Viggo Mortensen nudo in La promessa dell’assassino

Viggo Mortensen nudo in La promessa dell’assassino

Viggo Mortensen nudo in La promessa dell’assassino

L’attore si spoglia nel film di David Cronenberg

Viggo Mortensen nudo in La promessa dell'assassino, 2007, David Cronenberg, Naomi Watts, macchina, volante
Una scena di La promessa dell’assassino che ha come protagonisti Viggo Mortensen e Naomi Watts
Sei qui: Home » Viggo Mortensen nudo in La promessa dell’assassino

Viggo Mortensen è nudo in una scena di La promessa dell’assassino. Tra le scene più famose del film c’è sicuramente il crudo combattimento nel bagno turco, dove Mortensen viene sorpreso da due assassini. Viggo Mortensen è completamente nudo e disarmato in questa sequenza di La promessa dell’assassino. E’ solo nella sauna e arrivano due pericolosi sicari. Nikolai Luzhin, il personaggio interpretato da Viggo Mortensen dovrà combattere al meglio delle sue abilità per salvarsi la vita.

Viggo Mortensen è completamente nudo in La promessa dell’assassino e si vedono sul suo corpo numerosissimi tatuaggi, come da tradizione della criminalità russa. In tutto ha 43 tatuaggi sul corpo, alcuni tattoo son piccolissimi, altri enormi come quello che gli ricopre la schiena. Viggo Mortensen ha rivelato: “alcune delle loro scritte erano umoristiche, altre poetiche. l mio preferito ‘fa che tutto ciò che ho vissuto sia come un sogno’, che trovo molto bello e triste”. Più avanti vi spiegherà a cosa si è ispirato Cronenberg per i tattoo.

Nikolai Luzhin è l’autista di fiducia di Kirill, il figlio di Semyon, il capo di una fratellanza criminale chiamata Vory V Zakone. Kirill è un uomo molto instabile e poco apprezzato dal padre. Nikolai Luzhin sembra voler arrivare al padre tramite Kirill. Luzhin avrà inoltre un rapporto ambiguo con la bella Anna, una donna alla disperata ricerca di una famiglia a cui affidare una neonata.

Viggo Mortensen è nudo in una cruenta scena di La promessa dell’assassino

Nel film del 2007 di David Cronenberg, oltre a Viggo Mortensen, recitano anche, Naomi Watts nel ruolo di Anna Khitrova e Vincent Cassel in quello di Kirill. Armin Mueller-Stahl è Semyon, mentre Sinéad Cusack veste i panni di Helen. Donald Sumpter è infine Yuri. Viggo Mortensen parla così della sequenza in cui è nudo in La promessa dell’assassino: “sono contento che sia stato girato in due giorni e non in sei, come era stato inizialmente preventivato. Onestamente, però, mi ci sono voluti circa otto secondi per decidere se girare o meno quella scena”.

La sequenza in cui Viggo Mortensen è nudo in La promessa dell’assassino è probabilmente la più memorabile. Si svolge infatti un cruentissimo combattimento in cui Nikolai Luzhin lotta per la sua sopravvivenza. Viggo Mortensen parla così della sequenza: “era scivoloso, doloroso e imbarazzante, si vede quello che si vede, ho sempre saputo che la scena sarebbe dovuta essere realistica come il resto del film, quindi non avrei potuto tenere l’asciugamano. Si vede in diverse inquadrature proprio il pene di Viggo Mortensen mentre combatte. Viggo Mortensen aggiunge: “inoltre non dovremmo cercare di nascondere le cose”.

Lui era piamente consapevole di quello che avrebbe dovuto girare: “sapevo che sarebbe stato imbarazzante per me e anche doloroso, non potevo indossare nulla che potesse proteggermi se non un mucchio di tatuaggi”. Viggo Mortensen ha poi aggiunto che nonostante la scena del combattimento in cui è nudo in La promessa dell’assassino, abbia attirato l’attenzione del pubblico, il film è molto meno violento di altri. L’attore ha concluso dicendo: “in termini di violenza sì, è un film violento, ma il numero dei morti di questo film è di molto inferiore rispetto a pellicole come The Departed o Bourne”.

L’attenzione ai dettagli

Nella sequenza in cui Viggo Mortensen combatte, l’attore però è talmente disinvolto che la sua nudità passa in secondo piano. Ciò accade nonostante la scena duri parecchi minuti. Questo perché Viggo Mortensen ha buon rapporto col suo corpo. Non si tratta di una cosa scontata perchè molti attori hanno problemi a girare questo tipo di scene. Viggo Mortensen aveva già girato scene di nudo in film come: Riflessi sulla pelle, Lupo solitario, Psycho, A Walk on the Moon – Complice la luna, A History of Violence, The Road, On the Road e Captain Fantastic.

Nelle sequenze in cui Viggo Mortensen è nudo in La promessa dell’assassino si vedono tutti i 43 i tatuaggi di cui vi parlavo prima. David Cronenberg conosceva bene la storia e il significato dei tatuaggi che si fanno incidere i criminali russi. Il regista infatti in una intervista aveva rivelato di aver ricevuto in regalo un libro sui tatuaggi dei malavitosi russi. Si è ispirato ad alcuni dei tatuaggi che aveva trovato nel libro per farli poi disegnare sul corpo nudo di Viggo Mortensen.

David Cronenberg ha così parlato dei tatuaggi: “per me è importante essere meticoloso e mostrare i dettagli. È qualcosa che cerco di fare da sempre, sono andato in Russia per studiare il personaggio poiché volevo conoscere meglio il tutto, prima di tornare a Londra e iniziare a girare il film. Volevo davvero ricreare questo mondo, per me è una cosa di fondamentale importanza”. Si tratta di un regista che grazie a questa sua attenzione ad ogni particolare ha girato pellicole bellissime, che rimarranno per sempre nella storia del cinema.

Altre curiosità su Viggo Mortensen, La promessa dell’assassino e David Cronenberg

Viggo Mortensen è nudo in La promessa dell’assassino, avete mai visto il film? Vi è piaciuta la pellicola? Dopo aver letto di Viggo Mortensen nudo in La promessa dell’assassino, potete leggere anche questi interessanti pezzi sull’attore:

Infine vi ricordo che, per rimanere sempre aggiornati sulle ultime notizie riguardanti film, serie TV, musica e cartoni animati, potete seguire il blog sui social. Non sono solo film ha un canale Telegram e pagine su Facebook, Instagram e Twitter.

Vi è piaciuto questo articolo su Viggo Mortensen nudo in La promessa dell’assassino? Trovate articoli simili nella sezione del blog non son solo film dedicata alle curiosità.

Luca Miglietta

Libro – sponsorizzato

Pubblicato da Luca Miglietta

Luca Miglietta, classe 1988, nato a Torino, appassionato di cinema e di tutto il mondo che lo circonda. Cresciuto fin da piccolo con la passione per il grande schermo guardando saghe come Ritorno al Futuro, Star Wars ed Indiana Jones. Difficile dire quale sia il mio film preferito in assoluto, perché generalmente non mi affeziono a un singolo film a parte quelli sopracitati che sono legati alla mia infanzia. Se dovessi però dirne qualcuno penserei a: Blade Runner, Terminator o Apocalypse Now. Non amo solamente il cinema, ma anche la letteratura e la fotografia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.