno: nessuno soffre la fame a casa nostra. Sa usare il cambio manuale.

Dopo quel film ‘All over the girl’, sarebbe potuta restare a Los Angeles e diventare una star del cinema ma ha rinunciato per fare teatro con me a New York. È coraggiosa. È un’ottima ballerina, contagiosa, vorrei saper ballare così. Lo ammette sempre se non sa qualcosa, se non ha letto un libro o non ha visto un film o uno spettacolo, mentre io fingo e dico “L’ho visto tanto tempo fa”. Quando ho delle idee folli non vede l’ora di capire come metterle in scena. È la mia attrice preferita.

Alte curiosità su Adam Driver e Storia di un matrimonio

Vi è piaciuto il monologo di Charlie in Storia di un matrimonio? Dopo aver letto il monologo di Charlie in Storia di un matrimonio, potete leggere anche questi interessanti pezzi sul film e l’attore:

Infine vi ricordo che, per rimanere sempre aggiornati sulle ultime notizie riguardanti film, serie TV, musica e cartoni animati, potete seguire il blog sui social. Non sono solo film ha un canale Telegram e pagine su Facebook, Instagram e Twitter.

Vi è piaciuto questo articolo sulle rivelazioni sul monologo di Charlie Barber in Storia di un matrimonio? Trovate articoli simili nella sezione del blog non son solo film dedicata alle curiosità.

Luca Miglietta

Pubblicato da Luca Miglietta

Luca Miglietta, classe 1988, nato a Torino, appassionato di cinema e di tutto il mondo che lo circonda. Cresciuto fin da piccolo con la passione per il grande schermo guardando saghe come Ritorno al Futuro, Star Wars ed Indiana Jones. Difficile dire quale sia il mio film preferito in assoluto, perché generalmente non mi affeziono a un singolo film a parte quelli sopracitati che sono legati alla mia infanzia. Se dovessi però dirne qualcuno penserei a: Blade Runner, Terminator o Apocalypse Now. Non amo solamente il cinema, ma anche la letteratura e la fotografia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.